Passa ai contenuti principali

Prima di estendere l'Europa ad EST si deve ripensare l'Europa


Dicono e ripetono che da quando esiste l'Europa non ci sono state più guerre. Falso. L'attuale Unione Europea nasce e si rinforza grazie alla dissoluzione della Jugoslavia. Non poteva esistere una Jugoslavia, socialista poi, con una nascente Unione Europea alle sue porte che seguiva la dichiarazione di Stoccarda. Guerra tremenda quella della ex-Jugoslavia con responsabilità Occidentali tremende. Bombardamenti NATO, mai punti, mai dimenticati, che hanno lasciato il segno, indelebile, ben visibile ancora nel centro di Belgrado e non solo. Sono sempre stato Europeista convinto. Mi è piaciuta l'idea di una Unione tra i vari Stati, il poter liberamente circolare, senza muri, senza confini. Ma nella realtà pratiche delle cose, questa Unione Europea ha demolito il sogno europeo sul nascere. Prima le merci, poi le persone. Prima il liberismo esasperato, poi i diritti, prima l'economia, poi il resto. E le conseguenze le abbiamo viste. Una globalizzazione in chiave europea che ha comportato la distruzione della nostra agricoltura, della nostra pesca, delle nostre specificità, il made in Italy è solo un marchio che di italiano ha poco o nulla. Per non parlare dei diritti dei lavoratori, del costo della vita incrementato e salari fermi. Vi è stata una grande omologazione, una corsa europea al capitalismo europeo made USA. Ma entrare in Europa significa fare anche parte della NATO che oggi non avrebbe più alcuna ragione di esistere, ma questa ragione di esistere la sta trovando con la tentata guerra fredda con la Russia e con l'espansione globale del dominio americano. Abbiamo l'Europa del Nord che costruisce tunnel, l'Europa del Sud che fa crepare i migranti nel mare, l'Europa dell'Est che si barrica con i reticolati, l'Europa dell'Ovest che cerca di andare via. In questo momento storico delicatissimo, fare entrare in Europa l'ovest dei Balcani con Bosnia-Erzegovina, Albania e Kosovo, dall'altra Montenegro, Macedonia e Serbia e, oltre a quest'area, la Turchia, è un grave errore. Perché lo scopo di tutto ciò è funzionale a cosa? A contrastare la Russia e ci saranno delle tensioni enormi. E' miopia immaginare che se questi Paesi dei Balcani entreranno in Europa si affermerà pace ed equilibrio come accaduto con la Jugoslavia di Tito. Sciocchezze. Erano altri tempi e soprattutto vi era una idea completamente diversa di società. Fino a quando non si ripensa l'Europa estendere i propri confini, è un grave errore, anziché favorire pace, favorirà tensioni. Mi piace l'idea di una Europa unita, mi piace l'idea di una Europa dove si possa tutti circolare liberamente, con diritti umani e sociali pieni e garantiti. Mi piace meno una Europa centralista, con una Commissione che non rappresenta nulla. Abrogherei la Commissione e manterrei in vita il solo Parlamento europeo come momento di confronto tra i vari Stati.  Ma ad oggi non è propriamente così. L'Europa in questo momento è come un grattacielo che vede le sue fondamenta cedere. Invece di rinforzare le fondamenta si preferisce costruire più in alto, con la conseguenza che crolleremo tutti insieme. Ripensare l'Europa è vitale per la pace, per una nuova società. Europa unita ed indipendente ed autonoma e soprattutto che non persegua ancora politiche capitaliste, fallimentari per il popolo, ghiotte per il famigerato 1% della società che detiene buona parte delle ricchezze globali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…