Passa ai contenuti principali

Referendum fusione Monfalcone, Ronchi, Staranzano. Tra il sì, il no e l'astensione, l'esito è incerto


Il 19 giugno si vota. Si vota per quella che molti hanno definito la fusione più grande mai proposta. Ed il tema della grandezza, nel nome della quale ogni cosa immaginaria, visionaria è possibile, è sostanzialmente quella che governa la battaglia principale di chi vuole il sì. Vi è uno schieramento molto compatto e forte a sostegno del sì, a partire da quello della stampa, che, per valutazioni legittime e politiche, è più che evidente che appoggia il sì. Anche se, come la storia ha insegnato, non è la grandezza di un Comune a rendere grande una comunità, ma è il senso di coesione a determinare la grandezza di una città. Ed anche il piccolo, che oggi è visto come il brutto ed il cattivo, può essere bello e grande. Vi sono problemi di democrazia evidenti, per una questione banale, la suddivisione dell'elettorato per forza di cose determinerà una rappresentanza squilibrata a favore di Monfalcone. Discorso diverso e più equilibrato sarebbe stato favorire una semplice aggregazione di tutti i Comuni della Bisiacaria. Qui  nessuno deve fare la guerra a Monfalcone o criticare il sistema Monfalcone, che certamente non è riuscito nel corso di questi ultimi decenni a maturare una vera e propria indipendenza dai Cantieri Navali con tutte le conseguenze sociali, economiche ben note. D'altronde quando si dice che è la città dei cantieri, lo è in tutti i sensi, e questa indipendenza ed autonomia non riuscirà a conseguirla con una diversamente mediocre grandezza,perché non stiamo mica parlando di una metropoli, ma di una ipotetica cittadina che sfiora appena i 50 mila abitanti. 
Vi è il problema devastante delle UTI che spazzerà via ogni opposizione all'interno dei consigli comunali, che mina l'autonomia dei singoli Comuni ed afferma la centralità del Sindaco decisionista. E non deve neanche interessare la guerra intestina in corso tra alcuni partiti, che deve rimanere distante anzi proprio fuori dalla vicenda della fusione. Il referendum non deve diventare "roba" da partiti. Non vi è alcuna programmazione, non vi è alcuna progettualità, si procede sul chi vive vedrà. E già solo questo basterebbe per respingere un processo di fusione che pare essere più strumentale a logiche politiche di diversa spartizione del potere all'interno del territorio frammentato della ex provincia di Gorizia, che un beneficio comune per la collettività. In questo referendum non vi è il quorum per la sua validità. Ma ho la sensazione che la maggior parte delle persone non si recheranno a votare proprio perché hanno compreso che questo referendum è solo uno strumento per battaglie politiche partitiche, di asti, di sentimenti di rivalsa, che hanno fatto saltare ogni tipo di logica, dove pur di andare contro l'indirizzo dato dal proprio amministratore si va a prescindere contro, sia che questo contro comporti un sì od un no. Ciò non importa, quello che conta è andare contro. Poi che nascerà un Comune medio di 48mila abitanti, o che si perderanno per sempre i Comuni di Ronchi e Staranzano, o che si perderà l'occasione della fusione, il tutto passa in modo folle in secondo piano.  E questo è un serio problema ed il non recarsi al voto è un rischio elevatissimo, perché le "truppe" a sostegno del sì, con tutte le alleanze importanti che hanno stretto,a votare ci andranno, ed il fronte del no, che ad oggi pare essere maggioritario in Ronchi, meno a Staranzano, non determinante a Monfalcone, muoverà altrettanto votanti. Ma l'ago della bilancia decisionale sarà quello di chi oggi si astiene, e sono in tanti se non la maggioranza. E ciò renderà il risultato incerto sino alla fine dove delle sorprese, belle o brutte che siano, arriveranno,già

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…