Passa ai contenuti principali

Il "gigante" di Salcano/Solkan che ha attraversato la storia



Dicono che l'Isonzo è il fiume con i colori più belli del mondo. Questo non so ben dirlo, perché non ho avuto la possibilità di viaggiare per tutto l'immenso nostro mondo, e penso che pochi hanno avuto od avranno questa possibilità e felicità. Ma di certo vi è che i colori dell'Isonzo sono meravigliosi. Intensità, che pare dare densità al fiume, il verde dei prati e degli alberi e delle montagne che lo circondano che pare essere una sola cosa con l'Isonzo. Regno del silenzio è l'Isonzo. Un silenzio che è stato frantumato per anni dalla miserabile guerra e da eventi tragici della nostra storia.
Ed il gigante di Salcano/Solkan, ha attraversato la storia. E' il ponte ferroviario con l'arco in pietra più grande del mondo, la luce dell'arco misura 85 m, e la lunghezza del ponte è di ben 220 metri.Arco in pietra di Aurisina. In un cartello situato nei pressi di questo gigante si legge brevemente la sua storia. Inaugurato al traffico, era il ponte principale nel secondo collegamento tra Vienna e Trieste, il 19 luglio del 1906 dall'erede al trono austriaco Francesco Ferdinando d'Este. L'inserimento dei blocchi in pietra nell'arco principale durò solo 18 mesi. E già la sua inaugurazione cade sotto il segno della maledizione. Perché sarà proprio con l'omicidio dell'erede al trono d'Austria, anche se per nulla amato dal "vecchio" Giuseppe, che si troverà il pretesto per aggredire la ribelle Serbia e da lì partirà un diabolico ed incontrollato effetto domino che porterà alla grande carneficina umana. La prima guerra mondiale.  
Nel momento in cui verrà conquistata per la prima volta Gorizia dall'Italia, nella sera tra l'8 ed il 9 agosto del 1916, mentre i soldati austriaci si ritiravano fecero saltare in aria l'arco principale del ponte. Poi arriverà la tragedia di Caporetto e l'esercito austriaco costruì una struttura provvisoria di acciaio  del tipo Roth-Wagner entro il maggio del 1918. Nel mentre di quella tragedia se prima i profughi trovarono riparo nelle terre dell'Impero, ora trovavano riparo nelle terre del Regno d'Italia, soprattutto nel Sud Italia. Dopo qualche anno di tranquillità, e con sopraggiungere dell'Italia e del fascismo, quel ponte venne riportato allo stato originario , tra il 1925 ed il 1927, ricostruendo l'arco principale. Ciò perché l'Italia fascista, nel suo immancabile complesso di inferiorità, doveva dimostrare di non essere inferiore all'Impero che l'Italia aveva combattuto. Poi questo ponte venne nuovamente colpito durante la seconda guerra mondiale. Sei attacchi delle forze alleate tra il 1944 ed il 1945 ed il 15 marzo del 1945 una bomba colpì nuovamente l'arco, ma il ponte non crollò. Dal 1945 al 1947, sino all'entrata in vigore del Trattato di pace, il ponte passò sotto l'amministrazione delle truppe alleate, e fino al 1991 sotto l'amministrazione delle ferrovie Jugoslave e poi, con la dissoluzione della Jugoslavia, delle ferrovie Slovene. Il 20 agosto del 1985 venne proclamato monumento della tecnica. Un gigante nato sotto la maledizione del suo arco che, nonostante tutto, oggi ancora incanta chi si perde nella bellezza dei colori dell'Isonzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…