Passa ai contenuti principali

L'antimafia oggi



Ogni volta che si avvicinano date importanti, simbolicamente importanti per il contrasto a tutte le mafie, i soliti fiumi di retorica e simbolismo invadono media, spazi, luoghi. Un giorno, due giorni, e poi, il silenzio. Tanti interrogativi sorgono sull'antimafia di oggi. Pensiamo alla Commissione Antimafia parlamentare, che ha dei poteri enormi, ma spesso costituita da chi nulla sa di mafia o di mafie. D'altronde le commissioni d'inchiesta spesso sono più auto-celebrative che altro, sono più funzionali alla non inchiesta, che all'inchiesta. Cosa si sa oggi delle mafie? Film, immagini, libri, eroi, vini, prodotti, business. L'antimafia è diventata complessivamente anche un business e paradossalmente spesso è la stessa mafia che ha sfruttato il business dell'antimafia per conseguire il suo solito diabolico profitto.
Progetti, finanziamenti. Marcio. Ovviamente non sempre è così, ma il marcio nell'antimafia esiste.La retorica, la spettacolarizzazione dell'antimafia, ha compromesso il contrasto alle mafie. Perché oggi le mafie, salvo qualche caso, raro, che merita i dovuti approfondimenti, non sparano più, non commettono più stragi, ma uccidono tramite il danaro.
E la crisi, con la mancanza di liquidità, con le banche sempre più rigide nel fornire finanziamenti, hanno favorito l'intrusione, l'infiltrazione, il controllo e la dipendenza da questo fenomeno oramai secolare che ha saputo sempre adeguarsi ai nuovi tempi. I nuovi mafiosi non sono più con il canonico basco e lupara, ma in giacca e cravatta e nel mondo della finanza, nei mercati. Vi sono tanti sistemi che favoriscono la circolazione di danaro, di riciclaggio, ed a questi si aggiunge anche quella omertà che è maturata nel civile Nord Est, non tanto per paura, ma per complicità. Le mafie hanno trovato terreno fertile perché a queste si è aperta la porta ed una volta aperta quella porta non la si potrà più chiudere. E' fondamentale un ripensamento nell'antimafia e dell'antimafia, è necessario abbandonare, cestinare retorica e demagogia, contrastare quel business che è emerso nell'antimafia, perché l'antimafia torni ad essere una cosa credibile.
E' necessario smitizzare l'antimafia.  E' necessaria una piazza pulita nell'antimafia. E' fondamentale una rielaborazione delle così dette giornate sulla legalità  nelle scuole. La giornata della legalità per come oggi funziona è semplicemente inutile, spesso diviene una passerella per i vip dell'antimafia. E poi vi è un problema culturale e sociale di non poco conto. E' stato un gravissimo errore lasciare il contrasto sociale alle mafie prevalentemente ad alcune articolazioni della chiesa. Certo, è importante che la chiesa condanni e contrasti le mafie, basta pensare a quello che accora oggi accade durante le processioni in alcune zone del nostro Paese. Od al fatto che le tradizioni religiose si sono sempre mischiate con le tradizioni  dei mafiosi. Anche se poi con una confessione i tuoi peccati vengono assolti. Certo, il Papa aveva annunciato la scomunica verso i mafiosi, ma come ricordava monsignor Schinella, "Non basta affermare la scomunica, bisogna tradurla in termini giuridici come è per ogni comunità quando voglia definire i delitti e le pene da infliggere ai suoi cittadini", cosa che non è accaduta. Un contrasto laico ed indipendente ed autonomo può essere realmente efficace al contrasto delle mafie. Eppure, ritornando sul Nord Est, nonostante le continue indagini, inchieste, sequestri, arresti, e tanto altro che si affermano sempre di più in quella terra che pareva essere isola felice, il fenomeno mafioso viene percepito come un qualcosa da Sud, di distante, di non radicato, un non problema, una cosa da cronaca per mezza giornata che non sfiora minimamente la coscienza della collettività. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone