Passa ai contenuti principali

Che anno scolastico sarà? Tante le incognite

Sicuramente quella del 2016 non è stata una estate serena per migliaia di docenti. Tra accuse denigratorie, l'essere qualificati come capra non verrà certamente rimosso, tante le sofferenze per una mobilità imposta da una macchina che non guarda i sentimenti, alle situazioni personali e famigliari, ma che decide e basta. Da Sud a Nord ma anche da Nord a Sud, spesso spostamenti inspiegabili, con i quali, però, i docenti dovranno fare i conti, in tutti i sensi. Il personale ATA continua ad essere in sofferenza, con carichi di lavoro sempre più pressanti, il rapporto tra studenti e docenti non continua a diminuire, come buon senso vorrebbe, come una buona scuola dovrebbe fare. La chiamata diretta ha iniziato a dimostrare il suo vero volto, i dirigenti si sceglieranno i fedelissimi, e chi non verrà scelto dovrà sperare di trovare riparo in qualche scuola di qualche ambito. Ambiti, tanti ambiti, a volte anche più delle stesse province, una frammentazione assurda del territorio che ha complicato ancora di più la macchina della burocrazia. Insomma, a dirla tutta, forse si stava meglio quando si stava "peggio", se questo è il prezzo da pagare per la buona scuola, meglio cestinarla in toto. E qui si apre un piccolo spiraglio di attesa. Cosa dirà la Cassazione? Lo scopriremo a breve se il referendum potrà avere il via libera o meno, oppure, se si dovrà aspettare il prossimo Governo "amico" per arrivare ad abrogare almeno i punti più stupidi della Legge 107 del 2015. Il piano di dematerializzazione latita, e nel mentre di tutto ciò i registri elettronici continuano a diffondersi in barba alla privacy, così come rimane l'incognita sul bonus docenti. Arriverà o non arriverà la carta docente a settembre 2016? O si dovranno ripetere le peripezie del precedente anno scolastico? Per non parlare del mancato rinnovo del CCNL scuola, sono dieci anni dall'ultima sottoscrizione. E la scuola è stata stravolta, con la Legge che superato il Contratto schiaffeggiando in continuazione le relazioni sindacali ed i diritti dei docenti, con un sistema che ha ribaltato ogni valore ed etica, dove ora il vero potere è esercitato dall'utenza, dalla clientela, dalle famiglie, ciò perché la scuola è stata trasformata in un negozio che deve vendere un prodotto come lo desidera il mercato, alla faccia della libertà d'insegnamento. Una scuola ove esiste una vera e propria questione del lavoro femminile, cosa che non viene mai affrontata con la giusta prospettiva e dignità. Insomma, una marea di incognite ci aspettano su questo ennesimo anno scolastico. Se il primo anno scolastico della buona scuola poteva essere definito come anno ponte, questo sarà certamente l'anno dell'inizio di una sventura che pare non avere proprio fine. Buon anno scolastico a tutte e tutti voi.

Marco Barone 
Pubblicato per Tecnica della scuola

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Fuori: scaricata dal Sindaco Cisint la Fenice e dalla Serracchiani l'ex Sindaco di Monfalcone

Minuto 23 del programma Fuori Roma dedicato al caso Monfalcone : Il Sindaco Cisint- " la lista civica che nemmeno siede in Consiglio comunale, è una polemica sterile”.  Minuto 37: Serracchiani, Presidente Regione FVG braccio destro di Renzi nel PD- " E' stato un grave errore che se l'avessi saputo avrei sconsigliato il Sindaco di fare".
Paradossalmente due nemici politici si son trovati scaricati su due questioni diverse, ma all'interno dello stesso programma televisivo mandato in onda in tutta Italia. Il primo caso riguarda un gruppo Facebook locale, La Fenice, su cui è inutile sprecare commenti, ma il cui contributo per la vittoria del Sindaco della Lega Nord a Monfalcone è stato certamente importante stante anche il fatto che faceva parte dell'alleanza di liste a suo sostegno per non parlare della campagna mediatica fatta attraverso i social.

Ma sin da dopo le elezioni si son registrati passi di allontanamento costanti, a nulla è servita una delega a…