Passa ai contenuti principali

Scuola: Gli auguri di buone feste da parte degli USR alcuni esempi

 


Gli auguri dell'USR del FVG, a firma del dirigente titolare Pietro Biasiol, non si rivolgono solamente al personale della scuola, ma a tutta la comunità scolastica nonchè anche alle Organizzazioni Sindacali. Questo il testo del messaggio: "Al Personale delle nostre Scuole (Dirigenti Scolastici, Insegnanti, Direttori SGA, Personale ATA tutto) intensamente impegnato a promuovere e migliorare le relazioni educative e formative nei propri Istituti, e per loro tramite agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Dirigenti Amministrativi e Tecnici, al Personale degli Uffici Scolastici, con gratitudine per la loro dedizione quotidiana e competente Alle Organizzazioni Sindacali della scuola e della Funzione Pubblica Agli EE.LL. della Regione Friuli Venezia Giulia Agli Enti e alle Associazioni del territorio invio cordialissimi auguri di Buon Natale e di ottimo inizio dell'anno Duemilasedici: che queste feste possano essere fonte di serenità e di speranza." Sicuramente un messaggio efficace e condivisibile.

Vi è chi entra nel merito della "tradizione"  e delle radici del natale, come nel messaggio dell'USR della Lombardia  a firma del direttore generale: "in occasione delle imminenti festività, desidero invitare tutti ad un momento di riflessione che, fuori da ogni polemica, strumentalizzazione o rumore, rimetta al centro i valori universali della pace, dell’accoglienza, della fratellanza. Questi valori, che vedono un’occasione di riscoperta nel Natale – tempo significativo per le tradizioni e radici del nostro Paese – e accomunano le culture di tanti popoli, trovano nella scuola un luogo privilegiato di acquisizione. Promuoverli e coltivare relazioni è infatti parte del cammino che come attori dell’educazione, a livelli diversi, dai più piccoli ai più grandi, percorriamo tutti insieme, ogni giorno, nella consapevolezza di quanto esso sia importante nella costruzione della società del domani. Muovendo da queste considerazioni, rivolgo a tutti l’augurio di vivere il periodo che sta per iniziare con spirito di armonia e con uno stato d’animo che, nel rispetto delle idee e della storia di ciascuno, sia foriero di serenità. L’auspicio che accompagna queste poche righe è che il Natale sia “un bel momento”, come scriveva Charles Dickens, “un momento gentile, caritatevole, piacevole e dedicato al perdono” e che l’anno nuovo, pur con tutte le difficoltà da affrontare, sia vissuto con ottimismo, con coraggio e tenacia e che, alla fine, diventi latore di meritate soddisfazioni".


Chi, come in Umbria si è limitato ad augurare buone feste con la pubblicazione di un semplice disegno:

chi come in Piemonte pubblica una letterina di natale:


chi come in Sicilia si rimette ad un messaggio di Gandhi :

chi, come accaduto in diverse regioni il nulla, chi, come nel Lazio, pubblica una lettera, ma in PDF, ove i simboli della tradizione del natale diventano stimolo per un contenuto che a molti probabilmente non farà piacere, specialmente a chi non si ritrova nei simboli del natale, della stella cometa, o del presepe:


Senza dimenticare la chicca del MIUR, comunque apprezzata da tanti, ovvero il libro di ricette tradizionali come regalo natalizio.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…