Passa ai contenuti principali

La prova di italiano dell'Invalsi della quinta primaria,e la fine della fantasia per i bambini


Ancora una volta è stato usato un testo di Piumini per le prove dell'Invalsi nella scuola primaria. I testi di Piumini sono noti per la loro creatività, perché incentivano lo sviluppo della fantasia, della immaginazione ed anche lo spirito critico dei bambini. E ripeto, dei bambini. Ho avuto modo di visionare il test  per la comprensione del testo per il 2016 di italiano  dell'Invalsi per i bambini della scuola primaria. Circa 20 pagine e 45 minuti di tempo a disposizione. Un testo di 44 righe, seguito dal solito schema dell'Invalsi. Un testo che se letto con velocità ti costringerà a ritornare diverse volte alla sua lettura per cercare di rispondere correttamente alle domande, sempre che la risposta sia corretta per l'Invalsi. Con la spada del tempo che penderà sulla tua testa. Il testo scelto è L'erba che le lepri non mangiano. La prima prova si incentra sul titolo del testo. La domanda generale sarà la seguente: Le informazioni che trovi nel titolo fanno già capire alcune cose del racconto che leggerai e fanno nascere alcune domande. Quali domande fanno nascere? Ed i bambini dovranno mettere una crocetta sul sì o sul no per ogni domanda che ora segue. Per quale motivo le lepri non mangiano quell'erba? Le lepri troveranno degli amici? Le lepri correranno più veloci di tutti? Quale erba non mangiano le lepri? Ci si deve ricordare che stiamo parlando di bambini di scuola elementare.Tolta la prima risposta che è scorretta visto che non si fa riferimento ad alcuna erba specifica, il problema si pone con due sicuramente delle tre rimanenti. Le lepri troveranno degli amici? Certo, si dirà, non c'entra assolutamente nulla con il titolo, e se un bambino immagina una sorta di amicizia che può nascere in quel contesto? Se le lepri troveranno degli amici? E se l'amico o meglio l'amica sarà proprio l'erba? Anche perché poi dalla lettura del testo, che comunque i bambini non hanno ancora effettuato, emergerà una sorta di amicizia tra l'erba e la lepre. E come verrà valutato dall'Invalsi un bambino che risponde sì a questa domanda? E che non ha ancora letto il testo?  
Veniamo brevemente al testo. Il racconto parla di un'erba particolare, con specificità determinate, lunghezza, colore, profumo, gusto. Di una lepre, che inseguita da una volpe troverà riparo in un prato dove crescerà questa erba e che gli salverà la vita, perché la lepre riuscirà a confondersi con le sue foglie.
E da quel momento, visto che l'erba o meglio quell'erba ha salvato la vita alla lepre, le lepri non la mangeranno più  "per ringraziare dell'aiuto gentile" dunque nasce una sorta di amicizia tra l'erba e la lepre.
Tra le tante domande, che comunque in via complessiva possiamo definire normali, ne segnalo due, che ben evidenziano la particolarità di questo sistema. Ad un bambino si chiede se è importante o se non è importante quanto ora segue: Se l'erba è o non è importante perché ha le foglie lunghe, perché ha i fiorellini con un profumo che copre altri odori, perché si può mangiare, perché ha foglie con sapore gustoso. Ora tutte queste sono peculiarità dell'erba considerata che la rendevano mangiabile per le lepri. Ai fini della storia, per come vuole l'Invalsi quali saranno le voci importanti? Rilevato che alla fine tutte possono essere importanti? Insomma, la scuola deve aiutare i bambini sicuramente alla comprensione del testo, ma anche ad incentivare la loro creatività, la fantasia, l'immaginazione, che queste prove semplicemente rischiano di stroncare sul nascere se continueranno a trovare affermazione e diffusione. Anche perché nel momento in cui i risultati di queste prove saranno sempre più determinanti per il grado di attrazione di una scuola, è chiaro che i bambini verranno addestrati sempre con maggior frequenza a questi schemi perché la scuola possa essere una buona scuola per la macchina Invalsi. Una scuola senza immaginazione, una scuola dove la risposta giusta dovrà essere solamente una, quella decisa dal sistema per il sistema, ci renderà tutti migliori? Ne siamo certi?


Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…