Passa ai contenuti principali

Non è vero che i nostri partigiani hanno combattuto per liberare queste terre dai nazifascisti per annetterle alla Jugoslavia


In Italia, da parte di alcune note realtà, pare essere normale sentir dire e ripetere come una malinconica sinfonia che non ha mai fine, che l'Italia aveva tutti i diritti di conquistare terre come l'Istria,la Dalmazia, Fiume ecc. Perché anche le pietre parlavano italiano, come diceva un noto verso di una canzone di un gruppo di estrema destra e fatta propria da tanti. Già. Mentre dall'altro verso il fatto che la Jugoslavia abbia eventualmente preteso la costituzione di uno status libero ed indipendente per Trieste o l'assegnazione di Gorizia, non è legittimo. Nonostante abbia vinto la guerra, con tutti i pregressi storici, le conformazioni che vi sono state in queste zone ecc. No. Solo gli italiani hanno il diritto di rivendicare terre, mica gente reputata per lungo tempo come inferiore, schiava e comunista, come gli slavi. No. Così come si dice che i partigiani italiani che hanno combattuto o collaborato con l'esercito di liberazione Jugoslavo, con il IX Corpus erano dei traditori perché hanno lottato affinché le "terre contese" venissero poi assegnate alla Jugoslavia. Premesso che chi ha tradito la nostra patria e mandato l'Italia alla distruzione e catastrofe totale è stato il fascismo, e che è merito anche della resistenza tutta  con la vittoria nella guerra di liberazione se si è restituito onore e dignità al nostro Paese. Occorre ricordare due questioni. Nel 1934 il fascismo nel confine orientale era ben rodato, con tutte le sue peculiarità nefaste e le sue violenze soprattutto contro gli sloveni. In tale contesto storico verrà scritto un manifesto dal Partito comunista dell'Austria, della Jugoslavia, e d'Italia nel quale emergerà la posizione da assumere sul problema della Slovenia. Un manifesto chiaro, univoco nella sua direzione e fermo. Fermezza che caratterizzerà il suo contenuto sino alla chiusura quando, senza tanti giri di parole, si scriverà: "La linea politica fissata da questa dichiarazione è obbligatoria per tutti i compagni .Chi non lavora e non lotta per realizzare questa linea politica, chi pone delle riserve al diritto dell' autodecisione ed all'appoggio che deve essere dato alla lotta nazionale rivoluzionaria del popolo sloveno non è un comunista, ma un opportunista contro il quale si deve combattere". Nel manifesto si legge che i Tre partiti " sono per l'autodecisione del popolo sloveno, senza alcuna riserva (...) Lo stesso diritto di autodecisione deve essere concesso agli altri popoli e minoranze che si trovano sul territorio abitato in prevalenza dagli sloveni". Nel 1944 tra il Comando generale delle Brigate Garibaldi ed il Comando del IX Corpus, vennero stipulati alcuni accordi, con i quali si sanciranno ad esempio la costituzione sul litorale sloveno della brigata d'assalto Garibaldi Trieste come parte integrante dei distaccamenti e delle brigate Garibaldi in Italia, si definiranno importanti cooperazioni tra il IX Corpus e le brigate Garibaldi ecc. Il 7 maggio del 1944, nel testo dell'accordo di collaborazione tra la brigata Garibaldi Friuli ed il Briski Beneski Odred, si può leggere nel capitolo spirito di collaborazione:" sulla impossibilità ed inopportunità di porre ora in discussione questioni di delimitazione di confini, perché è chiaro che la soluzione definitiva dei problemi nazionali e territoriali dipenderà dalla situazione generale di questa parte di Europa e, in primo luogo, della Jugoslava ed Italia. Sulla necessità di chiarire ai compagni ed alla massa che il fatto di non discutere oggi le questioni di confine non significa affatto una riserva sulla decisione già presa dal popolo sloveno nelle sue assisi popolari e con la sua eroica lotta armata, per la sua unità ed indipendenza nazionale. Sono oggi lasciate in sospeso e rinviate dopo la vittoria comune solo le questioni dei confini e la sorte dei territori nazionalmente misti o che comunque possono essere oggetto di discussione. Ma già da oggi dobbiamo salutare come un fatto compiuto difendere la conquistata unità ed indipendenza del popolo sloveno e, in generale, dei popoli jugoslavi, come una garanzia di libertà per tutti e di una concorde fraterna regolamentazione dei rapporti tra i vari popoli confinanti e conviventi in uno stesso territorio. Sul fatto che il popolo italiano, con la lotta armata delle sue masse popolari contro l'occupante tedesco ed i traditori fascisti, è sulla via migliore per acquistarsi il diritto di sedere su un piede di parità nel consesso di domani nelle nazioni libere, nel quale la sistemazione dei rapporti tra i popoli italiano e sloveno potrà essere regolata in modo da soddisfare anche le aspirazioni nazionali del popoli italiano." 

Dunque, come si può evincere da questi documenti esemplificativi della reale situazione e reale rapporto tra i partigiani italiani e jugoslavi, è maliziosamente errato, per non dire altro, affermare o sostenere che i nostri partigiani hanno combattuto per liberare queste terre dai nazifascisti per annetterle alla Jugoslavia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…