Passa ai contenuti principali

Amianto:Proposta di Legge che estende i benefici previdenziali a tutti i lavoratori esposti a qualsiasi titolo



Presentata, dall'ex deputata del M5S ora iscritta ad un gruppo misto, Bechis, una proposta di legge interessante, che riguarda il dramma dell'amianto, il cui picco è atteso entro il 2020. Nel testo della proposta, pubblicata sul sito della Camera in questi giorni, si legge che "l’incidenza di questa neoplasia, in merito alla questione esposizione all'amianto, appare in crescita in tutto il mondo con circa 2,2 casi per milione di abitanti essendo la patologia fortemente correlata all’uso industriale dell’amianto, vietato da 20 anni (1992) e in fase di eliminazione in alcuni Paesi, ed essendo ad alta latenza temporale (il periodo di incubazione è di circa trenta anni), si prevede un livello costante di incidentalità in Italia fino al 2020 (cioè circa 30 anni dopo il 1992) e una successiva decrescita. Il mesotelioma è quasi sempre provocato dall’esposizione alla fibra di amianto.

Molte persone vi sono state esposte nella vita militare, altre a causa del loro lavoro, altre ancora, secondariamente, attraverso il contatto con gli operai esposti. A causa della sua latenza, il cancro potrebbe non manifestarsi per 20-50 anni e oltre dopo l’esposizione. Con l’articolo 1 della presente proposta di legge si propone l’estensione dei benefìci previdenziali a tutti i lavoratori esposti all’amianto a qualsiasi titolo.Con l’articolo 2 si modifica l’articolo 13 della legge n. 257 del 1992, il quale dispone le misure per il riconoscimento del carattere usurante dell’esposizione all’amianto, individuando nel moltiplicatore 1,5 (ridotto a 1,25 dall’articolo 47, comma 1, del decreto-legge n. 269 del 2003, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 326 del 2003) la misura di maggiorazione contributiva ai fini del raggiungimento anticipato del pensionamento per i lavoratori esposti. Al comma 8, però, si limita questo riconoscimento ai soli lavoratori che abbiano prestato opera per più di 10 anni in queste attività a rischio. Verificato che il mesotelioma insorge indipendentemente dalla temporalità e dalla tipologia dell’esposizione all’amianto, si propone l’inserimento di moltiplicatori crescenti in base al periodo di esposizione per consentire l’applicazione dei benefìci previdenziali a tutti i lavoratori esposti a questo cancerogeno, indicando nell’articolo 3 che tali benefìci escludono la corresponsione di arretrati".L’onere derivante dall’attuazione delle disposizioni di cui alla presente legge, è valutato in 5 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2014.

Questa proposta di Legge cadrà nel vuoto o verrà sostenuta? Il Parlamento rimetterà mano, in modo fermo e decisivo, su tale questione? Visto che il picco deve ancora arrivare? Visto che tanti lavoratori e lavoratrici e non solo, non hanno potuto usufruire di alcun tipo minimo di risarcimento danno? Pur non avendo alcuna colpa e responsabilità? Ed essendo solo vittime di un sistema criminale con il quale non si può e non si deve scendere a patti?  

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…