Passa ai contenuti principali

La"fusione" di Ronchi, Staranzano e Monfalcone gioverà solo a Monfalcone




Leggendo gli ultimi dati ISTAT si rileva che nel corso dell’anno 2015 sono stati istituiti per fusione 6 nuovi comuni, a fronte della soppressione di 16. Le variazioni sono occorse nelle province di Trento (3 comuni istituiti e 10 comuni soppressi), di Lucca, di Pordenone e di Lecco (1 comune istituito e 2 comuni soppressi in ciascuna provincia). Nel mese di novembre è stato soppresso il comune di Menarola in provincia di Sondrio, inglobato nel confinante comune di Gordona. In provincia di Cuneo, il comune di Castellinaldo ha assunto la nuova denominazione di Castellinaldo d’Alba a partire dal 30 gennaio 2015. Con riferimento alla data del 1° gennaio 2016 si rilevano ulteriori variazioni. Risultano istituiti 25 nuovi comuni per fusione, a fronte della soppressione di 68 comuni esistenti. Le variazioni sono così distribuite: 17 comuni istituiti in provincia di Trento (49 comuni soppressi); 1 comune istituito in ciascuna delle seguenti province: Verbano-Cusio-Ossola, Bologna, Rimini, Parma, Pavia (2 comuni soppressi in ciascuna), Reggio nell’Emilia (4 comuni soppressi); 2 comuni istituiti in provincia di Biella (5 comuni soppressi).  In via generale dal 23 febbraio 2016, con la istituzione in provincia di Belluno dei due nuovi comuni di Alpago e Val di Zoldo per fusione di 5 unità amministrative, il numero dei comuni in Italia risulta essere di 8.000 unità. Un calo sistematico ma che ha riguardato i piccoli Comuni e per tali si intendono quelli sotto la soglia dei 5000 abitanti e che inverte quella tendenza che vi è stata tra il 1931 e il 2007, quando il numero dei Comuni passa da 7.311 a 8.101 con un incremento di 790 unità. Elevato è l’aumento che si registra tra il censimento del 1931 e quello del 1951 (più 499 Comuni). La Francia, che nel 1881 contava 36.097 Comuni ne conta ancora oggi più di 36 mila. In alcuni paesi vi è stata nell’ultima parte del Novecento una drastica riduzione come in Danimarca passati da 1.388 a 275, in Belgio da 2.500 a 600, nel Regno Unito da 1.830 autorità locali si è scesi a 486 . Dunque si vuole emulare una forma di sistema nordico che non ha nulla da condividere con il nostro sistema. In Italia la questione della fusione ha sempre interessato i Comuni sotto la soglia dei 5000 abitanti che è stata ritenuta come la soglia minima di popolazione da considerare accettabile per un processo di fusione. E le questioni che si pongono sempre per sostenere queste fusioni, cioè quelle dei piccoli Comuni, sono ovunque le medesime. Come se la cabina di regia fosse una sola. Una cabina di regia che ha avuto origine dal 2007. E molti degli esempi fatti sul visionario ed ipotetico grande Comune di Monfalcone, sono quelli posti in essere in merito ai processi di fusione che riguardano i piccoli Comuni che non hanno nulla in comune con Ronchi e Staranzano, che sono Comuni non piccoli
Come è stato già detto Ronchi e Staranzano, anche se fisicamente sono confinanti con Monfalcone, hanno una soglia ottimale per continuare ad esistere come Comuni. Se il ragionamento da seguire è perché sono contigui cosa dovremmo fare allora? Assorbire la Slovenia, come qualche nostalgico irredentista e nazionalista forse vorrebbe? Visto che siamo confinanti con quello Stato? Ma una delle questioni peggiori riguarda il bilanciamento democratico in chiave di rappresentanza in sede di gestione del territorio, che per ovvi motivi si inclinerebbe tutto a favore di Monfalcone. 
Sarebbe più equilibrata da valutare, invece, una inclusione, una unione, che non è la scellerata UTI, tra tutti i Comuni della Sinistra Isonzo, del basso Isontino, che favorirebbe un bilanciamento democratico, sarebbe più equilibrata e non si innescherebbe il meccanismo del pesce più grosso, Monfalcone, che mangia quello più piccolo, ma si tratterebbe, qualora condivisa, di un processo di unione e non di frammentazione  che rischia di trasformare, come nel caso di Ronchi e Staranzano, questi due Comuni in banali circoscrizioni di Monfalcone. Ora, qualcuno potrebbe obiettare, ma questa fusione può aprire quella della Sinistra Isonzo. Non è vero. Anzi stimolerà al contrario qualsiasi processo di reale unione, e poi chi ha deciso che deve essere Monfalcone il centro unico d'imputazione giuridica e non solo? Nel caso dell'unione tra i Comuni della Sinistra Isonzo, la cosa sarebbe diversa e non è detto che sarà Monfalcone il centro di questo mondo, lo si deciderà insieme, in modo condiviso, senza forzature o capricci dell'ultima ora o con ipotesi ufologiche. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …