Passa ai contenuti principali

Questa volta in Europa non sarà veramente nulla come prima



Lì dove non sono riusciti i maledetti atti di guerra terroristica di Madrid, Londra, e Bruxelles Copenaghen e Parigi con Chalie Hebdo, probabilmente riuscirà la notte del 13 novembre 2015 con quello che in rete è diventato il #ParisAttacks. L'immagine simbolica di questa strage, in piena Europa, è sicuramente quella che vede migliaia di tifosi correre sul campo di calcio, per trovare lì protezione. Probabilmente in Europa nulla sarà realmente come prima.  Ogni atto ha una causa, una reazione, non mi interessa in questo momento dire o scrivere cose che potrebbero essere scontate per molti, come il fatto che il mostro che ha ucciso a Parigi è figlio delle guerre umanitarie occidentali. O che le politiche razziste, di xenofobia, di estremo nazionalismo ora cresceranno e forse avranno maggiore consenso, perché l'odio aumenta, e l'odio mina ogni buon senso e ragione, e che le prime vittime dell'effetto a catena che verrà saranno i migranti in marcia sulla rotta balcanica. No. Così come non dirò che ancora una volta è emerso il pieno fallimento delle misure di sicurezza preventive e di repressione o che simili stragi accadono già da tempo in diversi paesi del Medio Oriente, e che per ovvi motivi, in un contesto di apatia ed indifferenza sistemica, non turbano le nostre coscienze, o che mai ho sentito dire che si stratta di atti contro l'umanità, di barbarie contro l'umanità in modo così unanime. No. Ciò poco importa. Perché qui siamo a casa nostra, perché gli europei sono europei, perché il mondo funziona così e difficilmente sarà possibile una nuova umanità e società. Anzi. Quello che ci si deve aspettare, forse mi sbaglierò, ma le reazioni a caldo sembrano volere ciò, è una lunga militarizzazione della nostra Europa, del ritorno delle frontiere chiuse o controllate ad oltranza, del ritorno del nazionalismo pieno, di consistenti limitazioni di libertà, perché se anche lo slogan sarà, non abbiamo paura, in realtà tutti abbiamo paura, ed il fatto che sia stato annunciato che dopo Parigi, ci sarà anche Roma, vera o falsa che sia questa notizia, od anche Londra ed altre Capitali, lascia intendere che, come era prevedibile, sarà un periodo lungo di una nuova guerra, perché, alla fine, in guerra ci siamo ed in guerra le misure eccezionali diventano normali. La notte del 13 novembre di Parigi rischia di essere il peggior incubo per il mai compiuto sogno europeo, ed il tutto, tristemente accade proprio nel corso di quel centenario che è stata la grande guerra, la grande carneficina, governata da estremi nazionalismi, che poi porterà alla seconda guerra mondiale ed a tutto quello che vi è stato nel bel mezzo di queste guerre, fascismi, nazismi, ed anche dopo con i muri ed i blocchi. Insomma non solo Parigi sotto attacco, ma sotto attacco  è anche l'ideale mai compiuto di  Europa, di libertà, uguaglianza e fraternità e questi ideali non li si difendono con eserciti o guerre, con fili spinati o muri, ma con la forza della ragione, del buon senso, con una prospettiva diversa di società, con la forza della cultura, della tolleranza, dell'integrazione, del multiculturalismo, della laicità. Muri porteranno altri muri, violenza porterà altra violenza, guerra porterà altra guerra.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …