Passa ai contenuti principali

Scuola ed autoritarismo: si protesta con il silenzio dissenso


No. Non si tratta del canonico silenzio assenso. Ma di una silenzio di protesta un modo diverso di essere Bartleby, un modo diverso di dire preferisco di no. Preferisco di no, ma con il silenzio dissenso. Una pratica di protesta che pare stia lentamente trovando diffusione in diverse scuole. Dopo le illusioni del 5 maggio, la resa da parte di molti attori in campo contro quella che ora non viene più chiamata buona scuola, ma semplicemente Legge 107 del 2015, o scuola renziana, se non cattiva scuola, cosa è accaduto?
Salvo, chiaramente i casi ove il rapporto con la dirigenza scolastica è non ostile, dove non sussistono muri, è incrementato il decisionismo, l'autoritarismo. Le scuole hanno sempre anticipato ciò che accade poi nella società in genere. La scuola è stata da sempre terreno ove sperimentare e praticare i modelli che dovranno trovare affermazione nel futuro. Anche perché si devono preparare le future generazioni a quel futuro che i governanti hanno pensato, disegnato. Se cade la democrazia nella scuola, cade nella società. Aver incrementato a dismisura i poteri dei dirigenti scolastici, in chiave aziendalista, ha comportato nelle scuole un cambiamento radicale nei rapporti. Non solo gerarchizzazione, ma muro contro muro, il capo ed i dipendenti, e chi osa il preferisco di no, resistenza non tanto avverso i cambiamenti, ma nei confronti di un modo di fare e pensare la scuola che si scontra con quello di una scuola collegiale e democratica, viene spesso isolato. O bersagliato come il solito rompiscatole di turno.
Ma le uniche voci che nei collegi docenti si ascoltano, o che provocano dibattito e discussione, sono proprio quelle del dissenso e della critica, del rompiscatole di turno, dissenso costruttivo, avverso l'unica direzione che dovrebbe intraprendere la nuova scuola renziana. E quando tace la voce costruttiva del dissenso o della critica, il collegio docenti diventa un luogo deprimente, muto. Il Dirigente parlerà solo ai muri, al vuoto. E questo è quello che rischia di accadere nelle scuole. Ma come potrà il Dirigente scolastico ritornare ad essere il vecchio preside? Non lo potrà. 
Troppe responsabilità, troppi poteri, troppe scuole da gestire e non sono neanche stati formati e preparati per ciò in modo adeguato. Anche perché la scuola non è una semplice azienda. E' una cosa diversa ed importare il modello gestionale aziendalista nella scuola, sarà un fallimento colossale. Il rapporto umano e collegiale viene meno. Vengono meno le relazioni. Viene meno la capacità dell'ascolto. La critica diventa perdita di tempo. Si deve fare veloce. Veloce per approvare. Veloce per la scuola del decisionismo che ben rispecchia la nostra società. Dove non la verità ma l'autorità costruisce la legge, e non è un caso che le Leggi, in questo Paese, in questi ultimi anni le scriva il Governo, trattandosi sempre di iniziative legislative per via governativa.  Ma questa macchina non può durare. Si incepperà. 
Prima o poi ciò accadrà. Non so il come, neanche il quando, ma si incepperà.  Ed intanto il silenzio dissenso è una pratica interessante di protesta. Forse la miglior forma di protesta, in questo momento, nelle scuole. Per poi implodere ed esplodere in un grande urlo di protesta che farà tremare le fondamenta labili di questa cattiva, se non pessima scuola, che farà scuola paradossalmente proprio sul come non si deve fare e vivere la scuola pubblica, laica, democratica e collegiale.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …