Passa ai contenuti principali

I tanti punti interrogativi da Nizza al mancato colpo di Stato in Turchia


La fretta è una brutta bestia. La frenesia prevale sulla logica. L'emotività domina la ragione. Ma in questa società non è più possibile avviare riflessioni compiute nello stile delle "bustine" di Eco, a distanza di qualche settimana dai fatti accaduti. Si deve riuscire a ragionare avendo la forza di mantenere intatta la lucidità, disintossicandosi dalle volontà del sistema, dalle verità del sistema in tempo reale, per cercare di mettere in discussione, in modo ragionato, la banalità della menzogna. 
Su Nizza tanti sono gli interrogativi che sorgono. Si è puntato subito il dito contro l'ISIS, la cui rivendicazione è arrivata a 30 ore dal fatto. Fin dall'inizio si è voluto che quella strage fosse dell'ISIS. Strage arrivata poche ore dopo che era stato dichiarato che lo stato d'emergenza in Francia non sarebbe stato prorogato. Ora è stato prorogato per tre mesi con migliaia di soldati schierati per le strade francesi. Un TIR, la scusa del gelato da trasportare nel centro di Nizza ed accade quello che tutti abbiamo visto. Una strage. Ma i dubbi sulla motivazione sono emersi dopo qualche ora. Si è parlato di un folle, come se quelli dell'ISIS non lo fossero, si è parlato di un depresso, che si era separato da poco, che non era né estremista né religioso doc. Eppure l'ISIS doveva essere la causa e la ragione di tutto ciò. Perché è più funzionale, perché è più accettabile una strage compiuta dall'ISIS, di simile tenore, che da un pazzo brutto e cattivo, perché la pazzia fa paura, è più imprevedibile dell'ISIS, che comunque colpisce dove e quando e come vuole. Eppure di episodi folli e similari a quello di Nizza ne sono accaduti diversi nel corso del tempo. ISIS doveva essere, forse ISIS è stato, ed ISIS sarà. L'unica cosa certa è che ancora una volta il sistema di sicurezza francese ha fatto una gran figura di merd e chi ne ha pagato il prezzo è stata la gente comune.

Poche ore dopo i fatti di Nizza, dal luogo più controverso alle porte dell'Europa, il luogo che combatte chi combatte realmente l'ISIS, i curdi, il luogo che ha ricevuto milioni di milioni di euro per non far partire i profughi, per non turbare la vista di noi europei, accade l'inverosimile.

Un tentato colpo di Stato in Turchia. La cosa allucinate è l'opportunismo Occidentale ben evidenziato dal suo silenzio iniziale. Ed il tutto è avvenuto nel mentre il Segretario di Stato Americano era a Mosca. Veniva da pensare che probabilmente sia Americani che Russi non erano disturbati dal colpo di Stato. 
Ognuno per le sue ragioni. Hanno aspettato il tempo massimo accettabile. Nel mentre l'esercito comunicava di aver preso il potere, Erdogan  fuggiva. 
Superato il periodo massimo di tolleranza, le cose iniziano a mutare. Il potere non è stato preso. Erdogan parla attraverso la CNN turca, arriva la presa di posizione degli Americani, sostengono Erdogan, poi a ruota libera si allineano a questa posizione alcuni Paesi Occidentali. L'esercito che fino a quel momento veniva lodato per aver difeso la laicità, inizia ad essere criticato. La gente, poca, scende in piazza. Si spara. Si muore. La marina si dissocia, una parte dell'esercito pure. Il Colpo di Stato probabilmente sostenuto da diversi interessi e forze esterne è fallito. Si dirà che è fallito perché il popolo era contrario. La storia ha sempre dimostrato che, in queste occasioni, il popolo è solo uno strumento. I colpi di Stato riescono se l'esercito è compatto. Non si è mai vista la polizia essere in grado di fermare l'esercito, potente poi, come quello turco.
Certo l'esercito non avrebbe potuto sparare contro tutti i civili, anche se lo ha fatto in parte. Ma è stato fatto fallire, per incapacità o chissà cosa, con la conseguenza che in queste battute iniziali conseguenti al fallimento del golpe, paradossalmente Erdogan ne è uscito rinforzato e l'Occidente semplicemente opportunista lodando la non democrazia Turca e non avendo il coraggio di prendere una posizione chiara e netta di contrasto al Colpo di Stato militare fin dai primi minuti in cui si è capito quello che stava accadendo. E su ciò ci si dovrà chiedere se trattasi di solo opportunismo o di altro. 
Tanti interrogativi sorgono su Nizza e Turchia, due vicende teoricamente sconnesse, ma entrambe caratterizzate più da buchi neri che luce, e da quella verità che, come sempre accade, mai conosceremo, aspettando il prossimo evento tragico che accadrà.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…