Passa ai contenuti principali

Anche Ronchi ha avuto una storia alla Don Camillo e Peppone, per la prima targa per i partigiani

6 marzo 1949 Selz, inaugurazione targa per Partigiani
Era da pochi anni finita la guerra ma le tensioni nel nostro Territorio erano ancora alte. Il picco della tensione lo si raggiungerà soprattutto nel settembre del 1947 quando tra Trieste, Gorizia e Monfalconese per tre, quattro giorni, si verificarono aggressioni contro sloveni e comunisti. Nel mentre a Parigi presso l'ufficio del Ministro degli esteri francese aveva luogo la cerimonia del deposito delle ratifiche del trattato di pace italiano da parte dei rappresentanti delle quattro maggiori potenze, ma senza la presenza di alcun rappresentante del Governo italiano, a Gorizia ritornava lentamente la normalità, dopo tre giorni di assalti e violenze inaudite nei confronti degli sloveni e dei comunisti. Per esempio il 12 settembre si denunciavano, nel goriziano, un lancio di bombe a mano contro un gruppo di comunisti e dove risultavano essere feriti anche dei bambini.Venne assaltata la federazione Comunista di Gorizia, venne incendiata la casa del Popolo di Gradisca e si tentava l'assalto alla sede del PCI di Monfalcone e di Ronchi, ma senza successo grazie alla resistenza dei comunisti. Venivano affisse per la città di Gorizia delle liste di “proscrizione” nelle quali si minacciavano di morte i cittadini che cercavano la collaborazione con i popoli confinanti, gli sloveni. Sloveni che subirono violenze, saccheggi, distruzione di negozi, boicottaggi, pestaggi, insulti. La situazione divenne talmente insostenibile che venne presentata, dal deputato della Costituente, Giordano Pratolongo, una interrogazione al Governo per sapere quali“ provvedimenti siano stati presi o si intenda prendere per garantire le istituzioni democratiche e le libertà dei cittadini nella provincia di Gorizia contro le aggressioni e le violenze scatenate da provocatori fascisti e nazionalisti a danno di italiani e sloveni e delle organizzazioni democratiche: e per l'arresto e la punizione dei responsabili dei gravi fatti accaduti nei giorni scorsi”. Si denunciava in particolare quanto accadde tra il 13, 14 e 15 settembre 1947, si ricordava, tra le varie cose, oltre a quelle già in precedenza elencate, anche la devastazione della tipografia del giornale democratico sloveno Primorski, l'assalto alle cooperative, negozi di proprietà di sloveni, assalti a case private di sloveni e comunisti italiani e sloveni. Il tutto accadde anche quando a Gorizia giunse la divisione Mantova e le autorità italiane, presenti nella zona di Gorizia tra la notte della domenica 14 settembre e le prime ore del 15 settembre non presero ufficialmente possesso del territorio sgombrato dagli alleati ed il passaggio effettivo di poteri veniva ritardato. Circa due anni dopo, il 6 marzo del 1949, a Ronchi verrà inaugurata la prima targa dedicata ai caduti partigiani, per la precisione a 10 caduti per la libertà dei popoli ed a 9 dispersi. Tale targa sorgerà a Selz, e verrà realizzata con il contributo dei famigliari dei caduti ricordati nella targa. Il Comune in quel tempo era retto da Bernazza Carlo che seguiva Tambarin Antonio sindaco disegnato dal GMA dal 1945 al 1948 ed il prete era il noto don Giovanni Battista Falzari. 

Il Comune diede solo l'autorizzazione per realizzare quella targa ma il giorno della inaugurazione Don Falzari, come raccontano le testimonianze, decise di non partecipare o di non effettuare alcuna benedizione, perché quella targa veniva vista come una sorta di sfida alla cappella della Madonna lì collocata. 


Una storia alla Don Camillo e Peppone, anche se il Peppone del caso non era propriamente il Sindaco, ma chi ha sostenuto la collocazione di quella targa, a partire dalla nostra ANPI ed ovviamente i famigliari dei caduti. Ma non venne quella targa collocata come affronto alla cappella della madonna, venne lì collocata  perché era l'unica facciata disponibile su una strada pubblica di Selz che conduceva al luogo ove si costituì la nota Brigata Proletaria. Una piccola storia da conoscere. La foto di quella targa nel 2015, per il 70° anniversario della Resistenza, è stata anche pubblicata, dopo una mia segnalazione, insieme al cippo della Brigata Proletaria realizzato nel settembre del 1970, sul sito di Repubblica tra i luoghi della resistenza d'Italia.
Marco Barone 

Aggiornamento, il 12 aprile questa piccola ricerca è stata pubblicata sul Piccolo edizione di Gorizia, che ringrazio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…