Passa ai contenuti principali

Gorizia e grande guerra: Quando Baruzzi venne dimenticato dallo Stato italiano


Il 4 settembre del 1916 venne conferita ad Aurelio Baruzzi la medaglia d'oro al valor militare con la seguente motivazione: “Comandante di un reparto di bombardieri a mano, si slanciava per primo in un camminamento austriaco, catturandovi uomini e materiali. Due giorni dopo, accompagnato da soli quattro uomini, irrompeva in un sottopassaggio della ferrovia apprestato a difesa, contro il quale si erano spuntati gli attacchi dei due giorni precedenti, intimando audacemente la resa a ben duecento uomini, che venivano catturati unitamente a due cannoni e ricco bottino di armi e materiale. Più tardi partecipava al passaggio a guado dell’Isonzo, si spingeva in Gorizia e nella stazione innalzava la prima bandiera italiana. Gorizia, 6-8 agosto 1916. “ Anno 1956. Alla Camera dei Deputati si discute il disegno di legge che riguardava lo Stato di previsione della spesa del Ministero della difesa per l’esercizio finanziario 1956-57. Prenderà la parola Francesco Di Bella membro dal 21 luglio del 1953 del Partito nazionale monarchico il quale evidenzierà come lo Stato italiano si fosse letteralmente e sostanzialmente dimenticato delle sue medaglie d'oro al valor militare. Per esempio ricorderà che “vi sono dei ciechi decorati di medaglia d’oro che fanno i telefonisti per tirare avanti, perché non ancora è stata loro riconosciuta la pensione per causa di guerra. Cosa può fare un uomo con 40.000 lire all’anno che sono poco più di 3.000 lire al mese ? Certamente il sottufficiale o il soldato decorato di medaglia d’oro non ha cultura molto elevata: ecco una ragione di più per tendere loro la mano, per dar loro la possibilità di ottenere per generosi interventi, un sufficiente stipendio.” Per arrivare poi a citare l'esempio di Baruzzi. “Ho qui una pratica di una medaglia d’oro che forse i primi vecchi soldati della prima guerra mondiale ricorderanno ancora. Si tratta della medaglia d’oro Baruzzi alla quale si deve la conquista di Gorizia. Ebbene, la medaglia d’oro Baruzzi, dopo aver fatto tanto, si trova oggi a non aver avuto niente. 
Il giornale a rotocalco Oggi, nell’edizione 8 novembre 1951, parlando delle medaglie d’oro e del caso particolare Baruzzi, così si esprimeva: Vestiva dimessamente, portava una grossa borsa di cuoio da viaggiatore ed a una tasca della giacchetta spuntava un cartoccio. Certamente era un panino per la colazione. Ed era medaglia d’oro e come tale non aveva i mezzi economici per potersi offrire un pranzo », Il Merlo Giallo, nell’edizione del 20 novembre 1955, così scriveva ed intitolava un articolo (( Per non piangere )) e rappresentando il caso seguente così si esprimeva: (( Sopprimiamo il nome dell’interessato per non recare danno a colui che un giorno passava per eroe, mentre oggi ... Dunque questo povero diavolo, nel senso proprio del termine, ebbe la malinconia nel 1916 di prendere Gorizia quasi da solo con 4 uomini. Giovani italiani, chi di voi non ambirebbe o ambisce una medaglia d’oro al valore sul campo ? Ma se vi decorano, chi vi rispetta ? )) E la rivista Incom del 22 giugno 1950 così scriveva: ((Ci domandano se valeva la pena che il tenente colonnello Baruzzi, l’eroe di Gorizia, finisse costretto per vivere a fare il commesso viaggiatore..” Ciò a significare come l'Italia si è sempre persa nella sua retorica, per poi nella sostanza abbandonare e dimenticare chi, nel bene o nel male, nel giusto o meno, nel nome dell'Italia ha sacrificato letteralmente la propria vita anche con gesta di un certo rilievo. Così come Gorizia, oggi. Vien da pensare che il caso Baruzzi sia proprio emblematico di come l'Italia si sia comportata in cattivo modo complessivamente nei confronti di Gorizia, dimenticata e relegata ad esercitare un non ruolo nell'estrema periferia del nostro Paese.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …