Passa ai contenuti principali

Alla riscoperta del territorio"isontino"con l'IPACFVG

Bene comune significa rendere fruibile al pubblico ciò che è pubblico, ai cittadini ciò che appartiene ai cittadini e non a pochi eletti o non eletti politicanti che continuano a litigare su come dividersi quelle poche ma buone risorse che costituiscono il patrimonio di questa terra nel momento in cui giunge alla sua giusta fine l'istituzione della Provincia. Si ripete da sempre che l'Italia potrebbe vivere solo di turismo, per la sua arte, per la sua bellezza. A furia di ripetere ciò quello che è accaduto e che le nostre bellezze sono diventate scandali per il degrado, quando va male, o semplicemente dimenticate, quando va bene. Se pensiamo alla combinazione che vi è tra Carso, Isonzo ed Adriatico, dovrebbero venire i brividi per le incredibili potenzialità sussistenti in questa piccola ma importante fetta di terra d'Italia. Mare, monti, fiumi, arte,  cultura, storia, gastronomia ad altissimi livelli, vino ad abbondanza e di assoluta qualità. Eppure pare esservi una sorta di soffocamento, di pigrizia, di non voler fare, o non poter fare, o di non saper fare, che è veramente incredibile.Nel sito informativo del Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia è stato pubblicato un lavoro di catalogazione immenso. Se si vanno a guardare i beni sia di proprietà ecclesiastica che non presenti nella (ex) provincia di Gorizia, emergono una quantità di tesori enorme. Solo di quelli non ecclesiastici  i beni catalogati sono 16.422 e di varia natura, e si segnalano fotografie, siti archeologici, manufatti tessili, opere d'arte ecc. Migliaia di beni artistici. E'stata anche realizzata la Carta dei Beni Culturali del Friuli Venezia Giulia che è la cartografia informatizzata in rete, che consente di visualizzare in mappa i beni culturali schedati e georiferiti, in quanto riconducibili al territorio nella loro esatta collocazione spaziale. Si parla di beni storico-artistici, archeologici, urbanistico-architettonici, naturalistici, scientifici, fotografici, installazioni d’arte contemporanea ecc. Ora, mi domando, quanto conosciamo realmente questo territorio? Le sue piccole perle? Le sue particolarità, che si possono ritrovare stilizzate su qualche parete, ferme nel tempo dei secoli bloccate in qualche ringhiera che ancora oggi si interroga sul che fare? Lasciar cadere nell'oblio tale ricchezza, o riportarla in vita? Fare sistema significa sfruttare al massimo quanto di ottimale è stato realizzato dal pubblico per il pubblico, come l'immenso lavoro dell'IPAC, e ripartire da lì per andare alla riscoperta particolare e minuziosa del proprio territorio. Solo conoscendo il proprio territorio si potrà fare in modo che anche qui possa affermarsi un sano turismo culturale, consapevole, di qualità, senza che ci si perdi in quella strana ed insensata modernità ben rappresentata nella sua superficialità assoluta dalla passerella di Christo, che ha attirato una quantità indefinita di persone, che hanno letteralmente ignorato i veri beni culturali, artistici, storici che circondavano quell'ignoto a tanti lago d'Iseo, per perdersi nell'ebrezza ultra-mediatica del momento per farsi un fugace selfie cercando di emulare solo quello che Cristo è riuscito a fare nella letteratura religiosa, camminare sull'acqua. Non abbiamo noi bisogno di camminare sull'acqua, abbiamo bisogno di fare il minimo essenziale, con competenza e conoscenza ed amore e rispetto per il bene comune, e basta realmente poco per valorizzare questa piccola immensità che racchiude il territorio della destra e sinistra Isonzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…