Passa ai contenuti principali

La prova di italiano dell'Invalsi della quinta primaria,e la fine della fantasia per i bambini


Ancora una volta è stato usato un testo di Piumini per le prove dell'Invalsi nella scuola primaria. I testi di Piumini sono noti per la loro creatività, perché incentivano lo sviluppo della fantasia, della immaginazione ed anche lo spirito critico dei bambini. E ripeto, dei bambini. Ho avuto modo di visionare il test  per la comprensione del testo per il 2016 di italiano  dell'Invalsi per i bambini della scuola primaria. Circa 20 pagine e 45 minuti di tempo a disposizione. Un testo di 44 righe, seguito dal solito schema dell'Invalsi. Un testo che se letto con velocità ti costringerà a ritornare diverse volte alla sua lettura per cercare di rispondere correttamente alle domande, sempre che la risposta sia corretta per l'Invalsi. Con la spada del tempo che penderà sulla tua testa. Il testo scelto è L'erba che le lepri non mangiano. La prima prova si incentra sul titolo del testo. La domanda generale sarà la seguente: Le informazioni che trovi nel titolo fanno già capire alcune cose del racconto che leggerai e fanno nascere alcune domande. Quali domande fanno nascere? Ed i bambini dovranno mettere una crocetta sul sì o sul no per ogni domanda che ora segue. Per quale motivo le lepri non mangiano quell'erba? Le lepri troveranno degli amici? Le lepri correranno più veloci di tutti? Quale erba non mangiano le lepri? Ci si deve ricordare che stiamo parlando di bambini di scuola elementare.Tolta la prima risposta che è scorretta visto che non si fa riferimento ad alcuna erba specifica, il problema si pone con due sicuramente delle tre rimanenti. Le lepri troveranno degli amici? Certo, si dirà, non c'entra assolutamente nulla con il titolo, e se un bambino immagina una sorta di amicizia che può nascere in quel contesto? Se le lepri troveranno degli amici? E se l'amico o meglio l'amica sarà proprio l'erba? Anche perché poi dalla lettura del testo, che comunque i bambini non hanno ancora effettuato, emergerà una sorta di amicizia tra l'erba e la lepre. E come verrà valutato dall'Invalsi un bambino che risponde sì a questa domanda? E che non ha ancora letto il testo?  
Veniamo brevemente al testo. Il racconto parla di un'erba particolare, con specificità determinate, lunghezza, colore, profumo, gusto. Di una lepre, che inseguita da una volpe troverà riparo in un prato dove crescerà questa erba e che gli salverà la vita, perché la lepre riuscirà a confondersi con le sue foglie.
E da quel momento, visto che l'erba o meglio quell'erba ha salvato la vita alla lepre, le lepri non la mangeranno più  "per ringraziare dell'aiuto gentile" dunque nasce una sorta di amicizia tra l'erba e la lepre.
Tra le tante domande, che comunque in via complessiva possiamo definire normali, ne segnalo due, che ben evidenziano la particolarità di questo sistema. Ad un bambino si chiede se è importante o se non è importante quanto ora segue: Se l'erba è o non è importante perché ha le foglie lunghe, perché ha i fiorellini con un profumo che copre altri odori, perché si può mangiare, perché ha foglie con sapore gustoso. Ora tutte queste sono peculiarità dell'erba considerata che la rendevano mangiabile per le lepri. Ai fini della storia, per come vuole l'Invalsi quali saranno le voci importanti? Rilevato che alla fine tutte possono essere importanti? Insomma, la scuola deve aiutare i bambini sicuramente alla comprensione del testo, ma anche ad incentivare la loro creatività, la fantasia, l'immaginazione, che queste prove semplicemente rischiano di stroncare sul nascere se continueranno a trovare affermazione e diffusione. Anche perché nel momento in cui i risultati di queste prove saranno sempre più determinanti per il grado di attrazione di una scuola, è chiaro che i bambini verranno addestrati sempre con maggior frequenza a questi schemi perché la scuola possa essere una buona scuola per la macchina Invalsi. Una scuola senza immaginazione, una scuola dove la risposta giusta dovrà essere solamente una, quella decisa dal sistema per il sistema, ci renderà tutti migliori? Ne siamo certi?


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone