Passa ai contenuti principali

Scuola: Gli auguri di buone feste da parte degli USR alcuni esempi

 


Gli auguri dell'USR del FVG, a firma del dirigente titolare Pietro Biasiol, non si rivolgono solamente al personale della scuola, ma a tutta la comunità scolastica nonchè anche alle Organizzazioni Sindacali. Questo il testo del messaggio: "Al Personale delle nostre Scuole (Dirigenti Scolastici, Insegnanti, Direttori SGA, Personale ATA tutto) intensamente impegnato a promuovere e migliorare le relazioni educative e formative nei propri Istituti, e per loro tramite agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Dirigenti Amministrativi e Tecnici, al Personale degli Uffici Scolastici, con gratitudine per la loro dedizione quotidiana e competente Alle Organizzazioni Sindacali della scuola e della Funzione Pubblica Agli EE.LL. della Regione Friuli Venezia Giulia Agli Enti e alle Associazioni del territorio invio cordialissimi auguri di Buon Natale e di ottimo inizio dell'anno Duemilasedici: che queste feste possano essere fonte di serenità e di speranza." Sicuramente un messaggio efficace e condivisibile.

Vi è chi entra nel merito della "tradizione"  e delle radici del natale, come nel messaggio dell'USR della Lombardia  a firma del direttore generale: "in occasione delle imminenti festività, desidero invitare tutti ad un momento di riflessione che, fuori da ogni polemica, strumentalizzazione o rumore, rimetta al centro i valori universali della pace, dell’accoglienza, della fratellanza. Questi valori, che vedono un’occasione di riscoperta nel Natale – tempo significativo per le tradizioni e radici del nostro Paese – e accomunano le culture di tanti popoli, trovano nella scuola un luogo privilegiato di acquisizione. Promuoverli e coltivare relazioni è infatti parte del cammino che come attori dell’educazione, a livelli diversi, dai più piccoli ai più grandi, percorriamo tutti insieme, ogni giorno, nella consapevolezza di quanto esso sia importante nella costruzione della società del domani. Muovendo da queste considerazioni, rivolgo a tutti l’augurio di vivere il periodo che sta per iniziare con spirito di armonia e con uno stato d’animo che, nel rispetto delle idee e della storia di ciascuno, sia foriero di serenità. L’auspicio che accompagna queste poche righe è che il Natale sia “un bel momento”, come scriveva Charles Dickens, “un momento gentile, caritatevole, piacevole e dedicato al perdono” e che l’anno nuovo, pur con tutte le difficoltà da affrontare, sia vissuto con ottimismo, con coraggio e tenacia e che, alla fine, diventi latore di meritate soddisfazioni".


Chi, come in Umbria si è limitato ad augurare buone feste con la pubblicazione di un semplice disegno:

chi come in Piemonte pubblica una letterina di natale:


chi come in Sicilia si rimette ad un messaggio di Gandhi :

chi, come accaduto in diverse regioni il nulla, chi, come nel Lazio, pubblica una lettera, ma in PDF, ove i simboli della tradizione del natale diventano stimolo per un contenuto che a molti probabilmente non farà piacere, specialmente a chi non si ritrova nei simboli del natale, della stella cometa, o del presepe:


Senza dimenticare la chicca del MIUR, comunque apprezzata da tanti, ovvero il libro di ricette tradizionali come regalo natalizio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…