Passa ai contenuti principali

Prima di estendere l'Europa ad EST si deve ripensare l'Europa


Dicono e ripetono che da quando esiste l'Europa non ci sono state più guerre. Falso. L'attuale Unione Europea nasce e si rinforza grazie alla dissoluzione della Jugoslavia. Non poteva esistere una Jugoslavia, socialista poi, con una nascente Unione Europea alle sue porte che seguiva la dichiarazione di Stoccarda. Guerra tremenda quella della ex-Jugoslavia con responsabilità Occidentali tremende. Bombardamenti NATO, mai punti, mai dimenticati, che hanno lasciato il segno, indelebile, ben visibile ancora nel centro di Belgrado e non solo. Sono sempre stato Europeista convinto. Mi è piaciuta l'idea di una Unione tra i vari Stati, il poter liberamente circolare, senza muri, senza confini. Ma nella realtà pratiche delle cose, questa Unione Europea ha demolito il sogno europeo sul nascere. Prima le merci, poi le persone. Prima il liberismo esasperato, poi i diritti, prima l'economia, poi il resto. E le conseguenze le abbiamo viste. Una globalizzazione in chiave europea che ha comportato la distruzione della nostra agricoltura, della nostra pesca, delle nostre specificità, il made in Italy è solo un marchio che di italiano ha poco o nulla. Per non parlare dei diritti dei lavoratori, del costo della vita incrementato e salari fermi. Vi è stata una grande omologazione, una corsa europea al capitalismo europeo made USA. Ma entrare in Europa significa fare anche parte della NATO che oggi non avrebbe più alcuna ragione di esistere, ma questa ragione di esistere la sta trovando con la tentata guerra fredda con la Russia e con l'espansione globale del dominio americano. Abbiamo l'Europa del Nord che costruisce tunnel, l'Europa del Sud che fa crepare i migranti nel mare, l'Europa dell'Est che si barrica con i reticolati, l'Europa dell'Ovest che cerca di andare via. In questo momento storico delicatissimo, fare entrare in Europa l'ovest dei Balcani con Bosnia-Erzegovina, Albania e Kosovo, dall'altra Montenegro, Macedonia e Serbia e, oltre a quest'area, la Turchia, è un grave errore. Perché lo scopo di tutto ciò è funzionale a cosa? A contrastare la Russia e ci saranno delle tensioni enormi. E' miopia immaginare che se questi Paesi dei Balcani entreranno in Europa si affermerà pace ed equilibrio come accaduto con la Jugoslavia di Tito. Sciocchezze. Erano altri tempi e soprattutto vi era una idea completamente diversa di società. Fino a quando non si ripensa l'Europa estendere i propri confini, è un grave errore, anziché favorire pace, favorirà tensioni. Mi piace l'idea di una Europa unita, mi piace l'idea di una Europa dove si possa tutti circolare liberamente, con diritti umani e sociali pieni e garantiti. Mi piace meno una Europa centralista, con una Commissione che non rappresenta nulla. Abrogherei la Commissione e manterrei in vita il solo Parlamento europeo come momento di confronto tra i vari Stati.  Ma ad oggi non è propriamente così. L'Europa in questo momento è come un grattacielo che vede le sue fondamenta cedere. Invece di rinforzare le fondamenta si preferisce costruire più in alto, con la conseguenza che crolleremo tutti insieme. Ripensare l'Europa è vitale per la pace, per una nuova società. Europa unita ed indipendente ed autonoma e soprattutto che non persegua ancora politiche capitaliste, fallimentari per il popolo, ghiotte per il famigerato 1% della società che detiene buona parte delle ricchezze globali.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …