Passa ai contenuti principali

Questa volta in Europa non sarà veramente nulla come prima



Lì dove non sono riusciti i maledetti atti di guerra terroristica di Madrid, Londra, e Bruxelles Copenaghen e Parigi con Chalie Hebdo, probabilmente riuscirà la notte del 13 novembre 2015 con quello che in rete è diventato il #ParisAttacks. L'immagine simbolica di questa strage, in piena Europa, è sicuramente quella che vede migliaia di tifosi correre sul campo di calcio, per trovare lì protezione. Probabilmente in Europa nulla sarà realmente come prima.  Ogni atto ha una causa, una reazione, non mi interessa in questo momento dire o scrivere cose che potrebbero essere scontate per molti, come il fatto che il mostro che ha ucciso a Parigi è figlio delle guerre umanitarie occidentali. O che le politiche razziste, di xenofobia, di estremo nazionalismo ora cresceranno e forse avranno maggiore consenso, perché l'odio aumenta, e l'odio mina ogni buon senso e ragione, e che le prime vittime dell'effetto a catena che verrà saranno i migranti in marcia sulla rotta balcanica. No. Così come non dirò che ancora una volta è emerso il pieno fallimento delle misure di sicurezza preventive e di repressione o che simili stragi accadono già da tempo in diversi paesi del Medio Oriente, e che per ovvi motivi, in un contesto di apatia ed indifferenza sistemica, non turbano le nostre coscienze, o che mai ho sentito dire che si stratta di atti contro l'umanità, di barbarie contro l'umanità in modo così unanime. No. Ciò poco importa. Perché qui siamo a casa nostra, perché gli europei sono europei, perché il mondo funziona così e difficilmente sarà possibile una nuova umanità e società. Anzi. Quello che ci si deve aspettare, forse mi sbaglierò, ma le reazioni a caldo sembrano volere ciò, è una lunga militarizzazione della nostra Europa, del ritorno delle frontiere chiuse o controllate ad oltranza, del ritorno del nazionalismo pieno, di consistenti limitazioni di libertà, perché se anche lo slogan sarà, non abbiamo paura, in realtà tutti abbiamo paura, ed il fatto che sia stato annunciato che dopo Parigi, ci sarà anche Roma, vera o falsa che sia questa notizia, od anche Londra ed altre Capitali, lascia intendere che, come era prevedibile, sarà un periodo lungo di una nuova guerra, perché, alla fine, in guerra ci siamo ed in guerra le misure eccezionali diventano normali. La notte del 13 novembre di Parigi rischia di essere il peggior incubo per il mai compiuto sogno europeo, ed il tutto, tristemente accade proprio nel corso di quel centenario che è stata la grande guerra, la grande carneficina, governata da estremi nazionalismi, che poi porterà alla seconda guerra mondiale ed a tutto quello che vi è stato nel bel mezzo di queste guerre, fascismi, nazismi, ed anche dopo con i muri ed i blocchi. Insomma non solo Parigi sotto attacco, ma sotto attacco  è anche l'ideale mai compiuto di  Europa, di libertà, uguaglianza e fraternità e questi ideali non li si difendono con eserciti o guerre, con fili spinati o muri, ma con la forza della ragione, del buon senso, con una prospettiva diversa di società, con la forza della cultura, della tolleranza, dell'integrazione, del multiculturalismo, della laicità. Muri porteranno altri muri, violenza porterà altra violenza, guerra porterà altra guerra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…