Passa ai contenuti principali

Bastano i 7 punti dello Statuto del Comune di Ronchi per votare NO Il 19 giugno alla fusione

Sette punti eloquenti, chiari, che nella loro semplicità evidenziano l'importanza di un Comune e cosa questo rappresenti per la sua comunità. L'attuale Statuto del Comune di Ronchi è stato adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 90 dd. 28/03/1991 (e succ. modifiche e integrazioni).  Al punto primo si legge che il nostro Comune  è l’ente espressione della comunità locale dei cittadini dotato di rilevanza costituzionale.  Dunque già questo principio basterebbe. Rilevanza costituzionale. Sopprimere un Comune, significa sopprimere un piccolo ma importante pezzetto della storia della nostra Costituzione. Al punto due si legge che il Comune ha autonomia statutaria normativa ed impositiva, organizzativa finanziaria ed amministrativa.  Autonomia, quella grande bestia che tanto fastidio ha recato ai grandi poteri, ai regimi, perché autonomia significa democrazia, significa rappresentanza piena ed incondizionata della propria comunità. E ciò lo si desume bene al punto tre quando si legge che il nostro Comune è ente  autonomo e sovrano che rappresenta la popolazione nell’ambito del proprio territorio, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo civile sociale ed economico, nel rispetto della costituzione e delle leggi e dei principi dell’ordinamento della Repubblica Italiana. Certo, si dovranno fare i conti con le scellerate UTI che rischieranno, nel caso della fusione di far letteralmente piazza pulita di Ronchi, territorio per la disponibilità dei suoi spazi, per la presenza dell'aeroporto e di altre infrastrutture che fa gola a tanti speculatori, ma questa è una partita che si riaprirà, come è giusto che sia, dopo il 19 giugno.  Il punto quattro afferma che il Comune di Ronchi è titolare di funzioni proprie ed esercita le funzioni ad esso conferite o delegate dallo stato e dalla regione Friuli Venezia Giulia. Partecipa al processo di riconoscimento del ruolo degli enti locali nella gestione delle risorse locali, del gettito fiscale e nell’organizzazione dei servizi pubblici o di pubblico interesse. Il punto cinque che favorisce la più ampia partecipazione democratica della popolazione alle scelte amministrative nel rispetto delle leggi e dei principi in materia di ordinamento degli enti locali. Democrazia, altra brutta bestia per i grandi poteri ed alcune lobby in un sistema sempre più decisionista ed oligarchico dove una cerchia ristretta di potere vuole condizionare, governare nell'interesse particolare a danno di quello generale, a danno del bene comune. Il punto sei afferma che assicura il libero accesso alle informazioni sulla vita e sull’attività dell’ente ed il punto sette che garantisce l’uso dei servizi pubblici in condizioni di parità e senza discriminazioni a tutti i cittadini della comunità. Ora perché perdere o compromettere tutto ciò? Per una fantomatica città comune, che di comune non ha niente e di città neanche l'ombra? Ronchi non avrà nessun beneficio reale da questa fusione, una fusione senza alcuna progettualità degna di tal nome basata più sul chi vivrà vedrà che altro. I Comuni sono una cosa seria e questa fantomatica proposta di fusione non lo è.
Il nuovo Comune avrà la sua sede in Monfalcone, Ronchi e Staranzano nella migliore delle ipotesi diventeranno dei banali Municipi, realtà prive di personalità giuridica, vi rimarrà qualche sportello, come quello dell'anagrafe, ma il Comune è ben altra cosa ,altro che accontentino del Municipio. Ed a tal proposito viene in mente quanto accaduto a Roiano di Trieste dove il centro civico di Roiano Gretta Barcola di Largo Roiano ha chiuso i battenti dopo anni di presenza in loco, ciò per ragioni di razionalizzazione e risparmio e chi ne ha pagato le conseguenze sono ovviamente i cittadini di quel rione inglobato da Trieste. Il 19 giugno è fondamentale andare a votare per il referendum contro la fusione di Ronchi e Staranzano con Monfalcone e votare no. No per l'autonomia, no per la democrazia, no per il bene Comune, ben ricordando che non vi è alcun quorum per la validità di questo referendum.




Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …