Passa ai contenuti principali

E finalmente finisce il 2015. Annus Horribilis per la scuola pubblica

Era il cinque maggio. Lo sciopero epocale della scuola pubblica. Adesioni che hanno sfiorato l'80% , manifestazioni diffuse in tutta Italia.  Si era ad un passo dal ritiro del “ddl buona scuola”. Ma le pressioni dei poteri imprenditoriali, industriali, delle lobby economiche, hanno prevalso. Il Governo è andato avanti, approvando una Legge scritta contro la volontà della quasi totalità della comunità scolastica. Diventerà la Legge 13 luglio 2015 numero 107, ed entrerà in vigore il 16 luglio 2015. Vi è anche chi ha pianto. Scuole in lutto, insegnanti incazzati neri, studenti preoccupati. In Estate si è parlato di scuola, su che fare, su come portare avanti le lotte. Si parlava di referendum. Poi vi è stato chi ha cercato di strumentalizzare il tutto, fallendo in modo clamoroso, proponendo quesiti non condivisi, e non riuscendo a raccogliere neanche le firme minime necessarie. La scuola non è andata in vacanza. Doveva l'anno scolastico ponte di quella che passerà alla storia come la cattiva scuola, iniziare con assemblee diffuse, stati di agitazione permanente. Suona la campanella in tutta Italia. Nulla. Molti hanno tirato i remi in barca, perché si è compreso che la democrazia in questo Paese ha fallito. Se non si è riusciti a fermare quella Legge con uno sciopero epocale, come fermarla in corso d'opera? Una Legge non voluta dal mondo della scuola e che riscrive le norme fondamentali della scuola ex pubblica ora di tipo aziendalista? 
Impossibile con un solo sciopero in un sistema autoritario. Ma non si ha la voglia di andare oltre. Si è rassegnati e stanchi e delusi.  
Anno ponte si è detto. Ponte per le assunzioni straordinarie, docenti che opereranno sul potenziamento, che faranno un nuovo lavoro, che probabilmente si sogneranno la possibilità di avere una classe intera come i loro colleghi ordinari. Nessuno li ha obbligati, hanno detto. Certo. Ma come rifiutare il ruolo?  Dopo anni di precariato? Ed il raggiro della giurisprudenza comunitaria? Qualcuno lo ha rifiutato però il ruolo. I coerenti fino alla fine. Ma erano in pochi. Docenti potenziati, o sul potenziamento. Lasceranno le loro città per andare soprattutto al Nord. Qualcuno anche da Nord andrà a Sud ma si tratta di casi irrisori.
C'era la sentenza della Corte di Giustizia Europea. Doveva arrivare la Sentenza della Corte Costituzionale in questo 2015 sul precariato. Ad oggi, che scrivo, nulla. E' passata la scuola lavoro che entra anche nei licei, la scuola della competizione, delle competenze, che deve prepararti a divenire anche imprenditore. Intanto arrivano bonus, 500 euro. Mancia per la pseudo-formazione. Nella maggior parte dei casi verranno spesi per comprare un computer. Contratti fermi. Stipendi fermi. Scatti fermi. Nel mentre si discute del comitato di valutazione, di chi sarà il più bravo od il più ciuccio, anzi quello no, per ora si parlerà solo del più bravo. E poi quando il sistema si perfezionerà, dopo due anni di rendimento insufficiente potrai anche essere licenziato. Decreto " Brunetta" docet. Così saranno contenti tutti quelli che dicono che nella scuola non si licenzia. Tra l'altro falsità, perché i licenziamenti nella scuola ci sono sempre stati. E la libertà d'insegnamento? Vuoi mettere la libertà d'insegnamento con il rischio di perdere il lavoro? La scuola deve fornire un servizio per soddisfare l'utenza, il docente è impiegato pubblico, punto. Siamo nel 2015. Basta con questi ragionamenti sovversivi da '68 o '77. Il mondo è cambiato e la rivoluzione ha perso. E la ciliegina sulla torta, la perla nera di questo 2015, è data dalla formulazione dei  docenti contrastivi che devono essere contrastati. Cioè quelli che osano alzare il dito per dire preferisco di no signor tenente, pardon, dirigente. Insomma il 2015, Annus Horribilis per la scuola pubblica.  Ma toccato il fondo ci si può solo rialzare.
pubblicato per Tecnica della Scuola

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…