Passa ai contenuti principali

Essere grande non significa essere più forte perchè la forza di una città non è data dalla sua grandezza



Più grandi, più forti. Slogan semplice, efficace. Buono per vendere un prodotto che mira più alla quantità che alla qualità. Ma dove è scritto che le città più grandi sono, più forti sono? Dove è scritto che una città grande, e per grande si intende almeno di 100 mila abitanti e non neanche di 50 mila abitanti, che può essere definita come cittadina, risolve tutti i problemi? Se le raccontasse Pinocchio queste cose, un risatina scapperebbe sicuramente. Ma non è Pinocchio a sostenere il mito della grandezza. Ma i fusionisti. Quelli che vogliono la fusione di alcuni Comuni. La vera grandezza di una località è data dalla forza e coesione della sua comunità.Se una comunità, per quanto piccola, è coesa, e determinata, tutto è possibile. Ma corre la moda della grandezza. Il piccolo è brutto, il grande è bello. Il piccolo rompe le scatoline, il grande, farà anche la voce grossa, per apparire, mostrerà i muscoli della sua nuova corporatura,  potrà dire ora ho 48 mila abitanti, ora mi dovrai sentire. Già.Il tempo dell'illusionismo penso che sia finito da un pezzo. 
Ma grandezza significa anche omologazione. Nel 2001, l'immenso Umberto Eco, sul problema della "omologazione" delle grandi città così scriveva: "accade che tutti i luoghi tendono ormai ad assomigliarsi, e qui una volta tanto la globalizzazione c'entra davvero. Sto pensando ad alcuni luoghi magici come Parigi come Saint-Germain, dove scompaiono a poco a poco i vecchi ristoranti, le librerie ombrose, i negozietti dei vecchi artigiani e vengono sostituiti da negozi di stilisti internazionali. Sono gli stessi che si possono trovare a N.York, a Londra, a Milano. Le strade principali delle grandi città oramai si assomigliano l'una con l'altra, vi si trovano gli stessi negozi. (...)Quando tutto sarà diventato uguale a tutto, non si farà più turismo per scoprire il mondo vero, ma per trovare sempre, ovunque andiamo, quello che conoscevamo già, e che avremmo benissimo potuto vedere stando a casa davanti al televisore."

Adattando questa sua importante riflessione alle questioni dei piccoli Comuni, bestioline da schiacciare, perché sono una gran noia per l'omologazione, per il potere centrale e decisionista, viene da pensare che in un colpo solo tutto verrà spazzato via e si vivrà solo di ricordi e nostalgia. Lì ove un tempo vi era un parco, ecco la mitica e modernissima torre futuristica, lì ove un tempo vi era il silenzio, ecco ora un traffico senza mai fine, lì ove un tempo vi erano tante piccole botteghe, ecco il vuoto, perché il grande centro commerciale divora il mangiabile. I piccoli Comuni sono da sempre stati la vera forza dell'Italia, ora questa forza la vogliono sopprimere perché il tempo della democrazia reale e partecipata, dell'essere comunità, è finito. Almeno secondo le intenzioni di alcuni. E se la logica della fusione dei Comuni, dovrà essere anche quella di proporre ciò lì ove questi sono confinanti tra di loro, praticamente quasi ovunque, mi pare evidente che in Italia la maggior parte dei Comuni sono destinati a scomparire. E dopo toccherà ad un pesce ancora più grande che si mangerà quel pesciolino che a colpi di pinocchiate si è mangiato a sua volta il pesce ancor più piccolo per arrivare a maledire quel giorno in cui venne proposta la prima fusione. Ma teniamoceli questi Comuni, difendiamoli. 
Il vero problema che si ha in FVG sono il becero sistema delle UTI, i fusionisti farebbero bene ad impiegare il loro tempo e le loro energie per battersi contro il sistema delle UTI, una delle peggiori riforme in materia di Enti Locali mai scritte nella storia della Repubblica Italiana, ove si realizzerà l'applicazione piena del sistema decisionista del grande "rottamatore" renziano. Però, pensandoci bene, sarà mica che sono i decisionisti renziani questi che sostengono le fusioni dei Comuni di Ronchi, Staranzano, Monfalcone? Sarà mica che avere qualche cane sciolto all'interno delle UTI come Ronchi, che magari non si allinea, rischia di essere un problemino per i grandi equilibri di potere che qualcuno vorrebbe costruire all'interno del mostro UTI? 

Marco Barone 


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…