Passa ai contenuti principali

Bastano i 7 punti dello Statuto del Comune di Ronchi per votare NO Il 19 giugno alla fusione

Sette punti eloquenti, chiari, che nella loro semplicità evidenziano l'importanza di un Comune e cosa questo rappresenti per la sua comunità. L'attuale Statuto del Comune di Ronchi è stato adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 90 dd. 28/03/1991 (e succ. modifiche e integrazioni).  Al punto primo si legge che il nostro Comune  è l’ente espressione della comunità locale dei cittadini dotato di rilevanza costituzionale.  Dunque già questo principio basterebbe. Rilevanza costituzionale. Sopprimere un Comune, significa sopprimere un piccolo ma importante pezzetto della storia della nostra Costituzione. Al punto due si legge che il Comune ha autonomia statutaria normativa ed impositiva, organizzativa finanziaria ed amministrativa.  Autonomia, quella grande bestia che tanto fastidio ha recato ai grandi poteri, ai regimi, perché autonomia significa democrazia, significa rappresentanza piena ed incondizionata della propria comunità. E ciò lo si desume bene al punto tre quando si legge che il nostro Comune è ente  autonomo e sovrano che rappresenta la popolazione nell’ambito del proprio territorio, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo civile sociale ed economico, nel rispetto della costituzione e delle leggi e dei principi dell’ordinamento della Repubblica Italiana. Certo, si dovranno fare i conti con le scellerate UTI che rischieranno, nel caso della fusione di far letteralmente piazza pulita di Ronchi, territorio per la disponibilità dei suoi spazi, per la presenza dell'aeroporto e di altre infrastrutture che fa gola a tanti speculatori, ma questa è una partita che si riaprirà, come è giusto che sia, dopo il 19 giugno.  Il punto quattro afferma che il Comune di Ronchi è titolare di funzioni proprie ed esercita le funzioni ad esso conferite o delegate dallo stato e dalla regione Friuli Venezia Giulia. Partecipa al processo di riconoscimento del ruolo degli enti locali nella gestione delle risorse locali, del gettito fiscale e nell’organizzazione dei servizi pubblici o di pubblico interesse. Il punto cinque che favorisce la più ampia partecipazione democratica della popolazione alle scelte amministrative nel rispetto delle leggi e dei principi in materia di ordinamento degli enti locali. Democrazia, altra brutta bestia per i grandi poteri ed alcune lobby in un sistema sempre più decisionista ed oligarchico dove una cerchia ristretta di potere vuole condizionare, governare nell'interesse particolare a danno di quello generale, a danno del bene comune. Il punto sei afferma che assicura il libero accesso alle informazioni sulla vita e sull’attività dell’ente ed il punto sette che garantisce l’uso dei servizi pubblici in condizioni di parità e senza discriminazioni a tutti i cittadini della comunità. Ora perché perdere o compromettere tutto ciò? Per una fantomatica città comune, che di comune non ha niente e di città neanche l'ombra? Ronchi non avrà nessun beneficio reale da questa fusione, una fusione senza alcuna progettualità degna di tal nome basata più sul chi vivrà vedrà che altro. I Comuni sono una cosa seria e questa fantomatica proposta di fusione non lo è.
Il nuovo Comune avrà la sua sede in Monfalcone, Ronchi e Staranzano nella migliore delle ipotesi diventeranno dei banali Municipi, realtà prive di personalità giuridica, vi rimarrà qualche sportello, come quello dell'anagrafe, ma il Comune è ben altra cosa ,altro che accontentino del Municipio. Ed a tal proposito viene in mente quanto accaduto a Roiano di Trieste dove il centro civico di Roiano Gretta Barcola di Largo Roiano ha chiuso i battenti dopo anni di presenza in loco, ciò per ragioni di razionalizzazione e risparmio e chi ne ha pagato le conseguenze sono ovviamente i cittadini di quel rione inglobato da Trieste. Il 19 giugno è fondamentale andare a votare per il referendum contro la fusione di Ronchi e Staranzano con Monfalcone e votare no. No per l'autonomia, no per la democrazia, no per il bene Comune, ben ricordando che non vi è alcun quorum per la validità di questo referendum.




Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…