Passa ai contenuti principali

Gorizia e grande guerra: Quando Baruzzi venne dimenticato dallo Stato italiano


Il 4 settembre del 1916 venne conferita ad Aurelio Baruzzi la medaglia d'oro al valor militare con la seguente motivazione: “Comandante di un reparto di bombardieri a mano, si slanciava per primo in un camminamento austriaco, catturandovi uomini e materiali. Due giorni dopo, accompagnato da soli quattro uomini, irrompeva in un sottopassaggio della ferrovia apprestato a difesa, contro il quale si erano spuntati gli attacchi dei due giorni precedenti, intimando audacemente la resa a ben duecento uomini, che venivano catturati unitamente a due cannoni e ricco bottino di armi e materiale. Più tardi partecipava al passaggio a guado dell’Isonzo, si spingeva in Gorizia e nella stazione innalzava la prima bandiera italiana. Gorizia, 6-8 agosto 1916. “ Anno 1956. Alla Camera dei Deputati si discute il disegno di legge che riguardava lo Stato di previsione della spesa del Ministero della difesa per l’esercizio finanziario 1956-57. Prenderà la parola Francesco Di Bella membro dal 21 luglio del 1953 del Partito nazionale monarchico il quale evidenzierà come lo Stato italiano si fosse letteralmente e sostanzialmente dimenticato delle sue medaglie d'oro al valor militare. Per esempio ricorderà che “vi sono dei ciechi decorati di medaglia d’oro che fanno i telefonisti per tirare avanti, perché non ancora è stata loro riconosciuta la pensione per causa di guerra. Cosa può fare un uomo con 40.000 lire all’anno che sono poco più di 3.000 lire al mese ? Certamente il sottufficiale o il soldato decorato di medaglia d’oro non ha cultura molto elevata: ecco una ragione di più per tendere loro la mano, per dar loro la possibilità di ottenere per generosi interventi, un sufficiente stipendio.” Per arrivare poi a citare l'esempio di Baruzzi. “Ho qui una pratica di una medaglia d’oro che forse i primi vecchi soldati della prima guerra mondiale ricorderanno ancora. Si tratta della medaglia d’oro Baruzzi alla quale si deve la conquista di Gorizia. Ebbene, la medaglia d’oro Baruzzi, dopo aver fatto tanto, si trova oggi a non aver avuto niente. 
Il giornale a rotocalco Oggi, nell’edizione 8 novembre 1951, parlando delle medaglie d’oro e del caso particolare Baruzzi, così si esprimeva: Vestiva dimessamente, portava una grossa borsa di cuoio da viaggiatore ed a una tasca della giacchetta spuntava un cartoccio. Certamente era un panino per la colazione. Ed era medaglia d’oro e come tale non aveva i mezzi economici per potersi offrire un pranzo », Il Merlo Giallo, nell’edizione del 20 novembre 1955, così scriveva ed intitolava un articolo (( Per non piangere )) e rappresentando il caso seguente così si esprimeva: (( Sopprimiamo il nome dell’interessato per non recare danno a colui che un giorno passava per eroe, mentre oggi ... Dunque questo povero diavolo, nel senso proprio del termine, ebbe la malinconia nel 1916 di prendere Gorizia quasi da solo con 4 uomini. Giovani italiani, chi di voi non ambirebbe o ambisce una medaglia d’oro al valore sul campo ? Ma se vi decorano, chi vi rispetta ? )) E la rivista Incom del 22 giugno 1950 così scriveva: ((Ci domandano se valeva la pena che il tenente colonnello Baruzzi, l’eroe di Gorizia, finisse costretto per vivere a fare il commesso viaggiatore..” Ciò a significare come l'Italia si è sempre persa nella sua retorica, per poi nella sostanza abbandonare e dimenticare chi, nel bene o nel male, nel giusto o meno, nel nome dell'Italia ha sacrificato letteralmente la propria vita anche con gesta di un certo rilievo. Così come Gorizia, oggi. Vien da pensare che il caso Baruzzi sia proprio emblematico di come l'Italia si sia comportata in cattivo modo complessivamente nei confronti di Gorizia, dimenticata e relegata ad esercitare un non ruolo nell'estrema periferia del nostro Paese.

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…