Passa ai contenuti principali

Scuola ed autoritarismo: si protesta con il silenzio dissenso


No. Non si tratta del canonico silenzio assenso. Ma di una silenzio di protesta un modo diverso di essere Bartleby, un modo diverso di dire preferisco di no. Preferisco di no, ma con il silenzio dissenso. Una pratica di protesta che pare stia lentamente trovando diffusione in diverse scuole. Dopo le illusioni del 5 maggio, la resa da parte di molti attori in campo contro quella che ora non viene più chiamata buona scuola, ma semplicemente Legge 107 del 2015, o scuola renziana, se non cattiva scuola, cosa è accaduto?
Salvo, chiaramente i casi ove il rapporto con la dirigenza scolastica è non ostile, dove non sussistono muri, è incrementato il decisionismo, l'autoritarismo. Le scuole hanno sempre anticipato ciò che accade poi nella società in genere. La scuola è stata da sempre terreno ove sperimentare e praticare i modelli che dovranno trovare affermazione nel futuro. Anche perché si devono preparare le future generazioni a quel futuro che i governanti hanno pensato, disegnato. Se cade la democrazia nella scuola, cade nella società. Aver incrementato a dismisura i poteri dei dirigenti scolastici, in chiave aziendalista, ha comportato nelle scuole un cambiamento radicale nei rapporti. Non solo gerarchizzazione, ma muro contro muro, il capo ed i dipendenti, e chi osa il preferisco di no, resistenza non tanto avverso i cambiamenti, ma nei confronti di un modo di fare e pensare la scuola che si scontra con quello di una scuola collegiale e democratica, viene spesso isolato. O bersagliato come il solito rompiscatole di turno.
Ma le uniche voci che nei collegi docenti si ascoltano, o che provocano dibattito e discussione, sono proprio quelle del dissenso e della critica, del rompiscatole di turno, dissenso costruttivo, avverso l'unica direzione che dovrebbe intraprendere la nuova scuola renziana. E quando tace la voce costruttiva del dissenso o della critica, il collegio docenti diventa un luogo deprimente, muto. Il Dirigente parlerà solo ai muri, al vuoto. E questo è quello che rischia di accadere nelle scuole. Ma come potrà il Dirigente scolastico ritornare ad essere il vecchio preside? Non lo potrà. 
Troppe responsabilità, troppi poteri, troppe scuole da gestire e non sono neanche stati formati e preparati per ciò in modo adeguato. Anche perché la scuola non è una semplice azienda. E' una cosa diversa ed importare il modello gestionale aziendalista nella scuola, sarà un fallimento colossale. Il rapporto umano e collegiale viene meno. Vengono meno le relazioni. Viene meno la capacità dell'ascolto. La critica diventa perdita di tempo. Si deve fare veloce. Veloce per approvare. Veloce per la scuola del decisionismo che ben rispecchia la nostra società. Dove non la verità ma l'autorità costruisce la legge, e non è un caso che le Leggi, in questo Paese, in questi ultimi anni le scriva il Governo, trattandosi sempre di iniziative legislative per via governativa.  Ma questa macchina non può durare. Si incepperà. 
Prima o poi ciò accadrà. Non so il come, neanche il quando, ma si incepperà.  Ed intanto il silenzio dissenso è una pratica interessante di protesta. Forse la miglior forma di protesta, in questo momento, nelle scuole. Per poi implodere ed esplodere in un grande urlo di protesta che farà tremare le fondamenta labili di questa cattiva, se non pessima scuola, che farà scuola paradossalmente proprio sul come non si deve fare e vivere la scuola pubblica, laica, democratica e collegiale.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…