Passa ai contenuti principali

La Serbia pretende risarcimento per i crimini nazisti ed in Croazia la comunità ebraica attacca il governo per ustascia



Dopo il caso eclatante della Grecia, ora è Belgrado ad alzare la voce. La stampa serba denuncia che sono più di 200.000 i cittadini della Serbia che non hanno ancora percepito alcun risarcimento danno per i crimini accaduti nella seconda guerra mondiale, come compiuti dalla Germania nazista. Si stima in 290 miliardi di dollari l'importo totale da percepire. Tale diritto spetterebbe agli eredi dei famigliari che hanno visto i propri cari essere prigionieri nei campi di concentramento, trattati come schiavi, sottoposti ai lavori forzati, uccisi per rappresaglia, in esecuzioni sommarie, morti nei campi di concentramento, così come quelli che hanno visto le proprie case essere distrutte o che hanno perso i propri beni a causa del regime nazista. In tutta la Jugoslavia sono stati circa 350 mila i prigionieri nei campi nazisti e ben l'85% era della Serbia. Tra la seconda guerra mondiale ed i conflitti degli anni novanta sono stati circa 300 mila i serbi che hanno perso la vita, e nel ventesimo secolo si parla di un totale di circa 1 milione e 200 mila vittime. Ciò a significare che purtroppo, il binomio, Serbia e guerra, è drammatico, e ciò emerge bene nell'immenso museo della guerra presente a Belgrado che evidenzia tutte le guerre che ha dovuto affrontare e subire questo Paese. Belgrado durante i 7000 anni della sua storia, ha conosciuto 115 guerre, e la città venne distrutta ben 44 volte. Come ricorda la stampa serba  "Esattamente 75 anni fa, la capitale serba ha sperimentato una delle guerre più distruttive della storia. L'attacco della Germania nazista avvenuto il 6 aprile 1941, tra le fiamme vi erano obiettivi militari e infrastrutture, così come rifugi, monumenti e beni culturali, edifici residenziali, edifici religiosi e persino ospedali. Nella maggior parte delle fonti citate, emerge che tale attacco ha comportato la perdita della vita  fra 8.000 e 12.000 persone. Le prime bombe caddero una domenica mattina, intorno alle 6:30. Gli edifici distrutti furono 627, 1.601 pesantemente danneggiati e 6.828 case colpite. Venne distrutta la Biblioteca Nazionale di Kosančićev oltre a 300.000 documenti e libri che sono sopravvissuti nei secoli. Colpito lo Stato Maggiore all'angolo di Kneza Miloša e Nemanjina, il Palazzo Vecchio, la  Sinagoga, il Museo storico della Serbia, la sede delle Suore serbe, uffici postali, bombe sono cadute su Piazza della Repubblica,ecc." Dopo 45 anni di pace, soprattutto grazie alla Jugoslavia di Tito, le bombe anglo-americane cadevano di nuovo a Belgrado, dal 24 marzo al 9 giugno ed è stato stimato che gli attacchi aerei della NATO in Jugoslavia hanno ucciso circa 3.000 persone (di cui 2.500 civili), e più di 6.000 feriti. Le stime di danni per la Serbia vanno da 30 a 100 miliardi di dollari, mentre Belgrado ha subito notevoli danni diretti e collaterali.Tra le altre cose, è stato colpito il simbolo di Belgrado, Avala Tower, l'edificio dello Stato Maggiore Generale e il Ministero della Difesa della Repubblica e del Ministero Federale degli Interni, il centro commerciale "Usce", edificio RTS, l'ambasciata cinese e molti altri importanti edifici.
Tutto questo mentre in Croazia il coordinamento delle Comunità Ebraiche ha deciso di non partecipare alla commemorazione organizzata dallo Stato in ricordo delle vittime del campo di Jasenovac. Ciò come forma di protesta contro il governo croato accusato soprattutto, a causa degli eventi politici quotidiani, di favorire una rivitalizzazione del movimento ustascia. Ed i rapporti tra Belgrado e Zagabria continuano ad essere tesi, soprattutto dopo i recenti provvedimenti della "giustizia" dell'Aja.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…