Passa ai contenuti principali

La democrazia ha un costo,che non è uno spreco. Difendere Ronchi e Staranzano il 19 giugno



Si è svolta a Selz di Ronchi una partecipata iniziativa organizzata dal comitato del NO alla fusione di Ronchi, in collaborazione con il comitato del No di Staranzano e Monfalcone che ha visto la partecipazione di due consiglieri del nuovo Comune di Valsamoggia, che hanno relazionato in modo a dir poco efficace. Si è parlato della incresciosa esperienza in corso proprio nel nuovo Comune emiliano, nato dalla fusione di diversi Comuni, che ha visto realizzarsi tutto quello che da mesi come comitato del No si afferma.
Gli incentivi servono in buona parte a sostenere i costi della nuova macchina organizzativa, incrementano le tasse, incrementano i disagi per i cittadini, diminuisce la democrazia rappresentativa e partecipata, i Comuni più piccoli "fusi" diventano estreme periferie, insomma non esiste una sola ragione per sostenere il sì alla fusione in un Paese,come l'Italia che ha un numero di Comuni inferiore rispetto a quello sussistente in molti Paesi europei. 
Decisionismo,centralismo,soppressione delle autonomie piccole locali, per favorire la concentrazione del potere nelle mani dei soliti pochi. Nel nome della fusione ogni miracolo pare possibile, ma poi nella realtà pratica delle cose quello che accade è che si invoca un miracolo per ritornare ai vecchi Comuni. Peccato che una volta perso il Comune difficilmente lo si potrà riavere, una volta perso è perso. La democrazia ha un costo, e questo costo non è uno spreco. E questa cosa deve essere accettata dai cittadini in un sistema sociale ed economico pessimo, che chiude sempre di più ogni spazio di agibilità. E' di fondamentale importanza recarsi a votare per il NO, per dare un segnale chiaro alla nostra Regione. Certo, è innegabile che questo referendum è il frutto di un durissimo scontro all'interno del PD locale, e questo i cittadini lo hanno ben compreso ed anche per questo si rischia una forma di astensione significativa, ma quello che si deve comprendere è che se è pur una scazzottata pesante all'interno del PD, qui in ballo vi è la sopravvivenza del Comune di Ronchi e Staranzano. Il 19 giugno è importante votare e votare no ad una fusione inutile per il nostro territorio, utile per compromettere la democrazia reale e partecipata. E ricordiamoci tutti che l'articolo 5 della Costituzione è ancora in vigore. Dopo il 19 giugno si aprirà una nuova partita, si apriranno probabilmente nuove prospettive e su diversi fronti, ma questo è un capitolo che verrà affrontato al momento opportuno. 

Commenti

  1. Notare che la decisione del TAR di ieri ha ratificato il fatto che dal 1/1/2018, anche se dovesse andare in porto la fusione il nuovo comune verrá spogliato o non gestirá comunque più direttamente le funzioni di pianificazione comunale (urbanistica) e sovracomunale, edilizia privata, servizi finanziari, personale, tributi, commercio e attivitá produttive, protezione civile, statistica, acquisti e centrale unica di committenza, edilizia scolastica, trasporto scolastico, polizia locale, lavori pubblici, ced, controllo di gestione, autorizzazioni agli impianti energetici. Al riguardo sottolineo che in base allo statuto approvato i comuni di Monfalcone, Ronchi dei Legionari e Staranzano godano nel complesso di 3 voti su 9 nell'assemblea dell'UTI, dopo la fusione il comune unico ne godrá solo 1 su 7, in pratica dimezzando il potere di influire sulle scelte del nuovo ente ed in barba ai proclami dei promotori del sí secondo i quali piú sí è grandi piú si conta. I ronchesi e gli staranzanesi conteranno poco nel nuovo comune e, senza rappresentanti, nulla nel nuovo ente che gestirá praticamente tutti i servizi comunali. Ancora peggio andrebbe nel campo della gestione dei rifiuti e del servizio idrico a causa della legge istitutiva dell'AUSIR che giá oggi prevede la rappresentanza in assemblea d'ambito di un solo comune per UTI (un voto su 18) e la rappresentanza diretta dei singoli comuni, che non ci sarebbe nemmeno più per Ronchi e Staranzano se passasse la fusione, alle sole assemblee d'ambito locale, aventi estensione sull'attuale perimetro provinciale e con limitatissimi poteri solo consultivi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…