Passa ai contenuti principali

Questa volta in Europa non sarà veramente nulla come prima



Lì dove non sono riusciti i maledetti atti di guerra terroristica di Madrid, Londra, e Bruxelles Copenaghen e Parigi con Chalie Hebdo, probabilmente riuscirà la notte del 13 novembre 2015 con quello che in rete è diventato il #ParisAttacks. L'immagine simbolica di questa strage, in piena Europa, è sicuramente quella che vede migliaia di tifosi correre sul campo di calcio, per trovare lì protezione. Probabilmente in Europa nulla sarà realmente come prima.  Ogni atto ha una causa, una reazione, non mi interessa in questo momento dire o scrivere cose che potrebbero essere scontate per molti, come il fatto che il mostro che ha ucciso a Parigi è figlio delle guerre umanitarie occidentali. O che le politiche razziste, di xenofobia, di estremo nazionalismo ora cresceranno e forse avranno maggiore consenso, perché l'odio aumenta, e l'odio mina ogni buon senso e ragione, e che le prime vittime dell'effetto a catena che verrà saranno i migranti in marcia sulla rotta balcanica. No. Così come non dirò che ancora una volta è emerso il pieno fallimento delle misure di sicurezza preventive e di repressione o che simili stragi accadono già da tempo in diversi paesi del Medio Oriente, e che per ovvi motivi, in un contesto di apatia ed indifferenza sistemica, non turbano le nostre coscienze, o che mai ho sentito dire che si stratta di atti contro l'umanità, di barbarie contro l'umanità in modo così unanime. No. Ciò poco importa. Perché qui siamo a casa nostra, perché gli europei sono europei, perché il mondo funziona così e difficilmente sarà possibile una nuova umanità e società. Anzi. Quello che ci si deve aspettare, forse mi sbaglierò, ma le reazioni a caldo sembrano volere ciò, è una lunga militarizzazione della nostra Europa, del ritorno delle frontiere chiuse o controllate ad oltranza, del ritorno del nazionalismo pieno, di consistenti limitazioni di libertà, perché se anche lo slogan sarà, non abbiamo paura, in realtà tutti abbiamo paura, ed il fatto che sia stato annunciato che dopo Parigi, ci sarà anche Roma, vera o falsa che sia questa notizia, od anche Londra ed altre Capitali, lascia intendere che, come era prevedibile, sarà un periodo lungo di una nuova guerra, perché, alla fine, in guerra ci siamo ed in guerra le misure eccezionali diventano normali. La notte del 13 novembre di Parigi rischia di essere il peggior incubo per il mai compiuto sogno europeo, ed il tutto, tristemente accade proprio nel corso di quel centenario che è stata la grande guerra, la grande carneficina, governata da estremi nazionalismi, che poi porterà alla seconda guerra mondiale ed a tutto quello che vi è stato nel bel mezzo di queste guerre, fascismi, nazismi, ed anche dopo con i muri ed i blocchi. Insomma non solo Parigi sotto attacco, ma sotto attacco  è anche l'ideale mai compiuto di  Europa, di libertà, uguaglianza e fraternità e questi ideali non li si difendono con eserciti o guerre, con fili spinati o muri, ma con la forza della ragione, del buon senso, con una prospettiva diversa di società, con la forza della cultura, della tolleranza, dell'integrazione, del multiculturalismo, della laicità. Muri porteranno altri muri, violenza porterà altra violenza, guerra porterà altra guerra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…