Passa ai contenuti principali

Il FVG visto dalla Russia


Ad agosto 2015 avevo dedicato uno specifico post su Gorizia e turismo, o meglio come in Russia viene vista Gorizia, attraverso il principale sito di promozione turistica dell'Italia in Russia, curato dell'ambasciata d'Italia a Mosca, che dedica grande spazio al nostro Friuli Venezia Giulia. Il sito si chiama La tua Italia .
La complessità della nostra regione la si percepisce già da quello che dovrebbe essere il primo biglietto da visita, l'aeroporto. Cosa si legge in tal proposito? Che in FVG si può arrivare attraverso uno scalo, ovvero "l' Aeroporto Friuli Venezia Giulia – Ronchi dei Legionari (Go) – Trieste".
Uno si chiede, ma di Ronchi, Gorizia e Trieste? Sono già intervenuto diverse volte su tale questione, sia sulla intitolazione a Brazzà, che a parer mio va rivista, che sul nome dello scalo. Semplificare è necessario, ma garantendo il rispetto della nostra storia. Sul FVG, in quel sito, si può leggere che " La posizione strategica del Friuli Venezia Giulia la rende una “cerniera” degli scambi tra Nord e Sud e tra Est e Ovest e. Qui s’incontrano i tre ceppi culturali che formano l’Europa: il mondo latino, germanico e slavo, infatti, il tedesco e lo sloveno sono parlati nelle zone confinanti. Era una terra di confine anche per il mondo Romano. Qui Giulio Cesare fondò la sua città Forum Iulii da cui il nome Friuli. Uno dei lati più affascinanti della regione è quello culturale, che si rintraccia soprattutto nei paesi al confine con l’Austria e la Slovenia: un mix dal sapore mitteleuropeo che si sente sia nella lingua che nella cucina. La sua ricca e complessa eredità storica, prima romana, poi longobarda, poi veneta si rispecchia in un variegato patrimonio architettonico e artistico: dalle straordinarie testimonianze del mondo romano di Aquileia, Patrimonio mondiale dell’Umanità, ai piccoli borghi e ai castelli medievali del Friuli, fino a Trieste, città di atmosfera mitteleuropea. Il turismo è ben sviluppato, soprattutto nelle località balneari di Lignano Sabbiadoro e Grado, nel centro storico di Udine e con i numerosi agriturismi e vigneti. Nella stagione invernale le località alpine (il Monte Zoncolan, Forni di Sopra, Forni Avoltri, Ravascletto e Sauris in Carnia, Sappada Tarvisio, Sella Nevea, Piancavallo e Claut) sono frequentate per le mete sciistiche. Da non perdere inoltre la longobarda Cividale del Friuli (patrimonio UNESCO), il sito archeologico romano di Aquileia, i centri storici di Gorizia e di Pordenone. Dal punto di vista ambientale e naturalistico assume sempre maggiore importanza tutta la regione alpina della Carnia, il Parco Naturale Regionale delle Dolomiti Friulane, il Parco Naturale Regionale delle Prealpi Giulie e l’oasi faunistica della Laguna di Marano. Stupenda infine la citta’ mitteleuropea di Trieste di cui è famoso il Castello di Miramare".
Si dedica spazio anche alla voce Made in Italy con l'elenco di alcune catene di Outlet e si parla di quella di Palmanova. " La Land of Fashion del Palmanova Outlet Village propone oltre 90 negozi di marca che propongono firme prestigiose italiane ed europee dell’abbigliamento, casalinghi, cosmetici e altro (qui tutte le marche)."
Sicuramente il bacino dell'EST deve essere quello su cui puntare, sia per la storia del FVG, che per la sua cultura. Vi è molto da fare, ci sono una marea di prodotti, specificità, che devono essere conosciute e diffuse. E soprattutto si deve cercare di andare anche oltre i soliti circuiti tradizionali, il FVG è ricco di borghi, alcuni sconosciuti anche nella nostra regione, è ricco di storia, di arte, di bellezze uniche, mare, montagne, laghi, fiumi, città, tradizioni, cultura, cibo che possono dare tanto all'economia di questa regione. Nel FVG vi è tutta la particolarità d'Italia, tutta la complessità d'Italia, tutto il mistero d'Italia, tutto il fascino d'Italia. 
Cerchiamo di fare sistema per il FVG puntando sia sulle nostre risorse, che sui rapporti internazionali ed in particolar modo sull'EST, perché il FVG è il naturale ponte che dall'Occidente conduce verso Oriente. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…