Passa ai contenuti principali

Calcio: se lo stadio Friuli esplode per l'inter da scudetto




Metà erano abbonati dell'Udinese, il resto, tutti tifosi dell'Inter. Nei momenti dei diversi, quattro, goal dell'Inter, sembrava di essere più a San Siro che allo stadio Friuli di Udine. Certo, i tifosi dell'udinese hanno continuato a sostenere la loro squadra fino al fischio finale, con qualche immancabile e ben evitabile insulto nei confronti degli interisti, ma l'Inter ha dimostrato il suo essere squadra cinica, squadra che sa cogliere le occasioni, che sa alzare un muro difensivo degno della miglior tradizione calcistica italiana, certo, a volte anche con qualche colpo di fortuna, che non nuoce mai, soprattutto ad una squadra che mira alla conquista dello scudetto.
Sarà da scudetto questa inter? Sinceramente ad inizio anno calcistico ci credevo poco, ma dopo averla vista all'opera al Friuli, è chiaro che sarà lei ad essere padrona del suo destino, salvo accanimenti di sistemi che vanno oltre il calcio e la logica di ogni sano sport, e dunque sì, l'Inter ha tutte le carte per vincere questo scudetto e riprendere quella via del trionfo che è venuta meno dallo storico e rimpianto triplete.
Poche bandiere allo stadio Friuli, nessun fumogeno, tante famiglie, diverse generazioni che si sono ritrovate in questa storica arena calcistica che da lustro a tutto il FVG. Stadio esteticamente bello, che ricorda più gli stadi moderni tedeschi che quelli inglesi, dove il calcio è una bella visione di vita sportiva. Certo, delle pecche vi sono. Seggiolini troppo vicini, tanto che si rischia di essere come sardine, scalini troppi alti per chi ha problemi fisici a causa dell'età avanzata e non solo, costi del biglietto eccessivi per alcune partite, ma quello che tutti si augurano è che l'udinese si possa salvare, perché anche così sarà possibile vedere all'opera le più belle ed importanti squadre di calcio anche nella nostra regione, e perché no, magari dopo la riqualificazione dello stadio Friuli, che rimarrà sempre Friuli per Udine e dintorni, possa avvenire anche una riqualificazione della squadra, perché quello stadio merita una squadra di calcio non solo in seria A ma anche di livelli buoni, e la sola passione non può bastare. Arrivederci alla prossima caro stadio Friuli.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto