Passa ai contenuti principali

Sulla non foiba di Rosazzo non vi è stata alcuna polemica,ma la demolizione di falsità

Si ha la sensazione che qualcuno abbia suggerito, diciamo così, di chiudere almeno sulle pagine della stampa, la vicenda allucinante della non foiba di Rosazzo. In merito all'attacco subito da parte di una specifica resistenza, di specifici partigiani, sulla base del niente, un niente che è stato demolito in modo meticoloso, scientifico, e con cognizione di causa, non vi sono state polemiche. Non vi è stata nessuna controversia, piuttosto vivace, su argomenti storici sostenuta per lo più attraverso una serie di articoli o di altri scritti tra persone che hanno diversità di vedute. No. Ma vi è stata la necessita di dover intervenire per la salvaguardia della memoria storica, dell'onore della nostra resistenza, del metodo con il quale si effettuano le ricerche storiche, per come è stata gestita la vicenda della non foiba di Rosazzo da alcuni ben noti. E sembra, incredibilmente, quasi che dobbiamo essere noi a dover chiedere scusa e non chi ha scatenato in modo indecente una campagna dai connotati ben chiari. Da parte nostra non vi sono mai state polemiche bensì la demolizione di falsità e di tutte quelle continue sciocchezze che continuano ad essere scritte. Penso che i tempi dell'Ufficio Zone di Confine siano morti già da diverso tempo, che il tempo della propaganda nazionalistica di Stato sia finita, che non vi sia alcun più rischio sulle questioni di confine, almeno per quanto riguarda Gorizia. Siamo nel 2016, in una situazione ove Gorizia vive una profonda crisi, dove è necessario un radicale cambiamento dei rapporti con la vicina Slovenia e Nova Gorica. Siamo nel 2016 e si stanno ancora aspettando le Scuse della Lega Nazionale per le sue battaglie vergognose contro il bilinguismo. Di questo vogliamo parlarne o no? O dobbiamo solamente sentire i soliti e "nostalgici" attacchi contro l'ANPI, tipici di persone che vivono fuori dal nostro tempo? D'altronde in questo periodo va di moda attaccare l'ANPI, perché è la principale organizzazione nazionale chiamata a difendere la nostra Costituzione e ciò che essa rappresenta, a partire dai suoi valori antifascisti, la tutela del bilinguismo, delle minoranze, della solidarietà, libertà, fratellanza, uguaglianza. Vogliamo capire che è stato possibile solamente tramite la resistenza recuperare i rapporti tra italiani e sloveni, compromessi da oltre due decenni di politiche reazionarie? E non tramite realtà che hanno fatto del loro culto vitale le battaglie contro il bilinguismo? Probabilmente ciò a qualcuno reca gran fastidio, problemi suoi e del suo anacronismo, come se fossimo ancora ai tempi delle guerre d'indipendenza. Ma è inaccettabile che oggi possano essere certe e date soggettività a decidere da che parte deve stare la verità storica o che siano queste ad avere la prima e l'ultima parola, sempre, o ricondurre il tutto ad una sterile e banale polemica. Questo non è corretto, non è giusto e neanche rispettoso della storia del nostro territorio e di chi ha lottato contro l'occupante nazifascista, mica contro dei topolini, per darci quella libertà che viene usata anche da chi attacca una certa nostra resistenza. A tal proposito non essendo un cultore del pensiero di Evelyn Beatrice Hall " disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo", frase attribuita per errore se non orrore a Voltaire con la più conosciuta formula “Non condivido le tue idee ma darei la vita per permetterti di esprimerle”, o banalmente difenderò il tuo diritto alla libertà del pensiero, anche se non condivido le tue idee, penso che sarebbe una cosa buona per preservare l'idea di democrazia riflettere anche su ciò.Non esiste una resistenza buona ed una cattiva, non esistono antifascisti buoni ed antifascisti cattivi, così come non esiste un fascismo buono ed uno cattivo. Il fascismo è stato un male, fin dalla sua origine. La Resistenza, pur con le sue varietà, complessità, alcune problematicità, ed anche alcuni errori che è anche difficile giudicare con gli occhi e lo sguardo di oggi, è stata globalmente e complessivamente la più grande risorsa e ricchezza che ha avuto il nostro Paese. E' grazie alla nostra Resistenza, tutta, inclusa se non soprattutto quella che ha lottato insieme alla resistenza Jugoslava, se l'Italia si è potuta riscattare dall'infamia del fascismo ed occupazione nazista. Il resto sono solo chiacchiere da bar dove bere il peggior petès. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…