Passa ai contenuti principali

Come cambiano le città con Google Street View. L'esempio di Ronchi dal 2010 ad oggi

L'ultima volta che la macchina di Google Street View ha immortalato complessivamente Ronchi è stato nel 2010.  E la mappa che vedi, oggi che scrivo, di Ronchi, è quella aggiornata al 2010. Nel 2015 vi è stato un nuovo passaggio, che cancellerà tutto quello che si può vedere di Ronchi ferma al 2010. Da un certo punto di vista impressiona sapere come il tempo corra. Talmente velocemente che i luoghi cambiano, mutano. Così come impressiona, per alcuni aspetti, ed al contrario, come nulla, spesso, muti. Insomma con Google street view è possibile fare un breve viaggio nel tempo, nel recentissimo passato, anche se forse non lo sai. Perché quando cerchi una località, una via, pensi che quel luogo sia ancora così. Ma ciò non è detto, ed il caso di Ronchi ben dimostra come gli spazi possano cambiare in poco tempo.
Questo esperimento lo si può tentare con ogni località, non soggetta ancora ad aggiornamento, perché quando l'aggiornamento arriverà, quella villa, quella cabina telefonica, quel vuoto, quello spazio verde, che in Google street appare ancora lì immobile, in realtà potrebbe non esserci più. Seguono ora alcune foto tratte da Google Street, e raffrontate con alcune fatte anche dal sottoscritto, di come Ronchi sia mutata dal 2010 ad oggi, in alcuni suoi luoghi.


la Villa Rosa, che ancora su Google street vive, ma è stata demolita per lasciar posto al Tulipano



area parcheggio COOP nel 2010, come appare su google street

area parcheggio COOP nel 2015

Palestra di Vermegliano nel 2010

P. di Vermegliano nel 2015 dedicata ad Ondina Peteani

Questa schifezza esiste ancora in pieno centro

anche la noiosa fila al passaggio al livello esiste ancora 

anche il canestro della Stazione Nord 

Quelle vecchie cabine non esistono più, ed il marciapiede è stato allargato

via San Lorenzo. Oggi niente più senso unico e niente ciclabile, che rimarrà a memoria in street view

nel 2010 era così, oggi vi è la Casa dell'Acqua

Ieri...nel 2010, tutto fermo...

Oggi p. Francesco Giuseppe

Ieri...erba ed attesa, durata diversi anni, ben ricordata da street view

ma....nel 2015 viene inaugurata scuola slovena 
Ma soprattutto nel 2010 non era ancora arrivato...

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …