Passa ai contenuti principali

Se a Monfalcone ed in FVG nessuno sapeva della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A



Sul sito della A2A si può leggere che A2A è la più grande multiutility italiana. Il gruppo A2A opera nel settore energetico in quattro filiere di attività: la filiera energia (produzione di energia elettrica e vendita di energia elettrica e gas), la filiera ambiente (raccolta e trattamento di rifiuti urbani e industriali), la filiera calore (cogenerazione e teleriscaldamento ad uso urbano) e la filiera reti (distribuzione di energia elettrica e gas, ciclo idrico integrato). Il gruppo è presente anche all’estero mediante l’operatività sui principali mercati europei dell’elettricità e del gas, la produzione idroelettrica e la distribuzione di energia elettrica nell’area dei Balcani e la realizzazione di impianti di trattamento dei rifiuti in diverse nazioni europee. Nel 2013 il gruppo ha registrato un fatturato di 5,6 MILIARDI di euro. A2A è quotata alla Borsa Italiana. Parliamo, dunque, di un colosso, che a Monfalcone, per ovvi motivi e noti, è contrastato. 
Ha creato scalpore quanto fatto emergere giustamente dal Piccolo, ovvero che praticamente nessuno teoricamente era a conoscenza della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A. L'Azienda ha fatto rilevare che esiste un decreto. Un decreto, come ha evidenziato il Piccolo, noto. Dunque atto normativo dello Stato. E' stato scritto che il decreto in questione è il numero 46 del 4 marzo 2014 (in attuazione a una direttiva Ue, la 75 del 2010) che a sua volta rivede le scadenze previste da un decreto del 2006, il 152. È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale numero 72 del 27 marzo ed entrato in vigore l’11 aprile 201. E dell'esistenza di tale decreto, Provincia di Gorizia, Comune di Monfalcone e Regione FVG teoricamente potevano esserne a conoscenza sin dal 28 aprile 2014, quando da parte del Ministero dell'Ambiente, tramite PEC mail è stato trasmesso l'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014 per l'esercizio della centrale termoelettrica della societa' A2A S.p.A. sita nel Comune di Monfalcone. Vi è stato anche un comunicato nei siti ministeriali di questo tenore: "Si rende noto che, con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014, si e' provveduto all'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale rilasciata alla societa' A2A S.p.A. - identificata dal codice fiscale 11957540153, con sede legale in Via Lamarmora n. 230 - 25124 Brescia, per l'esercizio della centrale termoelettrica ubicata nel Comune di Monfalcone (GO) ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 e successive modificazioni e integrazioni. Copia del provvedimento e' messa a disposizione del pubblico per la consultazione presso la Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, Via C. Colombo, 44 - Roma, e attraverso il sito web del Ministero". A pagina 2 del citato atto, come trasmesso ai nostri Enti territoriali, si legge anche : "visto il decreto legislativo numero 46 del 4 marzo 2014, in particolare articolo 29 comma 1, recante attuazione direttiva Ue, la 75 del 2010 relativa ad emissioni industriali". Ora, è noto che in Italia le leggi sono incomprensibili, scritte in modo indecifrabile spesso anche per gli addetti ai lavori, però se la fonte normativa che disponeva nella sostanza la proroga sino al 2025 per la centrale in questione, era quella di cui ora si discute, questa, salvo che la Pec mail non sia pervenuta, poteva non essere a conoscenza delle nostre Istituzioni? E comunque anche le forze politiche di opposizione non erano a conoscenza di ciò? Certo, è vero che le responsabilità di chi amministra sono diverse da chi esercita l'opposizione, ma è compito dell'opposizione vigilare e se la fonte normativa in questione è quel noto decreto, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, non è che anche queste si trovano ora nella condizione di poter dire di essere nel giusto e "strillare".  Anzi. Da segnalare, che nel decreto 127 del 2014, si legge a pagina 10, sotto la voce " quadro autorizzativo attuale" un decreto del 2009 con scadenza 24 marzo 2017 ex articolo 29 sexies dlgs 152/2006, del Ministero dell'Ambiente, avente per oggetto autorizzazione integrata ambientale, e decreto numero 175 della Regione FVG con scadenza 1 dicembre 2024 RD 1775/33 avente per oggetto sub-ingresso nella concessione di derivazione d'acqua di falda sotterranea mediante cinque pozzi in Comune di Monfalcone ad uso industriale da parte di A2A produzione srl".
Tanto detto, visto che nessuno può dire di essere nel giusto, perché qui la cosa è sfuggita a tutti, ed ogni speculazione politica è impropria, è il caso di capire come affrontare seriamente e non in via demagogica  o speculativa la citata questione, per il bene comune. 


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Ballottaggio Gorizia: cultura- dalla memoria condivisa (del Pd) a Nova Gorica e Gorizia capitale della cultura (per la destra)

Secondo appuntamento, in vista del ballottaggio, sul confronto tra i programmi elettorali, per Gorizia, tra quello a sostegno di Ziberna( destra) e di  Collini ( Pd più altre liste). Ora è il momento della cultura.  Cosa prevede il programma a sostegno di Ziberna?
Guardiamo gli aspetti più rilevanti.  Si sostiene la candidatura di  Nova Gorica e Gorizia a capitale europea della cultura. Si propone l'iniziativa "Adottiamo un palazzo", rivolto al recupero di edifici storici in degrado. Si sostengono iniziative con tutti gli operatori economici e altri partner del Sistema Gorizia, come la Cciaa e la Fondazione CaRiGo. Sarà inserita in bilancio una cifra per la promozione. Si guarda anche alla musica "della scena alternativa pop, rock, rap, elettronica, organizzate in collaborazione con le realtà associative del territorio. Concerti, danza, opera lirica e performance trasformeranno piazze e luoghi pubblici e locali in palcoscenici sotto le stelle."  Si insist…

Maturità e Caproni, dal Duce meglio di Dante al suo ruolo nella resistenza, tutto ignorato nella breve biografia

Caproni chi? Avranno pensato molti studenti. Per l'ennesima volta all'esame di maturità si propongono temi ed autori che a scuola nella quasi totalità dei casi non vengono studiati. E questo è un problema serio che ancora oggi non si riesce a superare. Probabilmente chi sceglie i temi per la maturità vorrebbe svolgere un ruolo da impulso per andare oltre i programmi canonici che nella maggior parte dei casi si fermano alle prime vicende della seconda guerra mondiale. Quella di Giorgio Caproni è una scelta difficile, ma anche un personaggio complesso. Nella biografia che accompagna il testo della prova di maturità cosa è stato scritto?  "Giorgio Caproni nacque a Livorno nel 1912. A dieci anni si trasferì con la famiglia a Genova, che considerò sempre la sua vera città e dove visse fino  al 1938. Dopo studi musicali e due anni di università, a partire dal 1935 si dedicò alla professione di maestro elementare. Nel 1939 fu chiamato alle armi e combatté sul fronte occidentale…