Passa ai contenuti principali

Prosegue la collaborazione tra Italia e Russia ratificato accordo per riconoscimento titoli di studio


A dicembre 2015 è stato ratificato anche dalla Russia l'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Federazione russa sul riconoscimento reciproco dei titoli di studio rilasciati nella Repubblica italiana e nella Federazione russa, fatto a Roma il 3 dicembre 2009, è finalizzato disciplinare il reciproco riconoscimento dei periodi e dei titoli di studio universitario ai fini dell'accesso e della prosecuzione degli studi nelle istituzioni universitarie dell'altro Paese. 
Tale atto segue la cooperazione culturale tra Italia e Federazione russa  disciplinata dall'Accordo di collaborazione nel campo della cultura e dell'istruzione (firmato il 10 febbraio 1998 a Roma e ratificato ai sensi della legge n. 515 del 21 dicembre 1999) all'entrata in vigore del quale (25 luglio 2000) hanno cessato di essere validi l'Accordo culturale del 1960 e l'Accordo di collaborazione culturale del 19 dicembre 1991. L'Accordo sul reciproco riconoscimento dei titoli di studio consentirà agli studenti di una delle due Parti in possesso del titolo finale degli studi secondari superiori di essere ammessi alle istituzioni universitarie dell'altro Stato contraente, eventualmente previo esame di idoneità al corso universitario prescelto o verifiche sulla conoscenza della lingua nazionale. In Italia è stato ratificato nell'estate 2015 nella relazione illustrativa si indicava in 1.500 circa gli studenti russi iscritti nell'anno accademico 2012/2013 presso le università italiane, segnalando, inoltre, l'esistenza di 423 accordi di collaborazione interuniversitaria e circa un migliaio sono quelli italiani che studiano nelle università russe. Nei siti ministeriali emerge che "a Mosca è presente l'Istituto Paritario "Italo Calvino" e comprende i seguenti ordini e gradi di istruzione: due sezioni di Scuola dell'Infanzia situate in un edificio ubicato in Ulitsa Lobochevskogo, 38; una sezione di Scuola Primaria ed una sezione di Scuola Secondaria di Primo Grado ubicate nell'edificio in Leninskiy Pr. 78. Nello stesso edificio è anche presente la prima classe del Liceo Linguistico non paritario. Nell'anno scolastico 2014/15 l'Istituto è frequentato da un numero complessivo di 162 allievi. Numerose scuole ricevono annualmente un contributo finanziario da parte del Ministero degli Esteri, a parziale copertura delle spese affrontate per l'attivazione di classi di italiano, anche facoltativo (per il corrente anno scolastico hanno usufruito del contributo 15 scuole).A Mosca sono presenti, inoltre, la scuola bilingue 1950 (ex 136) in cui opera anche una Docente appartenente al contingente MAECI ed il centro d'istruzione n. 1409 di Mosca, in cui l'italiano è studiato sperimentalmente quale prima lingua straniera. A San Pietroburgo è presente la Scuola "Dante Alighieri" 318, che dal 1966 è l'unica a San Pietroburgo con insegnamento dell'italiano curricolare come prima lingua straniera a partire dalla seconda classe. La lingua italiana in Russia nel quadro dell'Accordo, ratificato nel 2008 con il Governo della Federazione Russa per la promozione dello studio delle due lingue nei rispettivi Paesi, è stato avviato da diversi anni un progetto di cooperazione telematica tra scuole secondarie italiane e russe su temi concordati (i cd. "gemellaggi elettronici con partenariati di apprendimento"). Le attività si sono collegate al "Programma di diffusione della lingua italiana in Russia" (P.R.I.A.) coinvolgendo circa 60 scuole russe che hanno programmato di inserire l'italiano come lingua straniera. Sono stati realizzati scambi di studenti, stage di lingua italiana per studenti russi in Italia e viceversa". Dunque tale accordo favorisce il reciproco inserimento degli studenti nel sistema accademico italiano o russo, favorendo il tasso di internazionalizzazione specialmente dei nostri atenei, nonché in via generale all'ulteriore diffusione della lingua e cultura italiana e della lingua e cultura russa. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …