Passa ai contenuti principali

160 mila euro per il Dicembre Goriziano

Si parte, salvo anticipi, il 27 novembre 2015 con l’accensione delle luminarie cittadine e dell'albero di Natale, per poi proseguire fino al 10 gennaio 2016. Cosa prevede la delibera 208 del mese di novembre, giorno 13, della Giunta del Comune di Gorizia per il periodo così detto natalizio? Per la realizzazione della tradizionale illuminazione a tema delle vie del Centro cittadino, sulla base di quanto realizzato negli anni scorsi, con l'indirizzo di utilizzare per quanto più possibile luci a led, per incentivare il risparmio energetico ed ottimizzare i costi, nelle seguenti vie e piazze cittadine previsti 71 mila euro , le vie interessate saranno le seguenti:
Corso Italia dal parco della Rimembranza a corso Verdi, Corso Verdi , Via San Giovanni, Via Ascoli (fino al civico 7 fino alla Sinagoga esclusa), Via Monache, Via Rastello, Via Garibaldi , Via Diaz (prima parte fino via Alvarez), Via Mazzini, Via Morelli, Via Crispi fino a via Morelli, Via Oberdan, Via Boccaccio (prima parte fino al mercato coperto compreso), Piazza Vittoria ◦Via Carducci, Piazza De Amicis , Via Pellico, Via XXIV maggio , Via IX agosto (prima parte), Via Cascino (1 festone), Via De Gasperi, Via Marconi, Piazza Cavour
Piazza Sant’Antonio, Via Capuccini, Via Contavalle , Via Mameli, Via Arcivescovado, Viale D’Annunzio (1 festone), Via San Gabriele , Piazza Municipio, Palazzo Municipale, Castello di Gorizia, Via Udine – Lucinico.
E' prevista l'installazione e allestimento del tradizionale albero natalizio in piazza Vittoria, con invito alla sua donazione da parte di terzi a vantaggio della collettività, come positivamente accaduto negli anni scorsi; l' abbellimento della città con corsie natalizie in moquette rossa previste 2.500 euro; addobbo e accensione dell'albero di Natale in piazza Transalpina alla presenza degli scolari delle scuole di Gorizia e di Nova Gorica; addobbo degli alberi dei quartieri di Lucinico. S. Mauro, Parco Coronini; animazione commerciale delle vie e delle piazze del centro storico nei due week end precedenti il Natale, con mercatini a tema (festa del cioccolato), pista di pattinaggio su ghiaccio e sua gestione da collocarsi e festa di Capodanno in piazza Vittoria con musica, intrattenimento, da affidare in global service a soggetto terzo prevista 65 mila euro; fuochi pirotecnici dal Castello di Gorizia previsti 12.500 euro; promozione e comunicazione del contenitore complessivo degli eventi (anche comprensivo della Fiera di S. Andrea) previsti 6 mila euro; più 2.500 euro per pulizia, vigilanza e varie. In base al testo della delibera emerge che tale quadro economico trovera' copertura al codice di Bilancio 1.07.0203 relativo agli eventi, come da Variazione al Bilancio 2015 in corso di approvazione e che la spesa massima complessiva sopra citata risulta finanziata dai contributi concessi per le iniziative di animazione territoriale da realizzarsi nel corso dell'anno 2015 da parte della Regione Aut. FVG Direzione C.le Attività Produttive ai sensi della L.R. 12/2006 art. 6, della C.C.I.A.A. Fondo Gorizia e della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e non ancora utilizzati per le altre manifestazioni comunali svolte nel 2015 ammontanti a €77.132,00, e residualmente da fondi comunali per €82.868,00.
Alla faccia della crisi, verrebbe da dire. Ma è natale e siamo tutti più buoni, casse pubbliche incluse. 




Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…