Passa ai contenuti principali

La figlia del partigiano "Sasso": stiamo rischiando una nuova guerra



A Cormons, in provincia di Gorizia, o meglio, vista l'abrogazione della provincia dovremmo dire dell'Unione Territoriale Intercomunale “Collio – Alto Isonzo", si è svolta una nuova iniziativa organizzata dall'Osservatorio regionale antifascista del FVG, in collaborazione con Resistenza Storica, dove si è nuovamente avviata una importante riflessione sulla vicenda, quasi ufologica, della non foiba di Rosazzo. Tra i vari interventi che sono maturati nel corso del dibattito, è da segnalare quello della figlia del partigiano Sasso (Mario Fantini).
 Ha ricordato, con lucidità viva, che i partigiani, che hanno subito una marea di discriminazioni subito dopo la fine della guerra, hanno lottato per darci una società senza più guerre, per un mondo di giustizia e di pace. Ed oggi, quella giustizia e quella pace sono a rischio. Siamo vicini ad una nuova guerra e di segnali ve ne sono tanti, ha urlato Nadia Fantini.
E la cosa tragica è che mentre denunciava ciò, nell'iniziativa di Cormons, a Nizza stava accadendo quello che tutti poi abbiamo appreso . La strage del 14 luglio.
Purtroppo è da lungo tempo che si parla di terza guerra mondiale a frammenti, a pezzetti, il mondo è caratterizzato da situazioni di tensione significativa, ogni giorno ne accade una, non si ha il tempo di metabolizzare un dramma che se ne deve affrontare uno nuovo ancora più cruento del precedente. Ma i segnali di guerra emergono a causa di un ritorno di quelle zozzerie sociali che hanno sempre devastato la fratellanza dei e tra i popoli. I nazionalismi. E l'Italia ne ha viste e fatte di tutti i colori camminando sulla via del nazionalismo. Nazionalismo non è patriottismo. Il patriottismo è l'antitesi del nazionalismo, perché i nazionalismi hanno sempre fatto del male alla patria, sono sempre stati una nocività per la patria. Stiamo rischiando una nuova guerra. E non siamo preparati a viverla, e neanche ad affrontarla. Un processo di resistenza, come quello che si è realizzato in Italia, dove giovani, giovanissimi, hanno imbracciato le armi per liberarci dall'oppressore e lottare per un mondo nuovo, comunista o socialista, oggi è inimmaginabile. Perché manca il sentimento diffuso, o come si dice in Italia, l'ideale diffuso e vissuto. L'ideologia opposta al capitalismo è crollata. L'unica ideologia che non può e deve essere intaccata è quella funzionale al capitalismo. Il resto deve essere spazzato via.
Stiamo rischiando una nuova guerra, ci stiamo entrando? Chissà. Certamente la cosa peggiore, forse, è che se da un lato ciò lo stiamo sottovalutando, dall'altro ed estremo lato lo stiamo accettando come un qualcosa di ovvio, banale. Si parla di guerra con facilità. Con superficialità. E la cosa incredibile è che il tutto accade a ridosso del centenario della grande carneficina umana. Nei confronti della quale una rielaborazione critica e ragionata contro le mistificazioni è certamente avvenuta. Ma l'indifferenza, la non conoscenza, una sorta di "me ne frego" del terzo millennio diffuso più che mai, sta preparando il campo ad un qualcosa più grande di noi. E la guerra non è come vivere un film od un videogame, è una cosa più seria a cui non siamo preparati.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…