Passa ai contenuti principali

#Gorizia2016: per il centenario della prima presa di Gorizia una grande manifestazione antimilitarista



Si avvicina il centenario della prima presa di Gorizia, avvenuta nell'agosto del 1916. Nella battaglia di Gorizia dal 6 al 17 agosto le vittime furono di 51.232 uomini, di cui 1.759 ufficiali; gli austriaci ebbero fuori combattimento 41.835 uomini, di cui 807 ufficiali. E nel complesso vi è stata una vera e propria ecatombe. In via approssimativa furono 86 mila gli abitanti costretti ad evacuare la contea di Gorizia a causa della prima guerra mondiale, e 14 mila furono solo gli sloveni della città di Gorizia a lasciare la città, una città che aveva un totale di circa 25 mila abitanti in quel periodo. Il cui ritorno, poi, venne ostacolato in tutti i modi possibili. E venne presa una città distrutta, e semplicemente vuota.
Per questa ricorrenza, che diventerà celebrazione, con gli immancabili connotati di nazionalismo, e militarismo, sono previste diverse iniziative. La più importante è sicuramente quella prevista tra il 17, 18 e 19 giugno del 2016 quando la città ospiterà l'adunata triveneta degli alpini (Triveneto e sezioni estere) e la 9a adunata nazionale della Brigata Julia. Sarà una manifestazione imponente. Le 25 sezioni del Triveneto raccolgono oltre il 40% degli iscritti totali all'Ana. Ed è prevista come da prassi nell'ultimo giorno la sfilata degli alpini nel cuore della città. Pare di capire che due saranno i luoghi simbolo della manifestazione che qualcuno vuole chiamare festa, piazza Vittoria e parte di via Rastello che ospiteranno il Villaggio Alpino. Ai Giardini Pubblici, invece, sarà allestita la Cittadella degli Alpini, dedicata in particolare alla Brigata Julia, con un'esposizione statica di mezzi ecc. Senza dimenticare che sono previsti incontri con le scuole. Se per il centenario dell'entrata in guerra dell'Italia Gorizia ha conosciuto la manifestazione nazionale dei casapoundisti, contrapposta da una grande manifestazione antifascista ed antimilitarista come organizzata dall'Osservatorio Regionale Antifascista del FVG, penso che sia il caso di prendere seriamente in considerazione la necessità di proporre a Gorizia una manifestazione del Triveneto antimilitarista in concomitanza con quella "festa" di giugno. 
Visto che Gorizia è diventata, suo malgrado, un triste simbolo in chiave nazionalistica. Una manifestazione antimiltarista, a parer mio,  è necessaria perché non vi è nulla da festeggiare sulla grande carneficina che è stata la prima guerra mondiale, non vi è nulla da festeggiare sulla prima presa di Gorizia che ha comportato la distruzione della città, per poi essere persa con la catastrofe di Caporetto, cosa che non si ricorda mai, non vi è nulla da festeggiare nel tempo in cui l'Occidente continua a sostenere guerre e logiche imperialiste e colonialiste fomentando emigrazioni, drammi, distruzioni. Gli eserciti non sono una soluzione ma il problema ed il miglior modo per ricordare la prima presa di Gorizia, cosa è stata la presa di Gorizia, cosa è stata la prima guerra mondiale, è l'antimilitarismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…