Passa ai contenuti principali

Gusti di frontiera: dal solito "volontariato" al mancato coinvolgimento dei richiedenti asilo

Più che gusti di frontiera, lasciando intendere un mondo senza frontiere, la nota sagra che si svolgerà a Gorizia, andrebbe chiamata come gusti con frontiere. Ancora una volta si ricorre al sistema del volontariato, le motivazioni reali sono quelle finalizzate a risparmiare.
Ovviamente il volontario che parteciperà a questa iniziativa, il cui numero si aggira su circa 40 persone, cosa ci guadagnerà? Una sorta di attestato che  probabilmente farà curriculum( per cosa non è dato sapere), un buono pasto per turno del valore di € 10,00 ed i turni potranno essere i seguenti: turno antimeridiano (ore 09.30 – 16.30) turno pomeridiano ( ore 15.30- 22.30). La cosa interessante è che "ai fini di offrire un’accoglienza di alto livello, appare sempre più importante organizzare un sistema strutturato di supporto ed orientamento dei visitatori, anche plurilingue, ai numerosi ospiti stimati nelle tre giornate in oltre 450.000" ed ovviamente, come sempre accade in queste occasioni, si tratterà di realizzare un fantomatico percorso di cittadinanza attiva peer to peer, in cui il singolo possa sfruttare l’occasione di un evento importante per la città per dimostrare alla comunità le proprie abilità e capacità. Viene in mente quanto realizzato con l'EXPO, anche lì si leggeva che "L’esperienza sul campo - a maggior ragione in ambito EXPO - arricchisce le iniziative volte all’orientamento, in quanto consente ai giovani di cimentarsi in compiti concreti, attraverso i quali conoscersi meglio, mettersi alla prova, testare le proprie inclinazioni e le proprie aspirazioni, confrontarsi con adulti e coetanei in situazioni altamente coinvolgenti e stimolanti". Nel caso dell'EXPO si è realizzato un vero lavoro gratuito, con la complicità scellerata anche del MIUR, dopo aver dovuto svolgere un corso obbligatorio di ben 10 ore, con un lavoro vero e proprio mascherato da volontariato, con orario prestabilito e poi ovviamente veniva anche data la possibilità, dopo ben otto ore di lavoro e di caos all'interno di quella mega fiera, a studenti e docenti di visitare il sito o partecipare alle attività proposte per le rimanenti ore. Un pregevole volontariato, che farà curriculum, che darà opportunità indefinite, immense, che ti insegnerà il senso del rispetto dei diritti. No? Forse questa è l'unica forma di volontariato che a Gorizia da alcuni viene vista bene. Se penso al sistema del volontariato nei confronti dei richiedenti asilo, che ha colmato lacune ed omissioni istituzionali enormi, in quel caso tanto vile disprezzo è emerso. Valutare il coinvolgimento dei richiedenti asilo, in percorsi di cittadinanza attiva, e di integrazione, nel caso di Gusti di Frontiera, è cosa così diabolica da prendere in considerazione? Sarebbe umanamente bello avere anche uno spazio, un borgo, dedicato all'area di provenienza dei richiedenti asilo. Attraverso la cucina, il cibo, magari molte frontiere sarebbero realmente venute meno, nella città che ospita l'unicum, anche se ignorato, della Piazza Transalpina, nei confronti di chi oggi paga a livello europeo delle discriminazioni e forme di odio becere, solo per aver chiesto accoglienza, per essere fuggito da una guerra che anche parte dell'Occidente ha contribuito a determinare. Ma un panino, una bibita, una piadina, o qualsiasi pietanza particolare essa sia, durante l'enorme sagra goriziana, non darà il tempo a queste riflessioni, perché quello sarà il momento dove ci si dovrà ingozzare, bere, e quello che accade intorno ad un borgo artificiale, non ti sfiorerà minimamente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…