Passa ai contenuti principali

Dopo la morte di Giulio Regeni, la maledetta speculazione mediatica del dolore






Basta. Semplicemente basta. Una madre ed un padre hanno perso un figlio. Una sorella ha perso un fratello. Una comunità ha perso un suo componente, giovane, idealista. La stampa, degna di nota, dovrebbe occuparsi di una sola cosa. Indagare perché la verità venga a galla. Indagare sul perché Giulio è stato scelto come bersaglio. Indagare sul perché la morte è avvenuta e comunicata nel giorno del summit con alcuni esponenti italiani in Egitto. Indagare sul chi è il mandante, sul chi è il carnefice. Indagare sulla sua uccisione. Senza far correre tempo, per evitare, come già avevo denunciato sin dalle prime battute, che si ripetesse un nuovo caso Alpi/ Hrovatin. Dopo due giorni, insoliti, perché è insolito che una vicenda del genere, conoscendo la stampa italiana, sia da prima pagina in via continuativa, e giustamente lo è stata, ora, come da canone ordinario, scivola nella scaletta dell'attenzione mediatica verso il basso. Tra speculazioni, vigliacche, tra i grandi pensatori che pensano(?) di aver capito tutto, tra infamate, accuse senza prove ed indizi, ora, per l'ennesima volta, si specula sul dolore. Cosa dovrebbe fare una madre? Gioire per la morte del proprio figlio? Abbiate rispetto della vostra etica, se ne avete una, lasciate che il dolore sia personale, abbassate quelle telecamere, chiudete gli obiettivi delle macchine fotografie, spegnete i vostri flash. Per una volta, dico e scrivo, abbiate rispetto. Perché il tutto che state immortalando e divulgando e rappresentando e mediatizzando è una roba semplicemente orribile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …