Passa ai contenuti principali

Se l'integrazione passa anche attraverso il Piccolo


Il Piccolo si appresta a vivere una innovazione digitale fondamentale per la memoria storica,per la ricerca. Innovazione già attuata da tre quotidiani di rilevanza nazionale, ed ora toccherà al Piccolo, con la sua storia. Giornale che ha attraversato le peggiori peripezie di questi luoghi, a volte adattandosi, a volte contrastando la linea dominante, ma nel bene o nel male è sempre stato il giornale, e ribadisco il giornale, di riferimento per una intera comunità. Criticato, a volte odiato, spesso amato, ma sia chi lo critica sia chi non lo critica, sia chi lo ama che chi lo odia, non può non leggere il Piccolo, salvo che non si decida di vivere senza sapere cosa accade nella nostra locale quotidianità, nel nostro piccolo universo, conoscere sentimenti, criticità, preoccupazioni, proposte e quale futuro si prospetta. Siano bar di Gorizia o di Trieste, di Monfalcone, di Ronchi o Grado, il Piccolo non può mancare. A volte si vive una vera e propria fila, o si aspetta che finisca il turno del lettore e consumatore del momento per sfogliare velocemente il giornale e farsi almeno una idea sui fatti, sulle opinioni del giorno. Di norma sono tre i giornali presenti, uno sportivo, il Piccolo ed il Messaggero Veneto, e quando non è presente il Messaggero Veneto se ne trova uno di rilevanza nazionale, che può essere il Corriere della Sera o Repubblica. Meno diffuso, per quanto sia importante specialmente per la comunità slovena, è il Primorski. Ma il Piccolo non manca mai. Il Piccolo domina questo territorio, e penso che è un caso più unico che raro. Sono poche le realtà nazionali dove l'informazione e la formazione che ne deriva è garantita da un solo quotidiano. Sulle spalle di questo giornale, che ho sempre rispettato, pur a volte non condividendo alcune impostazioni, vi è un peso enorme e questo peso lo si comprende bene anche attraverso la rete, i social. Informazione continua guardando sempre quello che accade ad Est, mai, forse, tanto lontano, nonostante siano caduti i muri fisici,  nonostante qualche diabolico tentativo di ricostruzione, quanto oggi. Sarà per come l'Europa non ha saputo gestire il fenomeno immigratorio, chiudendosi, e negando e negandosi la bellezza e l'importanza dell'accoglienza e dell'integrazione, della solidarietà umana. Accoglienza ed integrazione che passa anche attraverso il nostro giornale. Mi ha colpito vedere per le strade di Gorizia un ragazzo richiedente asilo con il Piccolo in mano. In Italia da pochi mesi, ha conosciuto la solidarietà del volontariato, le omissioni del nostro sistema istituzionale di (non) accoglienza, ha deciso, come è giusto che sia per chi vuole integrarsi,di studiare l'italiano, iniziare a conoscere la nostra cultura e soprattutto capire come funziona il nostro piccolo mondo chiuso tra ricordi antichi e sogni universali. Ma camminando con il Piccolo in mano per le strade di Gorizia, lui, il ragazzo fuggito dalle guerre, venuto da un mondo che abbiamo conosciuto solo tramite immagini televisive che altro non rappresentavano che desertificazione e guerra, si è sentito come uno di noi sognando di poter vivere con noi.  




Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …