Passa ai contenuti principali

L'antimafia oggi



Ogni volta che si avvicinano date importanti, simbolicamente importanti per il contrasto a tutte le mafie, i soliti fiumi di retorica e simbolismo invadono media, spazi, luoghi. Un giorno, due giorni, e poi, il silenzio. Tanti interrogativi sorgono sull'antimafia di oggi. Pensiamo alla Commissione Antimafia parlamentare, che ha dei poteri enormi, ma spesso costituita da chi nulla sa di mafia o di mafie. D'altronde le commissioni d'inchiesta spesso sono più auto-celebrative che altro, sono più funzionali alla non inchiesta, che all'inchiesta. Cosa si sa oggi delle mafie? Film, immagini, libri, eroi, vini, prodotti, business. L'antimafia è diventata complessivamente anche un business e paradossalmente spesso è la stessa mafia che ha sfruttato il business dell'antimafia per conseguire il suo solito diabolico profitto.
Progetti, finanziamenti. Marcio. Ovviamente non sempre è così, ma il marcio nell'antimafia esiste.La retorica, la spettacolarizzazione dell'antimafia, ha compromesso il contrasto alle mafie. Perché oggi le mafie, salvo qualche caso, raro, che merita i dovuti approfondimenti, non sparano più, non commettono più stragi, ma uccidono tramite il danaro.
E la crisi, con la mancanza di liquidità, con le banche sempre più rigide nel fornire finanziamenti, hanno favorito l'intrusione, l'infiltrazione, il controllo e la dipendenza da questo fenomeno oramai secolare che ha saputo sempre adeguarsi ai nuovi tempi. I nuovi mafiosi non sono più con il canonico basco e lupara, ma in giacca e cravatta e nel mondo della finanza, nei mercati. Vi sono tanti sistemi che favoriscono la circolazione di danaro, di riciclaggio, ed a questi si aggiunge anche quella omertà che è maturata nel civile Nord Est, non tanto per paura, ma per complicità. Le mafie hanno trovato terreno fertile perché a queste si è aperta la porta ed una volta aperta quella porta non la si potrà più chiudere. E' fondamentale un ripensamento nell'antimafia e dell'antimafia, è necessario abbandonare, cestinare retorica e demagogia, contrastare quel business che è emerso nell'antimafia, perché l'antimafia torni ad essere una cosa credibile.
E' necessario smitizzare l'antimafia.  E' necessaria una piazza pulita nell'antimafia. E' fondamentale una rielaborazione delle così dette giornate sulla legalità  nelle scuole. La giornata della legalità per come oggi funziona è semplicemente inutile, spesso diviene una passerella per i vip dell'antimafia. E poi vi è un problema culturale e sociale di non poco conto. E' stato un gravissimo errore lasciare il contrasto sociale alle mafie prevalentemente ad alcune articolazioni della chiesa. Certo, è importante che la chiesa condanni e contrasti le mafie, basta pensare a quello che accora oggi accade durante le processioni in alcune zone del nostro Paese. Od al fatto che le tradizioni religiose si sono sempre mischiate con le tradizioni  dei mafiosi. Anche se poi con una confessione i tuoi peccati vengono assolti. Certo, il Papa aveva annunciato la scomunica verso i mafiosi, ma come ricordava monsignor Schinella, "Non basta affermare la scomunica, bisogna tradurla in termini giuridici come è per ogni comunità quando voglia definire i delitti e le pene da infliggere ai suoi cittadini", cosa che non è accaduta. Un contrasto laico ed indipendente ed autonomo può essere realmente efficace al contrasto delle mafie. Eppure, ritornando sul Nord Est, nonostante le continue indagini, inchieste, sequestri, arresti, e tanto altro che si affermano sempre di più in quella terra che pareva essere isola felice, il fenomeno mafioso viene percepito come un qualcosa da Sud, di distante, di non radicato, un non problema, una cosa da cronaca per mezza giornata che non sfiora minimamente la coscienza della collettività. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…