Passa ai contenuti principali

La proposta di referendum in FVG tra le UTI e la creazione della provincia del Friuli e di Trieste e la fine dell'Isontino

Lo si denuncia da tempo che con il sistema delle UTI, vi è stata una enorme frammentazione del territorio e chi ne ha pagato maggiormente le conseguenze è stato quello noto comunemente come Isontino, diviso in Alto e Basso, sinistra e destra Isonzo. Con Gorizia che ha perso ogni senso di autorevolezza ed il monfalconese che è tirato ora da Trieste ora dal Friuli, perché con il suo porto, con l'aeroporto di Ronchi ed altre infrastrutture che dovrebbero arrivare, diviene un nodo fondamentale per l'economia di queste zone. Le UTI sono state contestate da diverse forze, tra tentativi di proporre un referendum alla fine l'unica che si è realmente attivata è una realtà nota come Tutti per il Friuli. Un movimento che vede avere diversi simpatizzanti tra, ovviamente, i friulani, ma pare anche da alcune aree politiche di destra ed anche leghiste il cui motto è tutti uniti per il Friuli ed un Friuli policentrico fondato sui Comuni. Hanno raccolto il doppio delle firme richieste per avviare l'iter per la proposta di referendum sia sulle UTI di cui si vorrebbero abrogare tutti gli articoli della Legge regionale 26 del 2014, salvo quelli che riguardano le Assemblee di comunità linguistica o la Centrale unica di committenza regionale che costituisce attuazione delle disposizioni statali sulla razionalizzazione della spesa e sugli obblighi di aggregazione degli acquisti.  Ed è difficile, comunque non concordare sulla relativa abrogazione delle UTI che ha visto introdurre in FVG un sistema decisionista, minando l'autonomia e l'indipendenza dei singoli Comuni e frammentando in modo centralistico il nostro territorio. Nel momento in cui si appresta a giungere al traguardo l'abrogazione delle inutili province del FVG, ma si propone l'ancor più inutile sistema delle città metropolitane, il citato movimento, ha anche proposto un secondo referendum, questa volta propositivo. La seconda è una proposta di referendum propositivo che prevede un percorso legislativo che porti alla formazione di una Regione con Friuli e Trieste, sul modello del Trentino-Alto Adige. A sostenerla, le firme di 885 sottoscrittori. Sull'ammissibilità delle proposte di referendum (che devono essere accompagnata da almeno 500 firme) decide l'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale entro trenta giorni dalla sua presentazione e delibera all'unanimità. 
Se non viene raggiunta, l'argomento è iscritto di diritto all'ordine del giorno della seduta del Consiglio regionale immediatamente successiva. La presente proposta di iniziativa legislativa regionale è composta da un solo articolo recante diversi principi generali ai quali il Consiglio Regionale si dovrebbe ispirare all’atto di proporre una iniziativa di generale modifica della Legge Costituzionale 31 Gennaio 1963, n. 1 (Statuto Speciale della Regione Friuli-Venezia Giulia), iniziativa da presentare al Parlamento ai sensi dell’art. 138 Cost. e dell’art. 63 L. Cost. 1/63. Un testo composto da un solo unico articolo recante venti principi e criteri direttivi generali per l’adozione da parte del Consiglio Regionale di una legge-voto da presentare al Parlamento ai sensi dell’art. 138 Cost. quale iniziativa di Legge Costituzionale ai sensi dell’art. 63 L. Cost. 1/63. Tra i vari punti si legge che la regione sarà praticamente costituita tra Il Friuli e Trieste, comprendenti il territorio delle Province Autonome del Friuli e di Trieste, e sono costituiti in Regione Autonoma, fornita di personalità giuridica, entro l’unità della Repubblica italiana, una e indivisibile, sulla base dei principi della Costituzione, secondo il proprio Statuto, approvato con Legge Costituzionale. La Regione Autonoma Friuli e Trieste ha per capoluogo la città di Trieste. Laddove, nella legislazione costituzionale, statale, regionale, viene fatta menzione del Friuli - Venezia Giulia, essa deve sempre intendersi riferita, rispettivamente, al Friuli e a Trieste e laddove viene fatta menzione alla Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia essa deve intendersi riferita alla Regione Autonoma Friuli e Trieste e, per quanto di rispettiva competenza territoriale, alla Provincia Autonoma del Friuli e alla Provincia Autonoma di Trieste. La Regione Autonoma Friuli e Trieste è composta da due Province Autonome, rispettivamente del Friuli e di Trieste, divise dalla foce del fiume Timavo. Dunque da un lato sparisce praticamente l'anacronistica e fuorviante denominazione di Venezia Giulia, antistorica rispetto alle reali vicissitudini di questi territori, dall'altro si propone un modello autonomistico sulla base di quello di Bolzano e Trento e con una divisione del territorio che per alcuni aspetti pare ricordare la vecchia costituzione ideale del TLT da un lato e la Patria del Friuli , ma ben più estesa rispetto al passato, dall'altro. Con Gorizia e Monfalcone che sembrano essere destinate a finire sotto il Friuli o forse sotto Trieste, dipende dai progetti politici. Vi è poco da fare, l'Isontino è terra oramai contesa, da un lato con la futura città metropolitana di Trieste che rischia di assorbire parte di questo territorio, dall'altro con questa proposta di referendum. Ma nell'Isontino cosa si vuole fare? Continuare a stare a guardare? Per decidere di che sorte perire o non perire? D'altronde queste sono le conseguenze di un territorio privo di ogni minima autorevolezza.  Insomma in FVG vi è una gran voglia di ridefinire la situazione territoriale e ciò, nel bene o nel male, si pone in linea con il tracollo dell'Unione Europea, con la voglia di maggiore "sovranità" in casa propria .


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …