Passa ai contenuti principali

Questione migranti: Ma Alfano verrà in FVG come politico o Ministro dell'Interno?

Sul sito della Regione FVG è stata pubblicata questa notizia:" Il consigliere regionale Ncd e vicepresidente del Consiglio regionale FVG Paride Cargnelutti, assieme al coordinatore regionale Ncd on. Isidoro Gottardo, hanno incontrato a Roma il ministro degli Interni Angelino Alfano con il quale, d'intesa con il capogruppo consiliare regionale Alessandro Colautti, sono state affrontate le principali questioni di ordine politico e istituzionale che riguardano il Friuli Venezia Giulia. Su tutte, le preoccupazioni e le misure di prevenzione da mettere in atto sul fronte dell'immigrazione sulla rotta dei Balcani che potrebbe interessare, oltre a quanto è già avvenuto, la nostra regione. Il ministro Alfano nelle prossime settimane verrà in Friuli Venezia Giulia per affrontare tutte le questioni che sono state sottoposte in più incontri e secondo un programma che ora gli esponenti dell'Ncd regionale stanno predisponendo. I temi riguarderanno la riforma costituzionale e quindi l'Autonomia del FVG, la questione delle Prefetture, i problemi geopolitici ed economici dell'area di confine e, non da ultimo, questioni più propriamente politiche".

A quanto pare a Roma si sono forse solo ora svegliati, nel momento in cui la Slovenia ha già iniziato a porre recinzioni con il filo spinato, nel momento in cui la Germania si prepara ai campi di "raccolta" dove racchiudere i migranti che verranno espulsi, nel momento in cui arriva l'inverno, nel momento in cui la rotta balcanica, come era noto da diverso tempo, passerà anche dalla nostra regione. Regione che ha conosciuto nel corso della sua storia enormi processi emigratori ed immigratori, regione che vive una fase di continuo declino sociale, economico e demografico. 
Infatti, gli ultimi dati aggiornati a giugno 2015, indicano una popolazione residente pari a 1.223.325. Un calo costante e continuo. Ma Alfano verrà in qualità di Ministro dell'Interno a dirci cosa non ha fatto il suo Ministero in questo campo in FVG, a Gorizia in particolar modo, salvo la soluzione emergenziale del CIE diventato complessivamente CARA ma pur sempre CIE come struttura? Del fatto che le tendopoli prima non venivano ritenute dignitose ed ora invece vengono valutate come soluzioni? O verrà come politico a fare propaganda elettorale? I problemi di questa situazione sono proprio state determinate da politiche destre, guerrafondaie, che hanno fomentato guerre, che hanno fomentato intolleranze, che hanno fomentato divisioni e muri. Ritornano i muri ed i Balcani tremano. E sono in molti ad annusare la tremenda puzza di conflitto, che nuovamente mina la Pace Adriatica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…