Passa ai contenuti principali

La Serbia pretende risarcimento per i crimini nazisti ed in Croazia la comunità ebraica attacca il governo per ustascia



Dopo il caso eclatante della Grecia, ora è Belgrado ad alzare la voce. La stampa serba denuncia che sono più di 200.000 i cittadini della Serbia che non hanno ancora percepito alcun risarcimento danno per i crimini accaduti nella seconda guerra mondiale, come compiuti dalla Germania nazista. Si stima in 290 miliardi di dollari l'importo totale da percepire. Tale diritto spetterebbe agli eredi dei famigliari che hanno visto i propri cari essere prigionieri nei campi di concentramento, trattati come schiavi, sottoposti ai lavori forzati, uccisi per rappresaglia, in esecuzioni sommarie, morti nei campi di concentramento, così come quelli che hanno visto le proprie case essere distrutte o che hanno perso i propri beni a causa del regime nazista. In tutta la Jugoslavia sono stati circa 350 mila i prigionieri nei campi nazisti e ben l'85% era della Serbia. Tra la seconda guerra mondiale ed i conflitti degli anni novanta sono stati circa 300 mila i serbi che hanno perso la vita, e nel ventesimo secolo si parla di un totale di circa 1 milione e 200 mila vittime. Ciò a significare che purtroppo, il binomio, Serbia e guerra, è drammatico, e ciò emerge bene nell'immenso museo della guerra presente a Belgrado che evidenzia tutte le guerre che ha dovuto affrontare e subire questo Paese. Belgrado durante i 7000 anni della sua storia, ha conosciuto 115 guerre, e la città venne distrutta ben 44 volte. Come ricorda la stampa serba  "Esattamente 75 anni fa, la capitale serba ha sperimentato una delle guerre più distruttive della storia. L'attacco della Germania nazista avvenuto il 6 aprile 1941, tra le fiamme vi erano obiettivi militari e infrastrutture, così come rifugi, monumenti e beni culturali, edifici residenziali, edifici religiosi e persino ospedali. Nella maggior parte delle fonti citate, emerge che tale attacco ha comportato la perdita della vita  fra 8.000 e 12.000 persone. Le prime bombe caddero una domenica mattina, intorno alle 6:30. Gli edifici distrutti furono 627, 1.601 pesantemente danneggiati e 6.828 case colpite. Venne distrutta la Biblioteca Nazionale di Kosančićev oltre a 300.000 documenti e libri che sono sopravvissuti nei secoli. Colpito lo Stato Maggiore all'angolo di Kneza Miloša e Nemanjina, il Palazzo Vecchio, la  Sinagoga, il Museo storico della Serbia, la sede delle Suore serbe, uffici postali, bombe sono cadute su Piazza della Repubblica,ecc." Dopo 45 anni di pace, soprattutto grazie alla Jugoslavia di Tito, le bombe anglo-americane cadevano di nuovo a Belgrado, dal 24 marzo al 9 giugno ed è stato stimato che gli attacchi aerei della NATO in Jugoslavia hanno ucciso circa 3.000 persone (di cui 2.500 civili), e più di 6.000 feriti. Le stime di danni per la Serbia vanno da 30 a 100 miliardi di dollari, mentre Belgrado ha subito notevoli danni diretti e collaterali.Tra le altre cose, è stato colpito il simbolo di Belgrado, Avala Tower, l'edificio dello Stato Maggiore Generale e il Ministero della Difesa della Repubblica e del Ministero Federale degli Interni, il centro commerciale "Usce", edificio RTS, l'ambasciata cinese e molti altri importanti edifici.
Tutto questo mentre in Croazia il coordinamento delle Comunità Ebraiche ha deciso di non partecipare alla commemorazione organizzata dallo Stato in ricordo delle vittime del campo di Jasenovac. Ciò come forma di protesta contro il governo croato accusato soprattutto, a causa degli eventi politici quotidiani, di favorire una rivitalizzazione del movimento ustascia. Ed i rapporti tra Belgrado e Zagabria continuano ad essere tesi, soprattutto dopo i recenti provvedimenti della "giustizia" dell'Aja.

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…