Passa ai contenuti principali

Ordine, decoro e pulizia nel triangolo delle Bermude di Trieste



E' accaduto in passato a Napoli, a Parma, a Salerno, a Brescia, il sequestro delle coperte nei confronti dei senza tetto, anche se la peggiore delle ordinanze è avvenuta a Budapest nel non tanto lontano 2011 quando i "vagabondi" se non riuscivano a pagare 200 euro di multa, una cifra enorme, rischiavano di finire in galera. A Trieste in questo momento regna la politica della tutela della facciata ed il tema dominante che ha caratterizzato, per esempio, l'ordinanza contro chi indica un parcheggio libero per conseguire direttamente od indirettamente un beneficio minimo economico, è  quello di evitare lo scadimento della qualità urbana e l’alterazione del decoro urbano. Ordine, decoro e pulizia. Il tutto in una città che continua ad essere interessata dalla problematica della Ferriera, dalla disoccupazione, dalla criminalità organizzata, in una città che non riesce ad intraprendere una chiara via di uscita per ritornare ai fasti imperiali che probabilmente si potranno continuare a leggere in qualche libro nelle librerie antiche.
Trieste avrà ora il suo triangolo delle Bermude, Piazza Libertà, l’entrata della Tripcovich e del Porto Vecchio. E' da decenni che quella zona è degradata, così come è da decenni che in quella zona vi è la presenza di persone,chi per scelta di vita, chi per infelice imposizione della vita, che si sono lì ritagliate un piccolo spazio vitale e sociale.  Tutti coloro che si riempono la bocca di motti come dio e patria e famiglia e che magari hanno anche responsabilità politiche se non di governo della città, farebbero bene ad emulare il loro Papa, visto che molte di loro sono più che cattoliche. Papa che ha aperto nei pressi del Vaticano un dormitorio per i senzatetto, Papa che ha messo a disposizione anche bagni e docce per i clochard. Il problema se è un problema non lo si risolve a colpi di ordinanze. Anche perché queste persone, non potendo essere espulse,  arrestate,  bastonate, come forse vorrebbe anche più di qualche reazionario si sposteranno in qualche altra parte della città, dove forse non turberanno la vista dei turisti, ma sempre in città rimarranno. E dunque, che fare?
Investire nel sociale è l'unica soluzione possibile ed accettabile. In via generale, vedendo quello che accade nel nostro Occidente, rilevo che si devono fare amaramente i conti con il sentimento destrissimo oggi dominante nella società. Ho avuto la possibilità di vedere recentemente un film geniale, "Lui è tornato" un film documentario che trae spunto dal libro omonimo, ma rispetto al libro che è fantasia dell'autore, il "falso" Hitler ha realmente girovagato per le strade della Germania e la reazione dei comuni cittadini, che non erano attori, ma persone reali, è stata allucinante.E' emersa una Germania che rimpiange il nazismo, una Germania che vuole l'uomo forte solo al comando, una Germania che si indigna più per l'uccisione di un cagnolino che del ritorno di Hitler. 
Chiaramente non si deve generalizzare, qualche reazione contraria vi è stata, così come è stato letteralmente ridicolizzato il principale partito neonazista tedesco. 
Ma quello che ha colpito è che se Hitler adattasse oggi i suoi pensieri alla società del terzo millennio, senza sfiorare l'unico elemento reputato come caldo, la questione degli ebrei e l'Olocausto, molti sarebbero favorevoli al ritorno del nazismo. 
Ecco, temo che oggi ci siano le condizioni favorevoli per le peggiori istanze, alcune  si presentano con le vesti di ridicole pagliacciate squadristiche, altre, invece, con serissime vesti, che possono essere fermate e contrastate tramite una risposta straordinaria che unisca sotto il nome dell'applicazione piena dei principi fondamentali della nostra Costituzione e tramite i valori storici dell'antifascismo che hanno dato un minimo di dignità al nostro Paese dopo oltre un ventennio di miserie e disgrazie reazionarie e fasciste. Se ciò non accadrà, verremo tutti travolti da un sistema becero e nefasto. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…