Passa ai contenuti principali

Le caserme dismesse ed i profughi in FVG

Nei primi mesi del 2015 Legambiente aveva pubblicato un rapporto interessante sullo stato delle Caserme militari in FVG. Circa ben 400 beni demaniali inutilizzati e abbandonati al degrado, si parlava di vecchie caserme, polveriere, poligoni, postazioni dei battaglioni d'arresto, alloggi per i militari. Rilevando che tutto questo attende una riconversione anche in linea le indicazioni europee per lo stop entro il 2050. Circa 200 siti dismessi risulterebbero essere stati venduti o trasferiti al competente Ministero della Difesa ecc, eppure il vuoto continua a dominare in una regione diventata per anni fortezza difensiva militare italiana. Ora, la così detta rotta balcanica, che coinvolge migliaia di migliaia di persone è in evoluzione. La Slovenia implode, gestisce la partita con misure di ordine pubblico, militare e non prevalentemente umanitario. Discorso similare per gli altri Paesi interessati. Tutti non vedono l'ora di sbarazzarsi di queste persone, tutti non vedono l'ora che queste persone giungano in Germania e tutti incrociano le dita sul fatto che l'Austria, su impulso della Germania, non chiuda le sue porte. Il FVG verrà coinvolto da tale situazione? Probabile. E si deve preparare, anche perché la situazione nei Paesi interessati da atti di guerra non è mica stabile, anzi. Si prospetta un lungo inverno di tensione, e le persone che a piedi o via mare giungeranno nell'Europa di questo nuovo secolo, dovranno pur avere un minimo di accoglienza dignitosa ed umanitaria. Bisogna loro dare la possibilità di viverlo anche quel sogno europeo che inseguono. E tutti devono dare il loro contributo, senza elevare muri, che tanto sono destinati al crollo. Certo, non è da escludere che in alcune zone dell'Est Europa la situazione precipiti totalmente, con il ritorno pieno di realtà reazionarie, neofasciste, ultra-nazionaliste che condizioneranno l'operato dei Governi. Il FVG non può e non deve sentirsi immune. Deve prepararsi e trasformare la rotta balcanica in una grande opportunità e non in un problema. La riapertura eventuale delle caserme per l'accoglimento dei profughi potrebbe essere una soluzione provvisoria, purché non siano destinate a diventare nuovi lager, o campi moderni di raccolta. Ciò non deve accadere, così come si deve evitare la ghettizzazione.  E' necessario lavorare e cooperare per una integrazione, per l'edificazione di un ponte e non di muri e recinti. Il FVG potrebbe essere il ponte per la nuova Europa,  potrebbe essere la casa per tante di queste persone, ma potrebbe anche diventare l'opposto. Ed il tutto, piaccia o non piaccia, lo si deciderà nelle settimane che verranno. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone