Passa ai contenuti principali

Alla riscoperta del territorio"isontino"con l'IPACFVG

Bene comune significa rendere fruibile al pubblico ciò che è pubblico, ai cittadini ciò che appartiene ai cittadini e non a pochi eletti o non eletti politicanti che continuano a litigare su come dividersi quelle poche ma buone risorse che costituiscono il patrimonio di questa terra nel momento in cui giunge alla sua giusta fine l'istituzione della Provincia. Si ripete da sempre che l'Italia potrebbe vivere solo di turismo, per la sua arte, per la sua bellezza. A furia di ripetere ciò quello che è accaduto e che le nostre bellezze sono diventate scandali per il degrado, quando va male, o semplicemente dimenticate, quando va bene. Se pensiamo alla combinazione che vi è tra Carso, Isonzo ed Adriatico, dovrebbero venire i brividi per le incredibili potenzialità sussistenti in questa piccola ma importante fetta di terra d'Italia. Mare, monti, fiumi, arte,  cultura, storia, gastronomia ad altissimi livelli, vino ad abbondanza e di assoluta qualità. Eppure pare esservi una sorta di soffocamento, di pigrizia, di non voler fare, o non poter fare, o di non saper fare, che è veramente incredibile.Nel sito informativo del Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia è stato pubblicato un lavoro di catalogazione immenso. Se si vanno a guardare i beni sia di proprietà ecclesiastica che non presenti nella (ex) provincia di Gorizia, emergono una quantità di tesori enorme. Solo di quelli non ecclesiastici  i beni catalogati sono 16.422 e di varia natura, e si segnalano fotografie, siti archeologici, manufatti tessili, opere d'arte ecc. Migliaia di beni artistici. E'stata anche realizzata la Carta dei Beni Culturali del Friuli Venezia Giulia che è la cartografia informatizzata in rete, che consente di visualizzare in mappa i beni culturali schedati e georiferiti, in quanto riconducibili al territorio nella loro esatta collocazione spaziale. Si parla di beni storico-artistici, archeologici, urbanistico-architettonici, naturalistici, scientifici, fotografici, installazioni d’arte contemporanea ecc. Ora, mi domando, quanto conosciamo realmente questo territorio? Le sue piccole perle? Le sue particolarità, che si possono ritrovare stilizzate su qualche parete, ferme nel tempo dei secoli bloccate in qualche ringhiera che ancora oggi si interroga sul che fare? Lasciar cadere nell'oblio tale ricchezza, o riportarla in vita? Fare sistema significa sfruttare al massimo quanto di ottimale è stato realizzato dal pubblico per il pubblico, come l'immenso lavoro dell'IPAC, e ripartire da lì per andare alla riscoperta particolare e minuziosa del proprio territorio. Solo conoscendo il proprio territorio si potrà fare in modo che anche qui possa affermarsi un sano turismo culturale, consapevole, di qualità, senza che ci si perdi in quella strana ed insensata modernità ben rappresentata nella sua superficialità assoluta dalla passerella di Christo, che ha attirato una quantità indefinita di persone, che hanno letteralmente ignorato i veri beni culturali, artistici, storici che circondavano quell'ignoto a tanti lago d'Iseo, per perdersi nell'ebrezza ultra-mediatica del momento per farsi un fugace selfie cercando di emulare solo quello che Cristo è riuscito a fare nella letteratura religiosa, camminare sull'acqua. Non abbiamo noi bisogno di camminare sull'acqua, abbiamo bisogno di fare il minimo essenziale, con competenza e conoscenza ed amore e rispetto per il bene comune, e basta realmente poco per valorizzare questa piccola immensità che racchiude il territorio della destra e sinistra Isonzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…