Passa ai contenuti principali

Il FVG visto dalla Russia


Ad agosto 2015 avevo dedicato uno specifico post su Gorizia e turismo, o meglio come in Russia viene vista Gorizia, attraverso il principale sito di promozione turistica dell'Italia in Russia, curato dell'ambasciata d'Italia a Mosca, che dedica grande spazio al nostro Friuli Venezia Giulia. Il sito si chiama La tua Italia .
La complessità della nostra regione la si percepisce già da quello che dovrebbe essere il primo biglietto da visita, l'aeroporto. Cosa si legge in tal proposito? Che in FVG si può arrivare attraverso uno scalo, ovvero "l' Aeroporto Friuli Venezia Giulia – Ronchi dei Legionari (Go) – Trieste".
Uno si chiede, ma di Ronchi, Gorizia e Trieste? Sono già intervenuto diverse volte su tale questione, sia sulla intitolazione a Brazzà, che a parer mio va rivista, che sul nome dello scalo. Semplificare è necessario, ma garantendo il rispetto della nostra storia. Sul FVG, in quel sito, si può leggere che " La posizione strategica del Friuli Venezia Giulia la rende una “cerniera” degli scambi tra Nord e Sud e tra Est e Ovest e. Qui s’incontrano i tre ceppi culturali che formano l’Europa: il mondo latino, germanico e slavo, infatti, il tedesco e lo sloveno sono parlati nelle zone confinanti. Era una terra di confine anche per il mondo Romano. Qui Giulio Cesare fondò la sua città Forum Iulii da cui il nome Friuli. Uno dei lati più affascinanti della regione è quello culturale, che si rintraccia soprattutto nei paesi al confine con l’Austria e la Slovenia: un mix dal sapore mitteleuropeo che si sente sia nella lingua che nella cucina. La sua ricca e complessa eredità storica, prima romana, poi longobarda, poi veneta si rispecchia in un variegato patrimonio architettonico e artistico: dalle straordinarie testimonianze del mondo romano di Aquileia, Patrimonio mondiale dell’Umanità, ai piccoli borghi e ai castelli medievali del Friuli, fino a Trieste, città di atmosfera mitteleuropea. Il turismo è ben sviluppato, soprattutto nelle località balneari di Lignano Sabbiadoro e Grado, nel centro storico di Udine e con i numerosi agriturismi e vigneti. Nella stagione invernale le località alpine (il Monte Zoncolan, Forni di Sopra, Forni Avoltri, Ravascletto e Sauris in Carnia, Sappada Tarvisio, Sella Nevea, Piancavallo e Claut) sono frequentate per le mete sciistiche. Da non perdere inoltre la longobarda Cividale del Friuli (patrimonio UNESCO), il sito archeologico romano di Aquileia, i centri storici di Gorizia e di Pordenone. Dal punto di vista ambientale e naturalistico assume sempre maggiore importanza tutta la regione alpina della Carnia, il Parco Naturale Regionale delle Dolomiti Friulane, il Parco Naturale Regionale delle Prealpi Giulie e l’oasi faunistica della Laguna di Marano. Stupenda infine la citta’ mitteleuropea di Trieste di cui è famoso il Castello di Miramare".
Si dedica spazio anche alla voce Made in Italy con l'elenco di alcune catene di Outlet e si parla di quella di Palmanova. " La Land of Fashion del Palmanova Outlet Village propone oltre 90 negozi di marca che propongono firme prestigiose italiane ed europee dell’abbigliamento, casalinghi, cosmetici e altro (qui tutte le marche)."
Sicuramente il bacino dell'EST deve essere quello su cui puntare, sia per la storia del FVG, che per la sua cultura. Vi è molto da fare, ci sono una marea di prodotti, specificità, che devono essere conosciute e diffuse. E soprattutto si deve cercare di andare anche oltre i soliti circuiti tradizionali, il FVG è ricco di borghi, alcuni sconosciuti anche nella nostra regione, è ricco di storia, di arte, di bellezze uniche, mare, montagne, laghi, fiumi, città, tradizioni, cultura, cibo che possono dare tanto all'economia di questa regione. Nel FVG vi è tutta la particolarità d'Italia, tutta la complessità d'Italia, tutto il mistero d'Italia, tutto il fascino d'Italia. 
Cerchiamo di fare sistema per il FVG puntando sia sulle nostre risorse, che sui rapporti internazionali ed in particolar modo sull'EST, perché il FVG è il naturale ponte che dall'Occidente conduce verso Oriente. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…