Passa ai contenuti principali

Trieste e quelle due aggressioni razziste ed il fasciofancazzismo



Trieste è una città che per alcuni aspetti è esemplare in materia di contrasto al razzismo, all'omotransfobia. A Trieste sono nati i primi progetti nelle scuole contro l'omotransfobia, che qualcuno cerca ancora di boicottare, perché ancorato ad una società medievale, primitiva, e se potesse condurrebbe letteralmente al rogo chi omosessuale, ad esempio. A Trieste fino a qualche tempo addietro era impensabile, per una coppia omosessuale, camminare mano nella mano, figurarsi il baciarsi il luogo pubblico. Vade retro satana, avrà invocato qualcuno nella propria mente. Una società, quale quella italiana, che è letteralmente ostaggio di pregiudizi ed ignoranza diffusa, dietro la quale si cela banale e pericoloso odio. Odio che può prendere la forma di un pugno, nella città dove la politica qualcuno vorrebbe mutarla in una sorta di ring. Un pugno che può colpire un semplice bacio d'amore in luogo pubblico, un pugno che può colpire il tuo colore della pelle. Casi isolati, ma che esistono ancora, e che non potranno e non dovranno trovare giustificazione nella canonica ubriacatura, nella città dove il vino è certamente apprezzato. 
Anzi, i pugni violenti e razzisti potrebbero in parte avere anche una loro origine, in quel mondo che ho definito, perdonate la volgarità, ma in una società volgare non esiste altra definizione dal mio punto di vista, quale quella del fasciofancazzismo
Esiste una categoria di super mega ultra italianissimi, ma che non riescono a mettere insieme neanche una frase grammaticalmente corretta in italiano. Una categoria che attraverso la tastiera manifesta tutta la propria frustrazione esistenziale. E cosa scrivono i fasciofancazzisti da tastiera? Inneggiano alla violenza, all'odio razziale, alla xenofobia, all'omotransfobia. Sollecitano l'attivazione di ronde, a volte passano il loro tempo non avendo nulla di meglio da fare nella loro vita proprio a “rondare” per le città. Supereroi metropolitani. A volte si inventano aggressioni per legittimare la loro esistenza, che nella maggior parte dei casi passa inosservata. I supereroi metropolitani ma non usciti da nessun fumetto. Perché la realtà, anche in questo caso, supera ogni possibile immaginazione. Gente frustrata, disagiata, che concepisce la vita come un sorta di ring. Ma oltre a saper tirare pugni, e sparare una infinità di fancazzate super cosmiche altro non lo sanno fare oltre a predicare nella vita patria, senza sapere che patria non è nazionalismo, dio, e famiglia come voluta da dio. Dove l'uomo, è il padrone di casa, il capofamiglia, e la donna ha come unico scopo quello di allevare figli. Lavare i piatti, cucinare ed essere pronta a soddisfare tutti i desideri del proprio maschio e forte uomo. Il cui senso di valore e forza è segnato dal numero di cicatrici. Sarà che forse sono convinti di vivere nell'epoca dell'Impero Romano? Fasciofancazzisti da tastiera che non devono però essere sottovalutati. A furia di inneggiare alla caccia al diverso, vuoi vedere che prima o poi porteranno il loro trofeo a casa? Una bella e civile aggressione? Ora non so se quanto accaduto a Trieste sia collegato a questo fenomeno che chiamo fasciofancazzismo, ma delle perplessità sussistono. Ed anche per questo è importante sostenere la manifestazione che si svolgerà in città il 9 aprile finalizzata a rivendicare la libertà di vivere ed esprimere i nostri amori e i nostri affetti in piena di libertà contro l'omofobia che ancora oggi colpisce gli omosessuali anche nella nostra città, e contro ogni forma di razzismo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…