Passa ai contenuti principali

Gusti di frontiera: dal solito "volontariato" al mancato coinvolgimento dei richiedenti asilo

Più che gusti di frontiera, lasciando intendere un mondo senza frontiere, la nota sagra che si svolgerà a Gorizia, andrebbe chiamata come gusti con frontiere. Ancora una volta si ricorre al sistema del volontariato, le motivazioni reali sono quelle finalizzate a risparmiare.
Ovviamente il volontario che parteciperà a questa iniziativa, il cui numero si aggira su circa 40 persone, cosa ci guadagnerà? Una sorta di attestato che  probabilmente farà curriculum( per cosa non è dato sapere), un buono pasto per turno del valore di € 10,00 ed i turni potranno essere i seguenti: turno antimeridiano (ore 09.30 – 16.30) turno pomeridiano ( ore 15.30- 22.30). La cosa interessante è che "ai fini di offrire un’accoglienza di alto livello, appare sempre più importante organizzare un sistema strutturato di supporto ed orientamento dei visitatori, anche plurilingue, ai numerosi ospiti stimati nelle tre giornate in oltre 450.000" ed ovviamente, come sempre accade in queste occasioni, si tratterà di realizzare un fantomatico percorso di cittadinanza attiva peer to peer, in cui il singolo possa sfruttare l’occasione di un evento importante per la città per dimostrare alla comunità le proprie abilità e capacità. Viene in mente quanto realizzato con l'EXPO, anche lì si leggeva che "L’esperienza sul campo - a maggior ragione in ambito EXPO - arricchisce le iniziative volte all’orientamento, in quanto consente ai giovani di cimentarsi in compiti concreti, attraverso i quali conoscersi meglio, mettersi alla prova, testare le proprie inclinazioni e le proprie aspirazioni, confrontarsi con adulti e coetanei in situazioni altamente coinvolgenti e stimolanti". Nel caso dell'EXPO si è realizzato un vero lavoro gratuito, con la complicità scellerata anche del MIUR, dopo aver dovuto svolgere un corso obbligatorio di ben 10 ore, con un lavoro vero e proprio mascherato da volontariato, con orario prestabilito e poi ovviamente veniva anche data la possibilità, dopo ben otto ore di lavoro e di caos all'interno di quella mega fiera, a studenti e docenti di visitare il sito o partecipare alle attività proposte per le rimanenti ore. Un pregevole volontariato, che farà curriculum, che darà opportunità indefinite, immense, che ti insegnerà il senso del rispetto dei diritti. No? Forse questa è l'unica forma di volontariato che a Gorizia da alcuni viene vista bene. Se penso al sistema del volontariato nei confronti dei richiedenti asilo, che ha colmato lacune ed omissioni istituzionali enormi, in quel caso tanto vile disprezzo è emerso. Valutare il coinvolgimento dei richiedenti asilo, in percorsi di cittadinanza attiva, e di integrazione, nel caso di Gusti di Frontiera, è cosa così diabolica da prendere in considerazione? Sarebbe umanamente bello avere anche uno spazio, un borgo, dedicato all'area di provenienza dei richiedenti asilo. Attraverso la cucina, il cibo, magari molte frontiere sarebbero realmente venute meno, nella città che ospita l'unicum, anche se ignorato, della Piazza Transalpina, nei confronti di chi oggi paga a livello europeo delle discriminazioni e forme di odio becere, solo per aver chiesto accoglienza, per essere fuggito da una guerra che anche parte dell'Occidente ha contribuito a determinare. Ma un panino, una bibita, una piadina, o qualsiasi pietanza particolare essa sia, durante l'enorme sagra goriziana, non darà il tempo a queste riflessioni, perché quello sarà il momento dove ci si dovrà ingozzare, bere, e quello che accade intorno ad un borgo artificiale, non ti sfiorerà minimamente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …