Passa ai contenuti principali

Se a Monfalcone ed in FVG nessuno sapeva della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A



Sul sito della A2A si può leggere che A2A è la più grande multiutility italiana. Il gruppo A2A opera nel settore energetico in quattro filiere di attività: la filiera energia (produzione di energia elettrica e vendita di energia elettrica e gas), la filiera ambiente (raccolta e trattamento di rifiuti urbani e industriali), la filiera calore (cogenerazione e teleriscaldamento ad uso urbano) e la filiera reti (distribuzione di energia elettrica e gas, ciclo idrico integrato). Il gruppo è presente anche all’estero mediante l’operatività sui principali mercati europei dell’elettricità e del gas, la produzione idroelettrica e la distribuzione di energia elettrica nell’area dei Balcani e la realizzazione di impianti di trattamento dei rifiuti in diverse nazioni europee. Nel 2013 il gruppo ha registrato un fatturato di 5,6 MILIARDI di euro. A2A è quotata alla Borsa Italiana. Parliamo, dunque, di un colosso, che a Monfalcone, per ovvi motivi e noti, è contrastato. 
Ha creato scalpore quanto fatto emergere giustamente dal Piccolo, ovvero che praticamente nessuno teoricamente era a conoscenza della proroga fino al 2025 per la Centrale A2A. L'Azienda ha fatto rilevare che esiste un decreto. Un decreto, come ha evidenziato il Piccolo, noto. Dunque atto normativo dello Stato. E' stato scritto che il decreto in questione è il numero 46 del 4 marzo 2014 (in attuazione a una direttiva Ue, la 75 del 2010) che a sua volta rivede le scadenze previste da un decreto del 2006, il 152. È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale numero 72 del 27 marzo ed entrato in vigore l’11 aprile 201. E dell'esistenza di tale decreto, Provincia di Gorizia, Comune di Monfalcone e Regione FVG teoricamente potevano esserne a conoscenza sin dal 28 aprile 2014, quando da parte del Ministero dell'Ambiente, tramite PEC mail è stato trasmesso l'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014 per l'esercizio della centrale termoelettrica della societa' A2A S.p.A. sita nel Comune di Monfalcone. Vi è stato anche un comunicato nei siti ministeriali di questo tenore: "Si rende noto che, con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare DEC - MIN - 0000127 del 24 aprile 2014, si e' provveduto all'aggiornamento dell'autorizzazione integrata ambientale rilasciata alla societa' A2A S.p.A. - identificata dal codice fiscale 11957540153, con sede legale in Via Lamarmora n. 230 - 25124 Brescia, per l'esercizio della centrale termoelettrica ubicata nel Comune di Monfalcone (GO) ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 e successive modificazioni e integrazioni. Copia del provvedimento e' messa a disposizione del pubblico per la consultazione presso la Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, Via C. Colombo, 44 - Roma, e attraverso il sito web del Ministero". A pagina 2 del citato atto, come trasmesso ai nostri Enti territoriali, si legge anche : "visto il decreto legislativo numero 46 del 4 marzo 2014, in particolare articolo 29 comma 1, recante attuazione direttiva Ue, la 75 del 2010 relativa ad emissioni industriali". Ora, è noto che in Italia le leggi sono incomprensibili, scritte in modo indecifrabile spesso anche per gli addetti ai lavori, però se la fonte normativa che disponeva nella sostanza la proroga sino al 2025 per la centrale in questione, era quella di cui ora si discute, questa, salvo che la Pec mail non sia pervenuta, poteva non essere a conoscenza delle nostre Istituzioni? E comunque anche le forze politiche di opposizione non erano a conoscenza di ciò? Certo, è vero che le responsabilità di chi amministra sono diverse da chi esercita l'opposizione, ma è compito dell'opposizione vigilare e se la fonte normativa in questione è quel noto decreto, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, non è che anche queste si trovano ora nella condizione di poter dire di essere nel giusto e "strillare".  Anzi. Da segnalare, che nel decreto 127 del 2014, si legge a pagina 10, sotto la voce " quadro autorizzativo attuale" un decreto del 2009 con scadenza 24 marzo 2017 ex articolo 29 sexies dlgs 152/2006, del Ministero dell'Ambiente, avente per oggetto autorizzazione integrata ambientale, e decreto numero 175 della Regione FVG con scadenza 1 dicembre 2024 RD 1775/33 avente per oggetto sub-ingresso nella concessione di derivazione d'acqua di falda sotterranea mediante cinque pozzi in Comune di Monfalcone ad uso industriale da parte di A2A produzione srl".
Tanto detto, visto che nessuno può dire di essere nel giusto, perché qui la cosa è sfuggita a tutti, ed ogni speculazione politica è impropria, è il caso di capire come affrontare seriamente e non in via demagogica  o speculativa la citata questione, per il bene comune. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…