Passa ai contenuti principali

Visto che in Italia non si vota cosa si propone? Di far votare i sedicenni



Una proposta leghista a dir poco allucinante. Nella premessa del testo 3414 che vede come firmatario il leghista del FVG Fedriga si legge che “ la crisi politica, valoriale ed economica che segna in modo indelebile la fase storica che stiamo vivendo, accompagnata da un’evidente intensificazione del mal costume di politicanti affaristi inclini alla corruzione e alla collusione, ha alimentato nell’opinione pubblica una disaffezione cronica nei confronti della politica. Si è generato in molti cittadini un sentimento diffuso di sfiducia nei confronti delle istituzioni, dei legislatori e degli amministratori che, come primo effetto, ha prodotto una drastica diminuzione della partecipazione al voto”. Scagli la prima pietra chi è senza peccato verrebbe da dire. Vabbè. I moralisti leghisti che pensano di aver capito che il problema della mancanza di fiducia nei confronti della politica sia il mal costume o l'affarismo e non il sistema globale che ha semplicemente compromesso la democrazia perché l'elettorato attivo non conta più un fico secco continuano scrivendo che “ in controtendenza alle scelte operate dal Governo e dalla maggioranza politica, la presente proposta di legge costituzionale è finalizzata a estendere il diritto di voto ai cittadini che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età. In Paesi come l’Austria e alcuni territori della Svizzera e della Germania questo diritto è già sancito”.
Ovviamente, i migranti, dovevano pur rientravi in qualche modo e vi rientrano, e come? In questo squallido modo: “Appare infatti del tutto irragionevole, in particolar modo essendo il nostro Paese in pericolo a causa dell’enorme afflusso di immigrati verso le nostre coste, prevedere modifiche alla legge che regolamenta le modalità di acquisto della cittadinanza introducendo lo ius soli, ossia il diritto alla cittadinanza per coloro che nascono in Italia anche se figli di stranieri. Queste misure che si celano dietro ipocrite posizioni buoniste, volte a garantire a tutti gli stessi diritti, hanno in realtà come unico obiettivo quello di dare a più persone possibile i diritti politici. Gli immigrati diventano così la nuova classe operaia, i moderni proletari, insomma non persone ma detentori di schede elettorali.” E dunque si propone di estendere il diritto di voto ai giovani sedicenni . Certo è vero che già nel 2007 il PD aveva proposto di estendere il voto ai cittadini sedicenni ed agli extracomunitari residenti da almeno cinque anni, ma solo per le procedure elettorali amministrative, però qualcuno ha la minima idea di come funziona la nostra società? Probabilmente sì ed è forse per questo che si vorrebbe tale estensione che poi porterà inevitabilmente ad altro, come il poter avere la patente di guida già a 16 anni e dunque si favoriranno determinati mercati e non solo.
Certo, mai generalizzare, ma nella società dell'ultra consumismo, ove si legge poco, ove si incentiva la scuola lavoro e si demolisce la scuola del pensiero critico, della consapevolezza, nella società della banalità diffusa, del semplicismo diffuso, ove l'indipendenza del pensiero è sempre più ardua impresa da perseguire, ove i condizionamenti dei media sistemici sono impressionanti, riconoscere il diritto di voto ai sedicenni, non è detto che sia il modo giusto per affrontare il problema della democrazia strutturale come sussistente in Italia. E soprattutto quando certe proposte giungono da alcune realtà politiche gli interrogativi non possono che incrementare.  In Lussemburgo lo hanno ben capito ed infatti l’estensione del diritto di voto ai sedicenni è stata bocciata con l’80,87 dei voti contrari come espressi in uno specifico referendum. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…