Passa ai contenuti principali

Ronchi bene Comune.Tra l'inaugurazione di una nuova scuola e consegna Costituzione ai diciottenni


Si è perso il conto di quanti anni or sono che il Comune di Ronchi consegna ai diciottenni o chi si appresta a divenire maggiorenne la Costituzione. Iniziativa che avviene sempre in sinergia con l'ANPI di cui il Comune è socio onorario dal 1985. Ronchi che dopo secoli di appartenenza all'Impero Austro Ungarico ha conosciuto diverse tragiche e drammatiche situazioni. I profughi sotto l'Austria, quando scoppierà la prima guerra mondiale e quando questa terra ancora apparteneva all'Impero, i profughi sotto l'Italia che si recheranno nel Sud Italia e non solo quando nel 1915 l'Italia metterà piede qui, per poi perderla e riconquistarla. Le vicende della seconda guerra mondiale, anticipate dalla scellerata marcia su Fiume che sarà, appunto, una forma di anticipazione di quella su Roma, il fascismo, l'occupazione nazista dopo il fatidico 8 settembre del 1943, la nascita della prima brigata armata partigiana, la Proletaria, a Selz, il sodalizio con la resistenza Jugoslava, la liberazione da parte dei partigiani Jugoslavi avvenuta il primo maggio del 1945, l'arrivo poi dei neozelandesi, per arrivare con il Trattato di pace all'assegnazione definitiva all'Italia e le vicende conseguenti al Trattato di Pace che hanno visto a Ronchi essere accolti anche diversi esuli. Vicissitudini incredibili. Ed in tutte queste vicissitudini vi è il peso della Costituzione che è stata scritta anche con il contributo, enorme, della comunità di Ronchi. Che da più di un secolo esiste come Comune. Ma a Ronchi è stata anche consegnata una nuova scuola alla sua comunità, Quella dell'infanzia.


Dopo l'inaugurazione della nuova scuola slovena di Vermegliano di Ronchi, ben ricordando che a Ronchi/Ronke vi è una importantissima presenza della Comunità Slovena, segue un nuovo importante appuntamento per i suoi cittadini. Le scuole sono luoghi ove si formano i nuovi cittadini, certo, è vero che la Legge 107 del 2015 nota come "buona scuola" rischia di favorire una scuola delle competenze a discapito di quella della conoscenza, ma a Ronchi la conoscenza verrà coltivata grazie al lavoro ed alla professionalità delle maestre, del corpo docente, che ben consapevoli della storia del nostro territorio, dell'importanza della difesa della nostra Costituzione, che qualcuno vorrebbe modificare portando questo Paese verso un sistema decisionista/autoritario, sapranno dare il loro contributo, nonostante un tutto sempre più autoritario. Altrimenti le scuole senza contenuti e conoscenza perderebbero ogni senso di essere semplicemente scuole. Così come vitale è la difesa del mantenimento del proprio Comune, avverso un processo di fusione che vorrebbe la fine secolare del Comune di Ronchi per essere inghiottito dalla vicina Monfalcone, in una fusione priva di ogni serietà e progettualità degna di tal nome. Ma siamo sicuri che i cittadini di Ronchi sanno da che parte stare, quella giusta e quella giusta porterà a votare NO al referendum del 19 giugno per la difesa del Comune come bene comune. 

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…