Passa ai contenuti principali

Gorizia:i richiedenti asilo e diritto all'istruzione,il MIUR ha stanziato in Italia 12 milioni di euro


Non sono e non possono essere le ronde, con tanto di cani al seguito, la soluzione alla mancata integrazione. Una pagliacciata, questa proposta, che si commenta da sola, sia per la sua inconsistenza che per la sua gravità becera. La non comunicabilità che esiste e sussiste anche tra alcune comunità tra i centinaia di richiedenti asilo, per non parlare di quella assoluta con gli italiani, dove a Gorizia esiste un muro visibile che nessuna picconata oggi è in grado di demolire, può o meglio deve trovare un giusto canale da percorrere nella via dell'Istruzione. Personalmente sono sempre stato a favore dell'obbligo di istruzione nei confronti di chi in Italia propone la domanda in qualità di richiedente asilo, che ovviamente dovrà essere equilibrata in base al proprio grado di formazione basilare. Così come reputo fondamentale che queste persone debbano andare a scuola per apprendere l'italiano, in un Paese, come l'Italia, dove l'inglese è sconosciuto ai più. Conoscere l'abc, conoscere le regole minime basilari per la reciproca convivenza, conoscere i principi della nostra Costituzione, conoscere l'italiano è vitale per garantire un processo di integrazione. Il MIUR ha stanziato 12 milioni di euro a favore dei CPIA per la realizzazione di percorsi di alfabetizzazione e apprendimento della lingua italiana. A detti corsi di norma possono iscriversi i cittadini comunitari ed extracomunitari dai 16 anni di età che desiderino cominciare a studiare l’italiano o approfondirne la conoscenza. Il termine di scadenza per le iscrizioni ai percorsi di istruzione degli adulti era generalmente fissato di norma al 31 maggio e comunque non oltre il 15 ottobre 2016.  
Anche se personalmente penso, che per quanto riguarda la questione dei richiedenti asilo, si può essere più flessibili, in base ai flussi questi percorsi vanno garantiti in continuazione e comunque la situazione è abbastanza eterogenea a livello nazionale. E comunque resta ferma la possibilità, a seguite di accordi specifici tra regioni e uffici scolastici regionali, di iscrivere ai percorsi di istruzione di primo livello, nei limiti dell'organico assegnato e - in presenza di particolari e motivare esigenze - anche coloro che hanno compiuto il quindicesimo anno di età. Piacerebbe sapere, visto l'importante numero di richiedenti asilo e minori non accompagnati presenti a Gorizia ed (ex) provincia, quanti sono coloro che hanno frequentato i corsi di italiano? Quale la percentuale complessiva in base alle domande presentate in qualità di richiedente asilo? Quale la situazione del livello di istruzione dei richiedenti asilo presenti a Gorizia e provincia? L'integrazione deve passare attraverso la scuola, l'istruzione che può essere anche una importante fonte occupazionale per tutti, cosa da non poco conto visti i tempi disastrosi che noi tutti ben conosciamo. Poi se qualcuno pensa che la soluzione siano le ronde, o stati di polizia, forse è rimasto indietro nel tempo, con qualche pizzico di nostalgia, alla metà del tremendo '900. 
Forse a costoro qualcuno dovrebbe procurare una DeLorean DMC-12 per ritornare nel nostro presente, oppure, pensandoci bene, per rimandarli in quel tempo di cui provano effettivamente un sentimento di rimpianto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…