Passa ai contenuti principali

Ma quanto è sensibile il Comune di Gorizia verso gli animali, se solo i migranti fossero gatti




Ben 25 casette per i gatti, i cui costi potrebbero aggirarsi sulle 750 euro, forse di più forse di meno. Chissà. Niente di male ci mancherebbe.  Così come niente di male vi è stato nel mese di ottobre vedere deliberati 3745 euro per realizzare dei collegamenti tra i box permanenti nel canile Comunale al fine di consentire un miglior benessere psicofisico dei cani ivi alloggiati. Ben vengano le iniziative a sostegno degli animali. Anche se è innegabile che in questa società a volte si dedica molta più attenzione agli animali che alle persone. Così come stranamente e curiosamente è da rilevare che spesso sono forze politiche di estrema destra a dedicarsi con tanta passione alla causa animalista. Certo non è sempre così, ma spesso lo è. Un modo per attirare le persone apoliticizzate nelle loro nere sedi.  Quanto potrebbero costare delle coperte per i migranti fuori convenzione in balia della strada? Sicuramente meno delle casette per i gatti.  Eppure il Comune di Gorizia, che rivendica la sua impeccabile gestione finanziaria, con nota del Sindaco Prot. n. 49851/2014 dd. 25.11.2014 indirizzata alla Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e all’Assessore Regionale portava all’attenzione "la difficile situazione finanziaria che il Comune deve sostenere per garantire l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati rinvenuti sul suo territorio di riferimento". Con nota della Dirigente del Settore Welfare comunale, cultura, eventi e turismo, Prot. 22495/2015 dd. 11.05.2015 indirizzata alla competente Direzione Regionale all’attenzione del Direttore d’Area, si confermava l’esponenziale incremento dei costi per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati, già segnalata. E come è andata a finire? Che con la solita urgenza ed emergenza, diventata oramai strutturale, tanto che sarà un giorno la ordinarietà a diventare emergenza, e l'emergenza ordinarietà, le Forze dell’Ordine in emergenza, appunto, hanno provveduto ad affidare, stante l’impossibilità di Civiform ad accogliere ulteriori minori rispetto a quelli ospitati in quanto tutti i posti a disposizione risultavano occupati, n. 1 minore straniero non accompagnato a La Fonte Comunità Famiglia onlus, frazione Prosecco. Dunque,  stante l’affido operato in via d’urgenza dalle forze dell’ordine alla Comunità sopra citata trattandosi di minori, in attesa dell'invio da parte della stessa della precisa quantificazione economica relativamente ai minori accolti, di assumere, sempre in via d'urgenza, l'impegno di spesa atto a coprire i complessivi giorni di ospitalità presso detta struttura per un importo complessivo stimato pari a € 3.000,00, anche nel caso dovessero avvenire ulteriori accoglimenti in... emergenza. Certo, quella dei minori è una situazione diversa rispetto a quella dei richiedenti asilo fuori convenzione che si trovavano e si trovano e si troveranno nel territorio comunale di Gorizia. Nessuna attività minima di soccorso, neanche dei bagni mobili, neanche una coperta. Niente. Almeno fino ad oggi che scrivo. Un niente che è stato colmato, con mille difficoltà, da parte del volontariato, da alcune parrocchie. Viva le 25 casette per i gatti che finalmente avranno un luogo caldo, plastificato, ove poter dormire. Per i migranti? Se solo fossero gatti, chissà forse le cose sarebbero diverse. Questo è quello che almeno in molti hanno pensato leggendo e commentando la notizia delle casette per i gatti ricevuti in dono da questa amministrazione comunale. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone