Passa ai contenuti principali

Replica alle accuse infamanti del Presidente della Lega Nazionale di Gorizia


Sorge il dubbio che alcuni audaci difensori dell'italianità abbiano qualche difficoltà nella comprensione di testi scritti rigorosamente in italiano. Non sono uno di quelli che, pur avendone gli strumenti, pensa che la storia si debba scrivere nelle aule dei Tribunali. Ho sempre accettato il dialogo a distanza aspro, critico, ma a tutto vi è un limite. Essere accusato di aver detto o peggio ancora scritto cose che mai ho detto e scritto sono di una gravità assoluta quando soprattutto si coinvolgono realtà terze.
Nell'intervento che è stato pubblicato dal Piccolo, come lettera del giorno, qualche settimana addietro, in merito alla vicenda dell'attentato al tempio del Parco della Rimembranza di Gorizia progettato da Enrico del Debbio, distrutto il 12 agosto del 1944, ho semplicemente evidenziato le diverse sfumature che emergono in rete, su alcuni siti di una certa rilevanza, e mai e ribadisco mai ho incolpato “i partigiani del CLN per l'attacco bombarolo al monumento ai caduti, scagionando i cetnici”. Tale accusa che mi è stata mossa è diffamatoria. Ho invece, evidenziato, e nel testo era chiaro, che condividevo quanto scritto in passato dal Piccolo, ovvero che si è trattata “ di una rappresaglia dei domobranci contro la popolazione italiana di Gorizia. I domobranci erano soldati sloveni alleati dei Tedeschi che all’epoca occupavano Gorizia". E ricordavo che la rappresaglia riguardava l'attentato avvenuto al teatro Verdi contro i domobranci, del 5 agosto, si dice provocato da fascisti, e questa sarebbe stata la vicenda del 12 agosto del '44, avvenuta intorno alle 3 e 20,ma anche che i domobranci presenti a Gorizia , vennero addestrati da Kurt Franz membro delle Waffen-SS e li guidò anche in operazioni anti-partigiane. Non si capisce poi quale maschera dovrei aver gettato. Sono sempre stato coerente in tutto quello che ho fatto e scritto. Sono note le mie posizioni in ordine alla questione di Gorizia sino al Trattato di Pace del '47, quando la nostra Costituzione ancora non esisteva. E per il bene di Gorizia, visto come le cose oggi vanno, dire e scrivere che forse sarebbe stato giusto assegnarla alla Jugoslavia, ragionando con i fatti di quel tempo e riconducendo le valutazioni a quel tempo, non ha nulla a che vedere con l'attualità e con la violazione della nostra importante Costituzione. Ho sempre difeso, tramite l'associazione di cui faccio parte, l'ANPI, la nostra Costituzione, entrata in vigore nel 1948 ed i principi fondamentali della nostra Carta, spesso inattuati, sono anche l'espressione della resistenza e di quella unità, fratellanza, solidarietà che italiani e sloveni hanno ritrovato, dopo l'avvento di istanze reazionarie post-risorgimentali prima e del fascismo poi che hanno considerato, ad esempio, i nostri vicini di casa come schiavi, barbari o di una razza inferiore. Anzi, sapere ancora oggi dell'esistenza di gruppi variegati anche politici, che magari organizzano iniziative nelle scuole, che, per ragioni politiche, storiche, ed ottocentesche, possono seminare convinzioni e sentimenti finalizzati a legittimare il “ritorno” nelle terre "contese"per il nuovo risorgimento italiano, falsificando la storia tramite un becero revisionismo è un qualcosa di una gravità inaudita, ed è di questo che ci si dovrebbe seriamente anche preoccupare. Mi si dica quando mai ho messo in discussione l'appartenenza all'Italia di Gorizia in merito al dopo '47, ed è di una gravità inaudita essere tacciato di odio nei confronti di tutto quello che è italiano, quando è grazie soprattutto al sangue dei miei conterranei che il 9 agosto del 1916 è avvenuta la prima piena presa di Gorizia. Meridionali che hanno combattuto per una città di cui non conoscevano neanche l'esistenza ma che hanno dato la propria vita, perché costretti, per Gorizia e Trieste in primo luogo. E nei confronti di costoro nutro un grande rispetto. Rispetto che non ho e mai potrò avere, invece, nei confronti di chi ha strumentalizzato quelle atroci morti per fini nazionalistici e reazionari o nei confronti di chi si nasconde dietro la maschera dell'italiano “brava gente” ed ancora oggi nega le responsabilità italiane come compiute nei confronti degli sloveni, ad esempio, ma non solo. Il miglior modo di essere italiano è fare assumere a questo Paese le sue responsabilità,in merito ai crimini di guerra compiuti, e mai puniti. E poi, bisognerebbe capire cosa significhi essere italiano. Questo perché non esiste una sola Italia, ma mille e più Italia, tante quanto sono almeno i nostri Comuni. Paese frammentato, unito con la forza della guerra, un Paese senza una vera anima unitaria. Giovanni Pascoli, nel suo discorso nazionalistico dal titolo " La grande proletaria si è mossa" così scriveva : "nel sacro cinquantennario voi avete provato, ciò che era voto de' nostri grandi che non speravano si avesse da avverare in così breve tempo, voi avete provato che sono fatti anche gl'italiani",ebbene, vista l'Italia di oggi, si sbagliava.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…