Passa ai contenuti principali

Il "gigante" di Salcano/Solkan che ha attraversato la storia



Dicono che l'Isonzo è il fiume con i colori più belli del mondo. Questo non so ben dirlo, perché non ho avuto la possibilità di viaggiare per tutto l'immenso nostro mondo, e penso che pochi hanno avuto od avranno questa possibilità e felicità. Ma di certo vi è che i colori dell'Isonzo sono meravigliosi. Intensità, che pare dare densità al fiume, il verde dei prati e degli alberi e delle montagne che lo circondano che pare essere una sola cosa con l'Isonzo. Regno del silenzio è l'Isonzo. Un silenzio che è stato frantumato per anni dalla miserabile guerra e da eventi tragici della nostra storia.
Ed il gigante di Salcano/Solkan, ha attraversato la storia. E' il ponte ferroviario con l'arco in pietra più grande del mondo, la luce dell'arco misura 85 m, e la lunghezza del ponte è di ben 220 metri.Arco in pietra di Aurisina. In un cartello situato nei pressi di questo gigante si legge brevemente la sua storia. Inaugurato al traffico, era il ponte principale nel secondo collegamento tra Vienna e Trieste, il 19 luglio del 1906 dall'erede al trono austriaco Francesco Ferdinando d'Este. L'inserimento dei blocchi in pietra nell'arco principale durò solo 18 mesi. E già la sua inaugurazione cade sotto il segno della maledizione. Perché sarà proprio con l'omicidio dell'erede al trono d'Austria, anche se per nulla amato dal "vecchio" Giuseppe, che si troverà il pretesto per aggredire la ribelle Serbia e da lì partirà un diabolico ed incontrollato effetto domino che porterà alla grande carneficina umana. La prima guerra mondiale.  
Nel momento in cui verrà conquistata per la prima volta Gorizia dall'Italia, nella sera tra l'8 ed il 9 agosto del 1916, mentre i soldati austriaci si ritiravano fecero saltare in aria l'arco principale del ponte. Poi arriverà la tragedia di Caporetto e l'esercito austriaco costruì una struttura provvisoria di acciaio  del tipo Roth-Wagner entro il maggio del 1918. Nel mentre di quella tragedia se prima i profughi trovarono riparo nelle terre dell'Impero, ora trovavano riparo nelle terre del Regno d'Italia, soprattutto nel Sud Italia. Dopo qualche anno di tranquillità, e con sopraggiungere dell'Italia e del fascismo, quel ponte venne riportato allo stato originario , tra il 1925 ed il 1927, ricostruendo l'arco principale. Ciò perché l'Italia fascista, nel suo immancabile complesso di inferiorità, doveva dimostrare di non essere inferiore all'Impero che l'Italia aveva combattuto. Poi questo ponte venne nuovamente colpito durante la seconda guerra mondiale. Sei attacchi delle forze alleate tra il 1944 ed il 1945 ed il 15 marzo del 1945 una bomba colpì nuovamente l'arco, ma il ponte non crollò. Dal 1945 al 1947, sino all'entrata in vigore del Trattato di pace, il ponte passò sotto l'amministrazione delle truppe alleate, e fino al 1991 sotto l'amministrazione delle ferrovie Jugoslave e poi, con la dissoluzione della Jugoslavia, delle ferrovie Slovene. Il 20 agosto del 1985 venne proclamato monumento della tecnica. Un gigante nato sotto la maledizione del suo arco che, nonostante tutto, oggi ancora incanta chi si perde nella bellezza dei colori dell'Isonzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…