Passa ai contenuti principali

Replica alle accuse infamanti del Presidente della Lega Nazionale di Gorizia


Sorge il dubbio che alcuni audaci difensori dell'italianità abbiano qualche difficoltà nella comprensione di testi scritti rigorosamente in italiano. Non sono uno di quelli che, pur avendone gli strumenti, pensa che la storia si debba scrivere nelle aule dei Tribunali. Ho sempre accettato il dialogo a distanza aspro, critico, ma a tutto vi è un limite. Essere accusato di aver detto o peggio ancora scritto cose che mai ho detto e scritto sono di una gravità assoluta quando soprattutto si coinvolgono realtà terze.
Nell'intervento che è stato pubblicato dal Piccolo, come lettera del giorno, qualche settimana addietro, in merito alla vicenda dell'attentato al tempio del Parco della Rimembranza di Gorizia progettato da Enrico del Debbio, distrutto il 12 agosto del 1944, ho semplicemente evidenziato le diverse sfumature che emergono in rete, su alcuni siti di una certa rilevanza, e mai e ribadisco mai ho incolpato “i partigiani del CLN per l'attacco bombarolo al monumento ai caduti, scagionando i cetnici”. Tale accusa che mi è stata mossa è diffamatoria. Ho invece, evidenziato, e nel testo era chiaro, che condividevo quanto scritto in passato dal Piccolo, ovvero che si è trattata “ di una rappresaglia dei domobranci contro la popolazione italiana di Gorizia. I domobranci erano soldati sloveni alleati dei Tedeschi che all’epoca occupavano Gorizia". E ricordavo che la rappresaglia riguardava l'attentato avvenuto al teatro Verdi contro i domobranci, del 5 agosto, si dice provocato da fascisti, e questa sarebbe stata la vicenda del 12 agosto del '44, avvenuta intorno alle 3 e 20,ma anche che i domobranci presenti a Gorizia , vennero addestrati da Kurt Franz membro delle Waffen-SS e li guidò anche in operazioni anti-partigiane. Non si capisce poi quale maschera dovrei aver gettato. Sono sempre stato coerente in tutto quello che ho fatto e scritto. Sono note le mie posizioni in ordine alla questione di Gorizia sino al Trattato di Pace del '47, quando la nostra Costituzione ancora non esisteva. E per il bene di Gorizia, visto come le cose oggi vanno, dire e scrivere che forse sarebbe stato giusto assegnarla alla Jugoslavia, ragionando con i fatti di quel tempo e riconducendo le valutazioni a quel tempo, non ha nulla a che vedere con l'attualità e con la violazione della nostra importante Costituzione. Ho sempre difeso, tramite l'associazione di cui faccio parte, l'ANPI, la nostra Costituzione, entrata in vigore nel 1948 ed i principi fondamentali della nostra Carta, spesso inattuati, sono anche l'espressione della resistenza e di quella unità, fratellanza, solidarietà che italiani e sloveni hanno ritrovato, dopo l'avvento di istanze reazionarie post-risorgimentali prima e del fascismo poi che hanno considerato, ad esempio, i nostri vicini di casa come schiavi, barbari o di una razza inferiore. Anzi, sapere ancora oggi dell'esistenza di gruppi variegati anche politici, che magari organizzano iniziative nelle scuole, che, per ragioni politiche, storiche, ed ottocentesche, possono seminare convinzioni e sentimenti finalizzati a legittimare il “ritorno” nelle terre "contese"per il nuovo risorgimento italiano, falsificando la storia tramite un becero revisionismo è un qualcosa di una gravità inaudita, ed è di questo che ci si dovrebbe seriamente anche preoccupare. Mi si dica quando mai ho messo in discussione l'appartenenza all'Italia di Gorizia in merito al dopo '47, ed è di una gravità inaudita essere tacciato di odio nei confronti di tutto quello che è italiano, quando è grazie soprattutto al sangue dei miei conterranei che il 9 agosto del 1916 è avvenuta la prima piena presa di Gorizia. Meridionali che hanno combattuto per una città di cui non conoscevano neanche l'esistenza ma che hanno dato la propria vita, perché costretti, per Gorizia e Trieste in primo luogo. E nei confronti di costoro nutro un grande rispetto. Rispetto che non ho e mai potrò avere, invece, nei confronti di chi ha strumentalizzato quelle atroci morti per fini nazionalistici e reazionari o nei confronti di chi si nasconde dietro la maschera dell'italiano “brava gente” ed ancora oggi nega le responsabilità italiane come compiute nei confronti degli sloveni, ad esempio, ma non solo. Il miglior modo di essere italiano è fare assumere a questo Paese le sue responsabilità,in merito ai crimini di guerra compiuti, e mai puniti. E poi, bisognerebbe capire cosa significhi essere italiano. Questo perché non esiste una sola Italia, ma mille e più Italia, tante quanto sono almeno i nostri Comuni. Paese frammentato, unito con la forza della guerra, un Paese senza una vera anima unitaria. Giovanni Pascoli, nel suo discorso nazionalistico dal titolo " La grande proletaria si è mossa" così scriveva : "nel sacro cinquantennario voi avete provato, ciò che era voto de' nostri grandi che non speravano si avesse da avverare in così breve tempo, voi avete provato che sono fatti anche gl'italiani",ebbene, vista l'Italia di oggi, si sbagliava.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …