Passa ai contenuti principali

Sulla non foiba di Rosazzo non vi è stata alcuna polemica,ma la demolizione di falsità

Si ha la sensazione che qualcuno abbia suggerito, diciamo così, di chiudere almeno sulle pagine della stampa, la vicenda allucinante della non foiba di Rosazzo. In merito all'attacco subito da parte di una specifica resistenza, di specifici partigiani, sulla base del niente, un niente che è stato demolito in modo meticoloso, scientifico, e con cognizione di causa, non vi sono state polemiche. Non vi è stata nessuna controversia, piuttosto vivace, su argomenti storici sostenuta per lo più attraverso una serie di articoli o di altri scritti tra persone che hanno diversità di vedute. No. Ma vi è stata la necessita di dover intervenire per la salvaguardia della memoria storica, dell'onore della nostra resistenza, del metodo con il quale si effettuano le ricerche storiche, per come è stata gestita la vicenda della non foiba di Rosazzo da alcuni ben noti. E sembra, incredibilmente, quasi che dobbiamo essere noi a dover chiedere scusa e non chi ha scatenato in modo indecente una campagna dai connotati ben chiari. Da parte nostra non vi sono mai state polemiche bensì la demolizione di falsità e di tutte quelle continue sciocchezze che continuano ad essere scritte. Penso che i tempi dell'Ufficio Zone di Confine siano morti già da diverso tempo, che il tempo della propaganda nazionalistica di Stato sia finita, che non vi sia alcun più rischio sulle questioni di confine, almeno per quanto riguarda Gorizia. Siamo nel 2016, in una situazione ove Gorizia vive una profonda crisi, dove è necessario un radicale cambiamento dei rapporti con la vicina Slovenia e Nova Gorica. Siamo nel 2016 e si stanno ancora aspettando le Scuse della Lega Nazionale per le sue battaglie vergognose contro il bilinguismo. Di questo vogliamo parlarne o no? O dobbiamo solamente sentire i soliti e "nostalgici" attacchi contro l'ANPI, tipici di persone che vivono fuori dal nostro tempo? D'altronde in questo periodo va di moda attaccare l'ANPI, perché è la principale organizzazione nazionale chiamata a difendere la nostra Costituzione e ciò che essa rappresenta, a partire dai suoi valori antifascisti, la tutela del bilinguismo, delle minoranze, della solidarietà, libertà, fratellanza, uguaglianza. Vogliamo capire che è stato possibile solamente tramite la resistenza recuperare i rapporti tra italiani e sloveni, compromessi da oltre due decenni di politiche reazionarie? E non tramite realtà che hanno fatto del loro culto vitale le battaglie contro il bilinguismo? Probabilmente ciò a qualcuno reca gran fastidio, problemi suoi e del suo anacronismo, come se fossimo ancora ai tempi delle guerre d'indipendenza. Ma è inaccettabile che oggi possano essere certe e date soggettività a decidere da che parte deve stare la verità storica o che siano queste ad avere la prima e l'ultima parola, sempre, o ricondurre il tutto ad una sterile e banale polemica. Questo non è corretto, non è giusto e neanche rispettoso della storia del nostro territorio e di chi ha lottato contro l'occupante nazifascista, mica contro dei topolini, per darci quella libertà che viene usata anche da chi attacca una certa nostra resistenza. A tal proposito non essendo un cultore del pensiero di Evelyn Beatrice Hall " disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo", frase attribuita per errore se non orrore a Voltaire con la più conosciuta formula “Non condivido le tue idee ma darei la vita per permetterti di esprimerle”, o banalmente difenderò il tuo diritto alla libertà del pensiero, anche se non condivido le tue idee, penso che sarebbe una cosa buona per preservare l'idea di democrazia riflettere anche su ciò.Non esiste una resistenza buona ed una cattiva, non esistono antifascisti buoni ed antifascisti cattivi, così come non esiste un fascismo buono ed uno cattivo. Il fascismo è stato un male, fin dalla sua origine. La Resistenza, pur con le sue varietà, complessità, alcune problematicità, ed anche alcuni errori che è anche difficile giudicare con gli occhi e lo sguardo di oggi, è stata globalmente e complessivamente la più grande risorsa e ricchezza che ha avuto il nostro Paese. E' grazie alla nostra Resistenza, tutta, inclusa se non soprattutto quella che ha lottato insieme alla resistenza Jugoslava, se l'Italia si è potuta riscattare dall'infamia del fascismo ed occupazione nazista. Il resto sono solo chiacchiere da bar dove bere il peggior petès. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …