Passa ai contenuti principali

Questione migranti: Ma Alfano verrà in FVG come politico o Ministro dell'Interno?

Sul sito della Regione FVG è stata pubblicata questa notizia:" Il consigliere regionale Ncd e vicepresidente del Consiglio regionale FVG Paride Cargnelutti, assieme al coordinatore regionale Ncd on. Isidoro Gottardo, hanno incontrato a Roma il ministro degli Interni Angelino Alfano con il quale, d'intesa con il capogruppo consiliare regionale Alessandro Colautti, sono state affrontate le principali questioni di ordine politico e istituzionale che riguardano il Friuli Venezia Giulia. Su tutte, le preoccupazioni e le misure di prevenzione da mettere in atto sul fronte dell'immigrazione sulla rotta dei Balcani che potrebbe interessare, oltre a quanto è già avvenuto, la nostra regione. Il ministro Alfano nelle prossime settimane verrà in Friuli Venezia Giulia per affrontare tutte le questioni che sono state sottoposte in più incontri e secondo un programma che ora gli esponenti dell'Ncd regionale stanno predisponendo. I temi riguarderanno la riforma costituzionale e quindi l'Autonomia del FVG, la questione delle Prefetture, i problemi geopolitici ed economici dell'area di confine e, non da ultimo, questioni più propriamente politiche".

A quanto pare a Roma si sono forse solo ora svegliati, nel momento in cui la Slovenia ha già iniziato a porre recinzioni con il filo spinato, nel momento in cui la Germania si prepara ai campi di "raccolta" dove racchiudere i migranti che verranno espulsi, nel momento in cui arriva l'inverno, nel momento in cui la rotta balcanica, come era noto da diverso tempo, passerà anche dalla nostra regione. Regione che ha conosciuto nel corso della sua storia enormi processi emigratori ed immigratori, regione che vive una fase di continuo declino sociale, economico e demografico. 
Infatti, gli ultimi dati aggiornati a giugno 2015, indicano una popolazione residente pari a 1.223.325. Un calo costante e continuo. Ma Alfano verrà in qualità di Ministro dell'Interno a dirci cosa non ha fatto il suo Ministero in questo campo in FVG, a Gorizia in particolar modo, salvo la soluzione emergenziale del CIE diventato complessivamente CARA ma pur sempre CIE come struttura? Del fatto che le tendopoli prima non venivano ritenute dignitose ed ora invece vengono valutate come soluzioni? O verrà come politico a fare propaganda elettorale? I problemi di questa situazione sono proprio state determinate da politiche destre, guerrafondaie, che hanno fomentato guerre, che hanno fomentato intolleranze, che hanno fomentato divisioni e muri. Ritornano i muri ed i Balcani tremano. E sono in molti ad annusare la tremenda puzza di conflitto, che nuovamente mina la Pace Adriatica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …