Passa ai contenuti principali

Non chiamateli calabresi ma 'ndranghetisti


E' andato, in diverse edicole del monfalconese, letteralmente a ruba il Piccolo del 2 luglio. La notizia, ed è una notizia con la N maiuscola, che ora è un dato certo, assodato, comprovato, la presenza della 'ndrangheta in queste zone, ed è stato uno shock per tanti, una conferma per altri. La cosa che più mi ha fatto piacere, nel dispiacere della situazione complessiva, è che il Piccolo non ha genericamente parlato di calabresi, ma di 'ndrine, di 'ndranghetisti. Ed ha fatto la cosa giusta. Da calabrese emigrato, come tanti che viviamo in questa regione da anni, non posso che riconoscere la correttezza di questo stile. Personalmente, come tanti che si sono ribellati nel loro piccolo a questa bestialità, chiamata 'ndrangheta che soprattutto dopo la "piemontesizzazione" del Sud Italia, in relazione all'affermarsi della questione meridionale ha trovato sempre maggiore consistenza, fino alla trasformazione epocale avvenuta con la fine dei sequestri di persona ed il dedicarsi ad attività di business criminale variegato, droga, speculazione, riciclaggio di danaro, armi, ha cercato di dare un piccolo contributo per contrastare ciò. Avevo il "vizio" insieme ad alcuni amici e compagni di lotta di scrivere e di denunciare e criticare anche quando vivevo in Calabria, alcuni nostri interventi trovavano spazio in un quotidiano locale all'interno delle pagine cittadine, e vi assicuro che non è una bella esperienza di vita ricevere un messaggio da parte di una importante 'ndrina che dice " stai scrivendo troppo". Ma è una cosa da nulla rispetto a chi ha vissuto sulla propria pelle l'infamia del sistema 'ndranghetista, chi ha avuto la forza di denunciare i criminali, con nome e cognome, chi vive sotto protezione, e letteralmente dimenticato dallo Stato, chi giornalista che indaga ecc.
Ricordo ancora lo stato di polizia nella mia città di origine. Vi è stato un periodo ove esplodevano bombe, si sparava a volte per le strade, posti di blocco ovunque. Non era bello. Non era facile. Ma si andava avanti lo stesso. Così come l'indifferenza di tanti, il pensare ai fatti propri per non mischiarsi in cose più grandi. Tanto esiste da secoli la 'ndrangheta, mica la si può cambiare così in un niente la situazione. E la vita continua, con le 'ndrine che hanno letteralmente massacrato la Calabria e non solo. E questo sistema, in modo silente, anche se non tanto a dire il vero, è arrivato qui, da decenni. Basta leggersi le relazioni della DIA, sono anni che puntano il dito sul monfalconese, su Trieste, alcune zone del Friuli. Basta leggersi i libri che parlano delle mafie a Nord Est, le inchieste che ogni tanto vengono pubblicate, per capire che questa terra era ed è l'isola felice per le mafie sicuramente. Ci sono, si vedono, e vanno combattute, tutte con tutti i mezzi possibili incrociando l'attività di collaborazione con lo Stato, le Istituzioni, Comuni, Magistratura, forze dell'ordine e società civile e stampa libera che ha il coraggio di denunciare. Il contrasto alle mafie non necessita di eroi, ma di consapevolezza e conoscenza e competenza. Purtroppo il sistema di oggi paga in modo caro anche quella speculazione che si è innescata in una certa antimafia, che ha tradito, nel nome del business, del profitto, della eccessiva mediatizzazione, lo spirito complessivo stesso dell'essere antimafia rischiando di minarne il cuore vitale. Ma sono importanti anche i protocolli di legalità. Che andrebbero proposti se non ovunque certamente lì ove vi sono investimenti milionari. Per esempio, penso all'opera immensa, di cui non condivido una sola virgola, che rischia di divenire la classica cattedrale nel deserto, che attirerà investimenti milionari, che dovrebbe realizzarsi in Ronchi, quale il polo intermodale. Piccolo deterrente, non sarà sufficiente, ma è già qualcosa. Così come è un qualcosa di fondamentale disconoscere come calabresi i criminali 'ndranghetisti come, appunto calabresi. Non sono calabresi, sono criminali che hanno ucciso una terra meravigliosa come la Calabria, che hanno disonorato noi calabresi, e non dobbiamo permettere, in nessun modo, che facciano lo stesso anche qui. 
Dunque, non chiamateli più calabresi, ma 'ndranghetisti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…