Passa ai contenuti principali

Se a Monfalcone ed in FVG nessuno sapeva della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A



Sul sito della A2A si può leggere che A2A è la più grande multiutility italiana. Il gruppo A2A opera nel settore energetico in quattro filiere di attività: la filiera energia (produzione di energia elettrica e vendita di energia elettrica e gas), la filiera ambiente (raccolta e trattamento di rifiuti urbani e industriali), la filiera calore (cogenerazione e teleriscaldamento ad uso urbano) e la filiera reti (distribuzione di energia elettrica e gas, ciclo idrico integrato). Il gruppo è presente anche all’estero mediante l’operatività sui principali mercati europei dell’elettricità e del gas, la produzione idroelettrica e la distribuzione di energia elettrica nell’area dei Balcani e la realizzazione di impianti di trattamento dei rifiuti in diverse nazioni europee. Nel 2013 il gruppo ha registrato un fatturato di 5,6 MILIARDI di euro. A2A è quotata alla Borsa Italiana. Parliamo, dunque, di un colosso, che a Monfalcone, per ovvi motivi e noti, è contrastato. 
Ha creato scalpore quanto fatto emergere giustamente dal Piccolo, ovvero che praticamente nessuno teoricamente era a conoscenza della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A. L'Azienda ha fatto rilevare che esiste un decreto. Un decreto, come ha evidenziato il Piccolo, noto. Dunque atto normativo dello Stato. E' stato scritto che il decreto in questione è il numero 46 del 4 marzo 2014 (in attuazione a una direttiva Ue, la 75 del 2010) che a sua volta rivede le scadenze previste da un decreto del 2006, il 152. È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale numero 72 del 27 marzo ed entrato in vigore l’11 aprile 201. E dell'esistenza di tale decreto, Provincia di Gorizia, Comune di Monfalcone e Regione FVG teoricamente potevano esserne a conoscenza sin dal 28 aprile 2014, quando da parte del Ministero dell'Ambiente, tramite PEC mail è stato trasmesso l'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014 per l'esercizio della centrale termoelettrica della societa' A2A S.p.A. sita nel Comune di Monfalcone. Vi è stato anche un comunicato nei siti ministeriali di questo tenore: "Si rende noto che, con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014, si e' provveduto all'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale rilasciata alla societa' A2A S.p.A. - identificata dal codice fiscale 11957540153, con sede legale in Via Lamarmora n. 230 - 25124 Brescia, per l'esercizio della centrale termoelettrica ubicata nel Comune di Monfalcone (GO) ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 e successive modificazioni e integrazioni. Copia del provvedimento e' messa a disposizione del pubblico per la consultazione presso la Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, Via C. Colombo, 44 - Roma, e attraverso il sito web del Ministero". A pagina 2 del citato atto, come trasmesso ai nostri Enti territoriali, si legge anche : "visto il decreto legislativo numero 46 del 4 marzo 2014, in particolare articolo 29 comma 1, recante attuazione direttiva Ue, la 75 del 2010 relativa ad emissioni industriali". Ora, è noto che in Italia le leggi sono incomprensibili, scritte in modo indecifrabile spesso anche per gli addetti ai lavori, però se la fonte normativa che disponeva nella sostanza la proroga sino al 2025 per la centrale in questione, era quella di cui ora si discute, questa, salvo che la Pec mail non sia pervenuta, poteva non essere a conoscenza delle nostre Istituzioni? E comunque anche le forze politiche di opposizione non erano a conoscenza di ciò? Certo, è vero che le responsabilità di chi amministra sono diverse da chi esercita l'opposizione, ma è compito dell'opposizione vigilare e se la fonte normativa in questione è quel noto decreto, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, non è che anche queste si trovano ora nella condizione di poter dire di essere nel giusto e "strillare".  Anzi. Da segnalare, che nel decreto 127 del 2014, si legge a pagina 10, sotto la voce " quadro autorizzativo attuale" un decreto del 2009 con scadenza 24 marzo 2017 ex articolo 29 sexies dlgs 152/2006, del Ministero dell'Ambiente, avente per oggetto autorizzazione integrata ambientale, e decreto numero 175 della Regione FVG con scadenza 1 dicembre 2024 RD 1775/33 avente per oggetto sub-ingresso nella concessione di derivazione d'acqua di falda sotterranea mediante cinque pozzi in Comune di Monfalcone ad uso industriale da parte di A2A produzione srl".
Tanto detto, visto che nessuno può dire di essere nel giusto, perché qui la cosa è sfuggita a tutti, ed ogni speculazione politica è impropria, è il caso di capire come affrontare seriamente e non in via demagogica  o speculativa la citata questione, per il bene comune. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…