Passa ai contenuti principali

Scuola ed autoritarismo: si protesta con il silenzio dissenso


No. Non si tratta del canonico silenzio assenso. Ma di una silenzio di protesta un modo diverso di essere Bartleby, un modo diverso di dire preferisco di no. Preferisco di no, ma con il silenzio dissenso. Una pratica di protesta che pare stia lentamente trovando diffusione in diverse scuole. Dopo le illusioni del 5 maggio, la resa da parte di molti attori in campo contro quella che ora non viene più chiamata buona scuola, ma semplicemente Legge 107 del 2015, o scuola renziana, se non cattiva scuola, cosa è accaduto?
Salvo, chiaramente i casi ove il rapporto con la dirigenza scolastica è non ostile, dove non sussistono muri, è incrementato il decisionismo, l'autoritarismo. Le scuole hanno sempre anticipato ciò che accade poi nella società in genere. La scuola è stata da sempre terreno ove sperimentare e praticare i modelli che dovranno trovare affermazione nel futuro. Anche perché si devono preparare le future generazioni a quel futuro che i governanti hanno pensato, disegnato. Se cade la democrazia nella scuola, cade nella società. Aver incrementato a dismisura i poteri dei dirigenti scolastici, in chiave aziendalista, ha comportato nelle scuole un cambiamento radicale nei rapporti. Non solo gerarchizzazione, ma muro contro muro, il capo ed i dipendenti, e chi osa il preferisco di no, resistenza non tanto avverso i cambiamenti, ma nei confronti di un modo di fare e pensare la scuola che si scontra con quello di una scuola collegiale e democratica, viene spesso isolato. O bersagliato come il solito rompiscatole di turno.
Ma le uniche voci che nei collegi docenti si ascoltano, o che provocano dibattito e discussione, sono proprio quelle del dissenso e della critica, del rompiscatole di turno, dissenso costruttivo, avverso l'unica direzione che dovrebbe intraprendere la nuova scuola renziana. E quando tace la voce costruttiva del dissenso o della critica, il collegio docenti diventa un luogo deprimente, muto. Il Dirigente parlerà solo ai muri, al vuoto. E questo è quello che rischia di accadere nelle scuole. Ma come potrà il Dirigente scolastico ritornare ad essere il vecchio preside? Non lo potrà. 
Troppe responsabilità, troppi poteri, troppe scuole da gestire e non sono neanche stati formati e preparati per ciò in modo adeguato. Anche perché la scuola non è una semplice azienda. E' una cosa diversa ed importare il modello gestionale aziendalista nella scuola, sarà un fallimento colossale. Il rapporto umano e collegiale viene meno. Vengono meno le relazioni. Viene meno la capacità dell'ascolto. La critica diventa perdita di tempo. Si deve fare veloce. Veloce per approvare. Veloce per la scuola del decisionismo che ben rispecchia la nostra società. Dove non la verità ma l'autorità costruisce la legge, e non è un caso che le Leggi, in questo Paese, in questi ultimi anni le scriva il Governo, trattandosi sempre di iniziative legislative per via governativa.  Ma questa macchina non può durare. Si incepperà. 
Prima o poi ciò accadrà. Non so il come, neanche il quando, ma si incepperà.  Ed intanto il silenzio dissenso è una pratica interessante di protesta. Forse la miglior forma di protesta, in questo momento, nelle scuole. Per poi implodere ed esplodere in un grande urlo di protesta che farà tremare le fondamenta labili di questa cattiva, se non pessima scuola, che farà scuola paradossalmente proprio sul come non si deve fare e vivere la scuola pubblica, laica, democratica e collegiale.  

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…