Passa ai contenuti principali

La figlia del partigiano "Sasso": stiamo rischiando una nuova guerra



A Cormons, in provincia di Gorizia, o meglio, vista l'abrogazione della provincia dovremmo dire dell'Unione Territoriale Intercomunale “Collio – Alto Isonzo", si è svolta una nuova iniziativa organizzata dall'Osservatorio regionale antifascista del FVG, in collaborazione con Resistenza Storica, dove si è nuovamente avviata una importante riflessione sulla vicenda, quasi ufologica, della non foiba di Rosazzo. Tra i vari interventi che sono maturati nel corso del dibattito, è da segnalare quello della figlia del partigiano Sasso (Mario Fantini).
 Ha ricordato, con lucidità viva, che i partigiani, che hanno subito una marea di discriminazioni subito dopo la fine della guerra, hanno lottato per darci una società senza più guerre, per un mondo di giustizia e di pace. Ed oggi, quella giustizia e quella pace sono a rischio. Siamo vicini ad una nuova guerra e di segnali ve ne sono tanti, ha urlato Nadia Fantini.
E la cosa tragica è che mentre denunciava ciò, nell'iniziativa di Cormons, a Nizza stava accadendo quello che tutti poi abbiamo appreso . La strage del 14 luglio.
Purtroppo è da lungo tempo che si parla di terza guerra mondiale a frammenti, a pezzetti, il mondo è caratterizzato da situazioni di tensione significativa, ogni giorno ne accade una, non si ha il tempo di metabolizzare un dramma che se ne deve affrontare uno nuovo ancora più cruento del precedente. Ma i segnali di guerra emergono a causa di un ritorno di quelle zozzerie sociali che hanno sempre devastato la fratellanza dei e tra i popoli. I nazionalismi. E l'Italia ne ha viste e fatte di tutti i colori camminando sulla via del nazionalismo. Nazionalismo non è patriottismo. Il patriottismo è l'antitesi del nazionalismo, perché i nazionalismi hanno sempre fatto del male alla patria, sono sempre stati una nocività per la patria. Stiamo rischiando una nuova guerra. E non siamo preparati a viverla, e neanche ad affrontarla. Un processo di resistenza, come quello che si è realizzato in Italia, dove giovani, giovanissimi, hanno imbracciato le armi per liberarci dall'oppressore e lottare per un mondo nuovo, comunista o socialista, oggi è inimmaginabile. Perché manca il sentimento diffuso, o come si dice in Italia, l'ideale diffuso e vissuto. L'ideologia opposta al capitalismo è crollata. L'unica ideologia che non può e deve essere intaccata è quella funzionale al capitalismo. Il resto deve essere spazzato via.
Stiamo rischiando una nuova guerra, ci stiamo entrando? Chissà. Certamente la cosa peggiore, forse, è che se da un lato ciò lo stiamo sottovalutando, dall'altro ed estremo lato lo stiamo accettando come un qualcosa di ovvio, banale. Si parla di guerra con facilità. Con superficialità. E la cosa incredibile è che il tutto accade a ridosso del centenario della grande carneficina umana. Nei confronti della quale una rielaborazione critica e ragionata contro le mistificazioni è certamente avvenuta. Ma l'indifferenza, la non conoscenza, una sorta di "me ne frego" del terzo millennio diffuso più che mai, sta preparando il campo ad un qualcosa più grande di noi. E la guerra non è come vivere un film od un videogame, è una cosa più seria a cui non siamo preparati.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…