Passa ai contenuti principali

Referendum fusione Monfalcone, Ronchi, Staranzano. Tra il sì, il no e l'astensione, l'esito è incerto


Il 19 giugno si vota. Si vota per quella che molti hanno definito la fusione più grande mai proposta. Ed il tema della grandezza, nel nome della quale ogni cosa immaginaria, visionaria è possibile, è sostanzialmente quella che governa la battaglia principale di chi vuole il sì. Vi è uno schieramento molto compatto e forte a sostegno del sì, a partire da quello della stampa, che, per valutazioni legittime e politiche, è più che evidente che appoggia il sì. Anche se, come la storia ha insegnato, non è la grandezza di un Comune a rendere grande una comunità, ma è il senso di coesione a determinare la grandezza di una città. Ed anche il piccolo, che oggi è visto come il brutto ed il cattivo, può essere bello e grande. Vi sono problemi di democrazia evidenti, per una questione banale, la suddivisione dell'elettorato per forza di cose determinerà una rappresentanza squilibrata a favore di Monfalcone. Discorso diverso e più equilibrato sarebbe stato favorire una semplice aggregazione di tutti i Comuni della Bisiacaria. Qui  nessuno deve fare la guerra a Monfalcone o criticare il sistema Monfalcone, che certamente non è riuscito nel corso di questi ultimi decenni a maturare una vera e propria indipendenza dai Cantieri Navali con tutte le conseguenze sociali, economiche ben note. D'altronde quando si dice che è la città dei cantieri, lo è in tutti i sensi, e questa indipendenza ed autonomia non riuscirà a conseguirla con una diversamente mediocre grandezza,perché non stiamo mica parlando di una metropoli, ma di una ipotetica cittadina che sfiora appena i 50 mila abitanti. 
Vi è il problema devastante delle UTI che spazzerà via ogni opposizione all'interno dei consigli comunali, che mina l'autonomia dei singoli Comuni ed afferma la centralità del Sindaco decisionista. E non deve neanche interessare la guerra intestina in corso tra alcuni partiti, che deve rimanere distante anzi proprio fuori dalla vicenda della fusione. Il referendum non deve diventare "roba" da partiti. Non vi è alcuna programmazione, non vi è alcuna progettualità, si procede sul chi vive vedrà. E già solo questo basterebbe per respingere un processo di fusione che pare essere più strumentale a logiche politiche di diversa spartizione del potere all'interno del territorio frammentato della ex provincia di Gorizia, che un beneficio comune per la collettività. In questo referendum non vi è il quorum per la sua validità. Ma ho la sensazione che la maggior parte delle persone non si recheranno a votare proprio perché hanno compreso che questo referendum è solo uno strumento per battaglie politiche partitiche, di asti, di sentimenti di rivalsa, che hanno fatto saltare ogni tipo di logica, dove pur di andare contro l'indirizzo dato dal proprio amministratore si va a prescindere contro, sia che questo contro comporti un sì od un no. Ciò non importa, quello che conta è andare contro. Poi che nascerà un Comune medio di 48mila abitanti, o che si perderanno per sempre i Comuni di Ronchi e Staranzano, o che si perderà l'occasione della fusione, il tutto passa in modo folle in secondo piano.  E questo è un serio problema ed il non recarsi al voto è un rischio elevatissimo, perché le "truppe" a sostegno del sì, con tutte le alleanze importanti che hanno stretto,a votare ci andranno, ed il fronte del no, che ad oggi pare essere maggioritario in Ronchi, meno a Staranzano, non determinante a Monfalcone, muoverà altrettanto votanti. Ma l'ago della bilancia decisionale sarà quello di chi oggi si astiene, e sono in tanti se non la maggioranza. E ciò renderà il risultato incerto sino alla fine dove delle sorprese, belle o brutte che siano, arriveranno,già

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…