Passa ai contenuti principali

La Serbia pretende risarcimento per i crimini nazisti ed in Croazia la comunità ebraica attacca il governo per ustascia



Dopo il caso eclatante della Grecia, ora è Belgrado ad alzare la voce. La stampa serba denuncia che sono più di 200.000 i cittadini della Serbia che non hanno ancora percepito alcun risarcimento danno per i crimini accaduti nella seconda guerra mondiale, come compiuti dalla Germania nazista. Si stima in 290 miliardi di dollari l'importo totale da percepire. Tale diritto spetterebbe agli eredi dei famigliari che hanno visto i propri cari essere prigionieri nei campi di concentramento, trattati come schiavi, sottoposti ai lavori forzati, uccisi per rappresaglia, in esecuzioni sommarie, morti nei campi di concentramento, così come quelli che hanno visto le proprie case essere distrutte o che hanno perso i propri beni a causa del regime nazista. In tutta la Jugoslavia sono stati circa 350 mila i prigionieri nei campi nazisti e ben l'85% era della Serbia. Tra la seconda guerra mondiale ed i conflitti degli anni novanta sono stati circa 300 mila i serbi che hanno perso la vita, e nel ventesimo secolo si parla di un totale di circa 1 milione e 200 mila vittime. Ciò a significare che purtroppo, il binomio, Serbia e guerra, è drammatico, e ciò emerge bene nell'immenso museo della guerra presente a Belgrado che evidenzia tutte le guerre che ha dovuto affrontare e subire questo Paese. Belgrado durante i 7000 anni della sua storia, ha conosciuto 115 guerre, e la città venne distrutta ben 44 volte. Come ricorda la stampa serba  "Esattamente 75 anni fa, la capitale serba ha sperimentato una delle guerre più distruttive della storia. L'attacco della Germania nazista avvenuto il 6 aprile 1941, tra le fiamme vi erano obiettivi militari e infrastrutture, così come rifugi, monumenti e beni culturali, edifici residenziali, edifici religiosi e persino ospedali. Nella maggior parte delle fonti citate, emerge che tale attacco ha comportato la perdita della vita  fra 8.000 e 12.000 persone. Le prime bombe caddero una domenica mattina, intorno alle 6:30. Gli edifici distrutti furono 627, 1.601 pesantemente danneggiati e 6.828 case colpite. Venne distrutta la Biblioteca Nazionale di Kosančićev oltre a 300.000 documenti e libri che sono sopravvissuti nei secoli. Colpito lo Stato Maggiore all'angolo di Kneza Miloša e Nemanjina, il Palazzo Vecchio, la  Sinagoga, il Museo storico della Serbia, la sede delle Suore serbe, uffici postali, bombe sono cadute su Piazza della Repubblica,ecc." Dopo 45 anni di pace, soprattutto grazie alla Jugoslavia di Tito, le bombe anglo-americane cadevano di nuovo a Belgrado, dal 24 marzo al 9 giugno ed è stato stimato che gli attacchi aerei della NATO in Jugoslavia hanno ucciso circa 3.000 persone (di cui 2.500 civili), e più di 6.000 feriti. Le stime di danni per la Serbia vanno da 30 a 100 miliardi di dollari, mentre Belgrado ha subito notevoli danni diretti e collaterali.Tra le altre cose, è stato colpito il simbolo di Belgrado, Avala Tower, l'edificio dello Stato Maggiore Generale e il Ministero della Difesa della Repubblica e del Ministero Federale degli Interni, il centro commerciale "Usce", edificio RTS, l'ambasciata cinese e molti altri importanti edifici.
Tutto questo mentre in Croazia il coordinamento delle Comunità Ebraiche ha deciso di non partecipare alla commemorazione organizzata dallo Stato in ricordo delle vittime del campo di Jasenovac. Ciò come forma di protesta contro il governo croato accusato soprattutto, a causa degli eventi politici quotidiani, di favorire una rivitalizzazione del movimento ustascia. Ed i rapporti tra Belgrado e Zagabria continuano ad essere tesi, soprattutto dopo i recenti provvedimenti della "giustizia" dell'Aja.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …