Passa ai contenuti principali

Questione migranti in FVG, ci risiamo tra Gorizia Udine e Pordenone



I muri nascono per essere demoliti. Non sono mai stati una soluzione, anzi, sono stati sempre determinanti per l'aggravarsi di certe situazioni. Una marcia per il sogno europeo, per chiedere accoglienza, aiuto, soccorso, diritti. Una marcia che parte da lontano, che attraversa deserti, e diverse strade, altri, invece, navigano su barconi affrontando i rischi del mare diventato un vero e proprio killer, il Mediterraneo. Mare rosso, di sangue. Come rosso è il Carso in questo autunno,voci del popolo dicono che sia così in ricordo di quel fiume di sangue che ha devastato nei primi anni del '900 con una tremenda carneficina questi meravigliosi posti. Anche l'Isonzo era diventato rosso, anche se, come ricorda Magris nel suo ultimo libro, l'Isonzo ha i colori più belli del mondo. No, non quello rosso sangue, giusto per intenderci. 
E ci risiamo. Tra annunci patetici, che servivano a fomentare illusioni, a movimentare masse, a riabilitare la Germania, con il nuovo spirito di Monaco, che in verità propone una soluzione etnica delle persone che vorrebbe accogliere, roba da far rabbrividire, e ci si domanda se in Italia si inizierà a fare la stessa cosa, a gestire questo "fenomeno" respingendo le domande di richiesta d'asilo degli afghani o pakistani, per disincentivare i loro arrivi in FVG ed in Italia.  
Dunque, oggi si è arrivati innanzi ad una situazione a dir poco stancante, ridondante, e del non se ne può più. Le città si svuotano, ma rimangono spazi vuoti, chiusi a chiave, perché il profitto incrementa, perché queste sono le leggi del mercato, quel mercato che nel 2008 ha dato il là alla così detta crisi, già dimenticata da molti. 
L'Europa ha formalizzato bellissimi principi di diritto, come la Carta Europea dei diritti dell'uomo. Questa Europa, però, ha voluto porre al primo ed unico posto le merci, il capitale, e mantenere ai minimi termini diritti vitali per la civiltà europea. D'altronde la stessa Europa ha massacrato quella che è stata definita coma la culla della sua civiltà, la Grecia. Che continua sulla sua strada, ma non vuole lasciare l'Europa. Continente vecchio, composito, che vorrebbe da un lato emulare gli Stati uniti d'America, praticamente fondati da noi europei, dall'altro ritornare al passato, al sistema delle nazioni. Una via di mezzo, un dilemma, due piedi tirati e sospesi fino a quando non si cederà. E nel bel mezzo di tale dramma, migliaia di migliaia di persone inseguono il sogno europeo, perché dicono qui vi è la democrazia qui possiamo vivere da esseri umani, soprattutto dopo le guerre che il vostro sistema ha causato a casa nostra. Già. Dopo i fatti noti e tristi e deprimenti di questo ottobre, senza dimenticare la morte del giovane ragazzo e rifugiato di agosto, travolto dalla furia dell'Isonzo, abbandonato a se stesso da chi doveva provvedere ad agire, ad intervenire, ecco che ritornano e non poteva che essere così. Dieci, venti, cinquanta e via discorrendo. Per ragioni o torti diverse, poco importa. Quello che conta, appunto, è che vengono qui nella nostra regione che ha conosciuto imponenti processi emigratori ed anche immigratori nel corso della sua storia e sembra averli rimossi. Il sistema FVG continua a sentirsi immune dalla rotta balcanica, che dovrebbe diventare una opportunità e non un problema. Rotta che viene gestita come fatto di ordine pubblico, militare, di sicurezza. Fanno a gara per chi per primo scarica queste persone nello Stato confinante e vicino. Merce, pacchi postali, nulla. Le Istituzioni dovrebbero, anzi devono dotarsi di un piano organico affinché nessuno rimanga più per strada. E' loro dovere. Ma ancora una volta sono i volontari a colmare le lacune e le mancanze di un sistema che spera solo che dal FVG non passi la nota rotta balcanica. Ma questa storia deve finire. Ed intanto in questo inizio novembre a Gorizia una cinquantina di migranti sono stati accolti solo da una parrocchia, ad Udine una quarantina di migranti hanno dormito per strada, a Pordenone una trentina di rifugiati sono praticamente accampati in un locale parco. E se per caso dovessero arrivare in centinaia? In migliaia? Nel mentre che continuano gli interrogativi, ed il solito ed indecente scarica barile, il tempo passa, le omissioni perseverano e ci si chiede anche se dovrà essere la magistratura a porre fine a certe situazioni od il buon senso e la cooperazione e soprattutto non scaricando più oneri non dovuti al sistema del volontariato. Perché il sistema istituzionale rischia di approfittare di tale spirito meraviglioso di solidarietà umana semplicemente per non alzare un dito.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…