Passa ai contenuti principali

La grande menzogna sull'opinione pubblica



Alla voce “opinione pubblica” sulla enciclopedia Treccani, in rete, si legge:” Giudizio e modo di pensare collettivo della maggioranza dei cittadini, o anche questa maggioranza stessa. Il concetto di opinione pubblica, intesa anche come sistema di credenze sulla cosa pubblica, nasce con l'idea moderna di democrazia rappresentativa, definita da J. Locke come governo dell'opinione”. Come è noto in base ai dati ultimi disponibili ogni giorno si vendono quasi 4 milioni di quotidiani, letti da circa 22,5 milioni di italiani molto meno sono quelli che si informano ascoltando i telegiornali e poi ovviamente vi è la rete, ed in Italia il 60% degli italiani accede regolarmente a internet, e gli account attivi sui canali social sono oggi 28 milioni (22 milioni accedono da dispositivi mobile) e tra i siti più visti, pochi sono quelli di informazione. Dunque la maggioranza degli italiani non si informa e non è idonea a costituire la così detta fantomatica opinione pubblica. Però si continua a dire che si deve tenere conto del giudizio dell'opinione pubblica, che certe e date decisioni si devono prendere rispettando l'opinione pubblica e così via dicendo. Ma l'opinione pubblica non esiste. E' una grande simulazione, una mera astrazione finalizzata a legittimare o delegittimare scelte o svolte politiche funzionali alle logiche che governano il sistema. Pensiamo per esempio alla banalità dei sondaggi, un campione molto stretto di persone dovrebbe avere la presunzione di rappresentare la maggioranza del pensiero comune di questo Paese. L'opinione pubblica, come detto, non esiste, eppure ha un potere enorme. Viene preparata, indirizzata, strumentalizzata, per adottare determinate politiche, ad esempio. Pensiamo alla questione più attuale, la sicurezza. 
Dall'alto hanno già deciso che si devono limitare delle libertà, creare pseudo stati minimali di polizia, chiudere le frontiere. Per legittimare queste scelte si deve fomentare paura, stato di paura, di tensione. I media asserviti al sistema altro non fanno e non faranno che indirizzare il tutto verso una inesistente opinione pubblica, affinché, dopo giorni e giorni di canonici bombardamenti mediatici, si possa dire, che l'opinione pubblica, che è formata dal sistema, indirizzata dal sistema, e governata dal sistema, è disponibile a rinunciare a delle proprie libertà per la suprema sicurezza. Pur non avendo l'opinione pubblica, che in base a quanto scritto sopra dovrebbe essere la maggioranza dei cittadini, ma che in Italia non sussisterebbe a priori perché la maggior parte dei cittadini non si informa e forma,  alcuna minima responsabilità.
L'opinione pubblica è una grande fregatura, forse la più grande fregatura nata nella democrazia e per la democrazia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone