Passa ai contenuti principali

Meno male che a Trieste il supereroe c'è, contro le forze del male "slavo comuniste"


Quattro bandiere, di cui due che ricordavano la Repubblica socialista slovena, una quella jugoslava, una la Brigata Garibaldi, due toppe, qualche maglietta che ricordava la liberazione di Trieste avvenuta il primo maggio per opera dei partigiani, ebbene, tanto è bastato, per la diffusione dell'ira funesta. Per l'ennesima volta. Alcuni erano fermi ai lati del passaggio del corteo del primo maggio di Trieste, pronti con il cellulare a cercare i simboli " del crimine", altri ad intrufolarsi all'interno del corteo e riprendere tutto con il cellulare per poi rinviare al giudizio del popolo isterico del web la sentenza. E la sentenza è arrivata. Tra chi considera come un vero e proprio affronto la bandiera italiana con la stella rossa, chi invoca il vilipendio, chi invoca la carabina contro chi portava quelle bandiere, chi di prenderli a bastonate, ed il tutto pubblicamente. Per non parlare della marea infinita di insulti, offese per non dire altro. Poi, nella mattina del 2 maggio 2016, arriva la notizia, che un super eroe di Trieste, che lotta quotidianamente contro le forze del male, che in questo caso sono quelle "slavo comuniste" appena appresa la notizia che la fontana installata in onore di Mussolini, quando venne a Trieste a proclamare le leggi razziali, è stata attaccata dai terribili comunisti, cosa ha fatto? Dopo aver affrontato l'acqua della fontana, essersi bagnato, la stella rossa del crimine, che qualcuno ha collocato su quella fontana, viene rimossa. Grande vittoria. 
Chi ha considerato tale gesto come atto vandalico, chi come una ignobile provocazione. Il tutto ovviamente si inserisce all'interno di un bollente clima elettorale, come già era stato tentato con una mozione più degna del periodo buio che questo Paese ha conosciuto, che di una società democratica, che il Consiglio Comunale di Trieste, in maggioranza, ha respinto. Eppure queste urla proprie di una tragedia greca, non circolano quando i fascisti del terzo millennio si recano a Basovizza, non al monumento dei fucilati di cui forse ignorano anche l'esistenza, ma alla "foiba", o quando lì si recano quelli della XaMas, o quando lì si recano coloro che sventolano bandiere della RSI. In quel caso tutto normale, perché sono patrioti, patrioti a prescindere anche se hanno combattuto per la Germania nazista, l'importante era contrastare il nemico numero uno i cattivi "slavo comunisti". Ma qualcuno dovrebbe ricordare loro che è stato il fascismo ad aver tradito la patria e l'Italia, mandando alla rovina questo Paese ed è colpa del fascismo se l'Italia ha perso quelle terre che ha conquistato dopo la fine della prima guerra mondiale, che è colpa del fascismo delle sue politiche da bonifica etnica, se è accaduto quello che è accaduto, che il fascismo, con il suo nazionalismo estremo è stato il vero male di Trieste e del confine orientale. Ma è chiedere troppo ai super eroi di Trieste, perché la storia è una cosa seria, ed è facile perdersi nel qualunquismo o nella banalità del semplicismo, nella logica dell'italiano brava gente, nella logica di chi probabilmente avrebbe preferito vedere queste terre essere occupate dal nazifascismo piuttosto che liberate dai partigiani. Sì, è vero, siamo oramai ad oltre 70 anni da certi eventi, ma è anche vero che un nuovo fascismo e nazismo ritorna, ritorna con il volto sorridente, con il volto del perbenismo, con giacca e cravatta, che sostiene le politiche da rissa, che stravolge la realtà fattuale e storica per legittimare la propria forza ed esistenza, che mai ha rinnegato sentimenti di odio ed ostilità verso tutto ciò che è diverso, diverso dalla sua concezione militaresca, reazionaria, autoritaria  e razzista di società.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…