Passa ai contenuti principali

La democrazia ha un costo,che non è uno spreco. Difendere Ronchi e Staranzano il 19 giugno



Si è svolta a Selz di Ronchi una partecipata iniziativa organizzata dal comitato del NO alla fusione di Ronchi, in collaborazione con il comitato del No di Staranzano e Monfalcone che ha visto la partecipazione di due consiglieri del nuovo Comune di Valsamoggia, che hanno relazionato in modo a dir poco efficace. Si è parlato della incresciosa esperienza in corso proprio nel nuovo Comune emiliano, nato dalla fusione di diversi Comuni, che ha visto realizzarsi tutto quello che da mesi come comitato del No si afferma.
Gli incentivi servono in buona parte a sostenere i costi della nuova macchina organizzativa, incrementano le tasse, incrementano i disagi per i cittadini, diminuisce la democrazia rappresentativa e partecipata, i Comuni più piccoli "fusi" diventano estreme periferie, insomma non esiste una sola ragione per sostenere il sì alla fusione in un Paese,come l'Italia che ha un numero di Comuni inferiore rispetto a quello sussistente in molti Paesi europei. 
Decisionismo,centralismo,soppressione delle autonomie piccole locali, per favorire la concentrazione del potere nelle mani dei soliti pochi. Nel nome della fusione ogni miracolo pare possibile, ma poi nella realtà pratica delle cose quello che accade è che si invoca un miracolo per ritornare ai vecchi Comuni. Peccato che una volta perso il Comune difficilmente lo si potrà riavere, una volta perso è perso. La democrazia ha un costo, e questo costo non è uno spreco. E questa cosa deve essere accettata dai cittadini in un sistema sociale ed economico pessimo, che chiude sempre di più ogni spazio di agibilità. E' di fondamentale importanza recarsi a votare per il NO, per dare un segnale chiaro alla nostra Regione. Certo, è innegabile che questo referendum è il frutto di un durissimo scontro all'interno del PD locale, e questo i cittadini lo hanno ben compreso ed anche per questo si rischia una forma di astensione significativa, ma quello che si deve comprendere è che se è pur una scazzottata pesante all'interno del PD, qui in ballo vi è la sopravvivenza del Comune di Ronchi e Staranzano. Il 19 giugno è importante votare e votare no ad una fusione inutile per il nostro territorio, utile per compromettere la democrazia reale e partecipata. E ricordiamoci tutti che l'articolo 5 della Costituzione è ancora in vigore. Dopo il 19 giugno si aprirà una nuova partita, si apriranno probabilmente nuove prospettive e su diversi fronti, ma questo è un capitolo che verrà affrontato al momento opportuno. 

Commenti

  1. Notare che la decisione del TAR di ieri ha ratificato il fatto che dal 1/1/2018, anche se dovesse andare in porto la fusione il nuovo comune verrá spogliato o non gestirá comunque più direttamente le funzioni di pianificazione comunale (urbanistica) e sovracomunale, edilizia privata, servizi finanziari, personale, tributi, commercio e attivitá produttive, protezione civile, statistica, acquisti e centrale unica di committenza, edilizia scolastica, trasporto scolastico, polizia locale, lavori pubblici, ced, controllo di gestione, autorizzazioni agli impianti energetici. Al riguardo sottolineo che in base allo statuto approvato i comuni di Monfalcone, Ronchi dei Legionari e Staranzano godano nel complesso di 3 voti su 9 nell'assemblea dell'UTI, dopo la fusione il comune unico ne godrá solo 1 su 7, in pratica dimezzando il potere di influire sulle scelte del nuovo ente ed in barba ai proclami dei promotori del sí secondo i quali piú sí è grandi piú si conta. I ronchesi e gli staranzanesi conteranno poco nel nuovo comune e, senza rappresentanti, nulla nel nuovo ente che gestirá praticamente tutti i servizi comunali. Ancora peggio andrebbe nel campo della gestione dei rifiuti e del servizio idrico a causa della legge istitutiva dell'AUSIR che giá oggi prevede la rappresentanza in assemblea d'ambito di un solo comune per UTI (un voto su 18) e la rappresentanza diretta dei singoli comuni, che non ci sarebbe nemmeno più per Ronchi e Staranzano se passasse la fusione, alle sole assemblee d'ambito locale, aventi estensione sull'attuale perimetro provinciale e con limitatissimi poteri solo consultivi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…