Passa ai contenuti principali

Prosegue la collaborazione tra Italia e Russia ratificato accordo per riconoscimento titoli di studio


A dicembre 2015 è stato ratificato anche dalla Russia l'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Federazione russa sul riconoscimento reciproco dei titoli di studio rilasciati nella Repubblica italiana e nella Federazione russa, fatto a Roma il 3 dicembre 2009, è finalizzato disciplinare il reciproco riconoscimento dei periodi e dei titoli di studio universitario ai fini dell'accesso e della prosecuzione degli studi nelle istituzioni universitarie dell'altro Paese. 
Tale atto segue la cooperazione culturale tra Italia e Federazione russa  disciplinata dall'Accordo di collaborazione nel campo della cultura e dell'istruzione (firmato il 10 febbraio 1998 a Roma e ratificato ai sensi della legge n. 515 del 21 dicembre 1999) all'entrata in vigore del quale (25 luglio 2000) hanno cessato di essere validi l'Accordo culturale del 1960 e l'Accordo di collaborazione culturale del 19 dicembre 1991. L'Accordo sul reciproco riconoscimento dei titoli di studio consentirà agli studenti di una delle due Parti in possesso del titolo finale degli studi secondari superiori di essere ammessi alle istituzioni universitarie dell'altro Stato contraente, eventualmente previo esame di idoneità al corso universitario prescelto o verifiche sulla conoscenza della lingua nazionale. In Italia è stato ratificato nell'estate 2015 nella relazione illustrativa si indicava in 1.500 circa gli studenti russi iscritti nell'anno accademico 2012/2013 presso le università italiane, segnalando, inoltre, l'esistenza di 423 accordi di collaborazione interuniversitaria e circa un migliaio sono quelli italiani che studiano nelle università russe. Nei siti ministeriali emerge che "a Mosca è presente l'Istituto Paritario "Italo Calvino" e comprende i seguenti ordini e gradi di istruzione: due sezioni di Scuola dell'Infanzia situate in un edificio ubicato in Ulitsa Lobochevskogo, 38; una sezione di Scuola Primaria ed una sezione di Scuola Secondaria di Primo Grado ubicate nell'edificio in Leninskiy Pr. 78. Nello stesso edificio è anche presente la prima classe del Liceo Linguistico non paritario. Nell'anno scolastico 2014/15 l'Istituto è frequentato da un numero complessivo di 162 allievi. Numerose scuole ricevono annualmente un contributo finanziario da parte del Ministero degli Esteri, a parziale copertura delle spese affrontate per l'attivazione di classi di italiano, anche facoltativo (per il corrente anno scolastico hanno usufruito del contributo 15 scuole).A Mosca sono presenti, inoltre, la scuola bilingue 1950 (ex 136) in cui opera anche una Docente appartenente al contingente MAECI ed il centro d'istruzione n. 1409 di Mosca, in cui l'italiano è studiato sperimentalmente quale prima lingua straniera. A San Pietroburgo è presente la Scuola "Dante Alighieri" 318, che dal 1966 è l'unica a San Pietroburgo con insegnamento dell'italiano curricolare come prima lingua straniera a partire dalla seconda classe. La lingua italiana in Russia nel quadro dell'Accordo, ratificato nel 2008 con il Governo della Federazione Russa per la promozione dello studio delle due lingue nei rispettivi Paesi, è stato avviato da diversi anni un progetto di cooperazione telematica tra scuole secondarie italiane e russe su temi concordati (i cd. "gemellaggi elettronici con partenariati di apprendimento"). Le attività si sono collegate al "Programma di diffusione della lingua italiana in Russia" (P.R.I.A.) coinvolgendo circa 60 scuole russe che hanno programmato di inserire l'italiano come lingua straniera. Sono stati realizzati scambi di studenti, stage di lingua italiana per studenti russi in Italia e viceversa". Dunque tale accordo favorisce il reciproco inserimento degli studenti nel sistema accademico italiano o russo, favorendo il tasso di internazionalizzazione specialmente dei nostri atenei, nonché in via generale all'ulteriore diffusione della lingua e cultura italiana e della lingua e cultura russa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…