Passa ai contenuti principali

Quella provocazione dei casapoundisti il 25 aprile a Gorizia




Arriva il 25 aprile. Giorno, dalle nostre parti, ancora contestato da alcuni. Che per capriccio personale, per interpretazione storica a dir poco faziosa, sballata, non lo festeggiano. 25 aprile, giorno universalmente riconosciuto, in Italia, come momento epocale per il riscatto del nostro Paese, che si è liberato da quella macchia che per oltre vent'anni pareva essere indelebile. Anche se la liberazione a Gorizia e Trieste non è avvenuta operativamente il 25 aprile, ma il primo maggio, poco importa, il 25 aprile non si tocca. Festa laicamente sacra. Certo, è un giorno dove spesso domina demagogia e retorica, in una società contaminata dall'esasperazione dell'apparire ed ignoranza storica. Memoria corta, cortissima. Sono robe di quasi un secolo fa molti potrebbero dire. E mi domando, se ai giovani delle nostre scuole si domanda, quante volte, anche per curiosità, hanno cercato su internet, la parola fascismo o voluto approfondire ciò, quale sarà la risposta? Facile immaginare. Se non si capisce che diamine è stato il fascismo, come è nato, cosa ha comportato, mandando in rovina il nostro Paese, come pretendere di comprendere il presente che determinerà il nostro futuro? E' roba di quasi un secolo fa, diranno. Superata. Vecchia. Ancora oggi l'urto lo si riesce a reggere, almeno dalle nostre parti, grazie alla testimonianza di chi ha vissuto gli eventi in prima persona oltre all'operato importante dell'ANPI e della nostra ricerca storica. Ma quando i testimoni diretti non ci saranno più, ci sarà un gran problema da affrontare. 
Ora, in tutto ciò, nella laica sacralità del 25 aprile, i casapoundisti, hanno diffuso in rete una notizia. Il 25 aprile a Gorizia terranno un concerto.  Pare ci saranno alcuni gruppi, come Wild Alley, in una loro foto, del settembre 2015, si può leggere che "disprezzano i pollici e i chitarristi Comunque viva il fascismo", oppure i Bellator, novembre 2015, postavano una foto con questo commento:


"Avanti camerati le nostre idee son pure, idee che sono verghe strette in fascio da una scure". 


Son ragazzi diranno alcuni. Bravi ragazzi che magari tramite qualche opera messianica possono cambiare idea. Certo, come no.  Oppure si obietterà, ma è una iniziativa privata, in luogo privato, ed in democrazia ciò è normale. No, non è normale per niente il fatto che vi sia ancora oggi chi inneggia al fascismo, o che qualcuno si richiami al fascismo, anche nei suoi programmi politici. Non è normale, almeno nella società della nostra Costituzione che nasce proprio dalla demolizione del fascismo. Ed esistono anche delle disposizioni normative specifiche in tal senso. 
Sarà a Gorizia questa provocazione musicale? Chi può dirlo? Anche se dal manifesto diffuso pare di capire di sì. E comunque poco importa.  D'altronde il loro modo di operare qui lo abbiamo conosciuto a Monfalcone a maggio del 2015 con un concerto "top secret", anche se tanto top secret non era, perché qualche rappresentante politico ne era a conoscenza. Quello che deve importare, provocazione o meno che sia, è che emerga un sentimento univoco di condanna. Non è il caso di intervenire perché il nostro 25 aprile a Gorizia, o Monfalcone, o in qualche altro luogo esso sia, non venga macchiato da questa provocazione? Altrimenti continuiamo a cantare Bella ciao, mentre alti canteranno robe neracce, come se fosse la stessa cosa, come se fossero due cose, pur opposte, incompatibili ed inconciliabili, da porre sullo stesso piano. Già. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…