Passa ai contenuti principali

Se a Monfalcone ed in FVG nessuno sapeva della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A



Sul sito della A2A si può leggere che A2A è la più grande multiutility italiana. Il gruppo A2A opera nel settore energetico in quattro filiere di attività: la filiera energia (produzione di energia elettrica e vendita di energia elettrica e gas), la filiera ambiente (raccolta e trattamento di rifiuti urbani e industriali), la filiera calore (cogenerazione e teleriscaldamento ad uso urbano) e la filiera reti (distribuzione di energia elettrica e gas, ciclo idrico integrato). Il gruppo è presente anche all’estero mediante l’operatività sui principali mercati europei dell’elettricità e del gas, la produzione idroelettrica e la distribuzione di energia elettrica nell’area dei Balcani e la realizzazione di impianti di trattamento dei rifiuti in diverse nazioni europee. Nel 2013 il gruppo ha registrato un fatturato di 5,6 MILIARDI di euro. A2A è quotata alla Borsa Italiana. Parliamo, dunque, di un colosso, che a Monfalcone, per ovvi motivi e noti, è contrastato. 
Ha creato scalpore quanto fatto emergere giustamente dal Piccolo, ovvero che praticamente nessuno teoricamente era a conoscenza della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A. L'Azienda ha fatto rilevare che esiste un decreto. Un decreto, come ha evidenziato il Piccolo, noto. Dunque atto normativo dello Stato. E' stato scritto che il decreto in questione è il numero 46 del 4 marzo 2014 (in attuazione a una direttiva Ue, la 75 del 2010) che a sua volta rivede le scadenze previste da un decreto del 2006, il 152. È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale numero 72 del 27 marzo ed entrato in vigore l’11 aprile 201. E dell'esistenza di tale decreto, Provincia di Gorizia, Comune di Monfalcone e Regione FVG teoricamente potevano esserne a conoscenza sin dal 28 aprile 2014, quando da parte del Ministero dell'Ambiente, tramite PEC mail è stato trasmesso l'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014 per l'esercizio della centrale termoelettrica della societa' A2A S.p.A. sita nel Comune di Monfalcone. Vi è stato anche un comunicato nei siti ministeriali di questo tenore: "Si rende noto che, con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014, si e' provveduto all'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale rilasciata alla societa' A2A S.p.A. - identificata dal codice fiscale 11957540153, con sede legale in Via Lamarmora n. 230 - 25124 Brescia, per l'esercizio della centrale termoelettrica ubicata nel Comune di Monfalcone (GO) ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 e successive modificazioni e integrazioni. Copia del provvedimento e' messa a disposizione del pubblico per la consultazione presso la Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, Via C. Colombo, 44 - Roma, e attraverso il sito web del Ministero". A pagina 2 del citato atto, come trasmesso ai nostri Enti territoriali, si legge anche : "visto il decreto legislativo numero 46 del 4 marzo 2014, in particolare articolo 29 comma 1, recante attuazione direttiva Ue, la 75 del 2010 relativa ad emissioni industriali". Ora, è noto che in Italia le leggi sono incomprensibili, scritte in modo indecifrabile spesso anche per gli addetti ai lavori, però se la fonte normativa che disponeva nella sostanza la proroga sino al 2025 per la centrale in questione, era quella di cui ora si discute, questa, salvo che la Pec mail non sia pervenuta, poteva non essere a conoscenza delle nostre Istituzioni? E comunque anche le forze politiche di opposizione non erano a conoscenza di ciò? Certo, è vero che le responsabilità di chi amministra sono diverse da chi esercita l'opposizione, ma è compito dell'opposizione vigilare e se la fonte normativa in questione è quel noto decreto, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, non è che anche queste si trovano ora nella condizione di poter dire di essere nel giusto e "strillare".  Anzi. Da segnalare, che nel decreto 127 del 2014, si legge a pagina 10, sotto la voce " quadro autorizzativo attuale" un decreto del 2009 con scadenza 24 marzo 2017 ex articolo 29 sexies dlgs 152/2006, del Ministero dell'Ambiente, avente per oggetto autorizzazione integrata ambientale, e decreto numero 175 della Regione FVG con scadenza 1 dicembre 2024 RD 1775/33 avente per oggetto sub-ingresso nella concessione di derivazione d'acqua di falda sotterranea mediante cinque pozzi in Comune di Monfalcone ad uso industriale da parte di A2A produzione srl".
Tanto detto, visto che nessuno può dire di essere nel giusto, perché qui la cosa è sfuggita a tutti, ed ogni speculazione politica è impropria, è il caso di capire come affrontare seriamente e non in via demagogica  o speculativa la citata questione, per il bene comune. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …