Passa ai contenuti principali

Gorizia non è un porto per i migranti,ma continuano a portarli via


Sono stati poco più di 140 mila gli sbarchi in Italia fino a novembre, la quasi totalità avvenuti in Sicilia, poi in Calabria ed in altre regioni del Sud Italia. Gorizia non è un porto, non è un luogo di smistamento, ma solo una città di confine, ove ogni tanto capita che qualche centinaia di persone, nelle punte massime, deviando dalla rotta Balcanica, per poi produrre domanda presso la locale commissione territoriale, giungono in questa località, oggi estrema periferia nordica d'Italia. Ciò era prevedibile, vista la presenza della Commissione territoriale. Ed allora, per diminuire il flusso, si è deciso di dividerla, riducendo il bacino territoriale di competenza. Ora, pare che la si vuole dividere ulteriormente, per poi, magari farla sparire da Gorizia. Ma sono ben consapevoli che senza la commissione territoriale è a rischio anche l'esistenza della stessa Prefettura e senza la Prefettura Gorizia diventerebbe una località senza più alcun ruolo. Perderebbe il massimo organo simbolo della sua italianità. Eppure un centinaio di persone sono state in grado, non per loro colpa, di evidenziare il vuoto, la pochezza di una classe dirigente politica, tutta. Ancora una volta il tutto gestito e "risolto" per mano di chi dovrebbe occuparsi di ordine pubblico. Ancora una volta caricati su qualche bus per essere trasferiti, lontano. Lontano da Gorizia, perché possa tornare ad essere la tipica città cadavere a cui siamo tristemente abituati in questi ultimi anni. Vuota già dalle prime ore pomeridiane. Ma a chi vuoi che importi ciò. Il fallimento totale della classe politica locale al governo di questa città, che non è in grado di dare autorevolezza al proprio territorio né a livello regionale né a livello nazionale, sulla partita migranti, però, continua a vincere la sua battaglia. Non li vogliono a Gorizia i migranti. A rischio di farli dormire per strada per mesi, come già accaduto. E da Gorizia devono andare via. E da Gorizia vanno via. Ogni volta una motivazione diversa, sempre più particolare, dal fatto che Gorizia deve essere considerata come una città meridionale ove i profughi sbarcano per essere smistati, come pacchi, nel resto d'Italia o d'Europa tramite il ricollocamento, al fatto che Gorizia ha raggiunto la sua capienza massima, decisa in base a criteri matematici ma privi di alcuna logica sostanziale, e dunque qui non vi è posto. Neanche una virgola di proposta alternativa. Muro contro muro. La società civile , o meglio parte di essa, che si mobilita, si organizza, la politica governativa che non cede di un millimetro. E vince la sua battaglia. 
Gorizia non deve essere la città dell'accoglienza, perché altrimenti arrivano tutti qui i migranti, o meglio i clandestini come molti li chiamano. Clandestini. Altri dicono che si rischia l'invasione. L'Invasione. Due concetti squallidi che da soli meriterebbero risposte presso le competenti sedi. Baracche sull'Isonzo, tende nella periferia di Gorizia, coperte diffuse per la città.
Gorizia non è un porto ove sbarcano i migranti, ma continuano a portarli via come se lo fosse. Quello che mi domando, ma i goriziani hanno capito che la responsabilità del degrado sociale, umano e non solo in cui si trova questa città è di chi ha alzato i muri? O per caso sostengono, anche loro, questi muri? Eppure Gorizia ha festeggiato quando è caduto il suo piccolo muro di Berlino. L'ebbrezza di quel momento è stata solo una euforia durata un giorno? Alzare i muri all'interno della città, comporterà l'edificazione di muri anche all'esterno della città, e poi oltre, per arrivare all'isolamento, a vivere la propria isola infelice e da infelici, nel vuoto e nella miseria umana. 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …