Passa ai contenuti principali

La faziosità storica del Comune di Gorizia su alcuni eventi del'900


Se fai una salto sul sito internet del Comune di Gorizia e vuoi curiosare sulla storia di questa città non potrai rimanere indifferente verso alcuni piccoli e sottilissimi passaggi, su cose dette e non dette, o meglio scritte e non scritte. Dopo aver elogiato l'ottocento goriziano, l'immagine di Gorizia città giardino o Nizza d'Austria, ben sapendo che lo splendore di questa città risale proprio al dominio dell'Impero Austro ungarico, si arriva al dopo. Un dopo che, basta camminare per le strade di questa città, ha visto una esasperazione di nazionalismo estremo, la Gorizia italianissima, rinnegando, in colpo solo, secoli del suo passato, che nel bene o nel male hanno segnato per sempre questa città. E che si vanta pure delle bellezze di quel periodo. Ma rinnegando il suo passato. Città conquistata con il sangue soprattutto di tanti meridionali, poi persa dopo la disfatta di Caporetto, ma sul sito del Comune di Gorizia chiamata semplicemente ritirata, e poi ripresa con i tanti se e ma. Si liquida in due battute il ventennio fascista, all'inizio quasi elogiandolo quando si scrive “Durante il ventennio fascista, Gorizia vide la costruzione di alcuni edifici pregevoli come il Palazzo delle Poste, quello della Camera di Commercio, mentre fu ricostruito il Castello, in parte distrutto durante la Prima Guerra Mondiale”. Come dire, prima mostriamo il lato buono del fascismo, certo. Ovvio. Vi era un fascismo buono ed un cattivo no? Cialtronerie storiche ed anche pericolose. Poi, in modo quasi tirato ecco che il massimo del critico giudizio verso il fascismo viene ricondotto a questa formula: "Il fascismo procedette a un'italianizzazione forzata della vasta provincia di Gorizia, abitata da popolazioni slave soprattutto nella parte orientale”. Bene. Ma cosa questa italianizzazione forzata ha comportato? Ha riguardato solo la provincia di Gorizia? E Gorizia? Nessun dettaglio. Niente. Un vuoto che fa male, eppure di cose da dire ve ne sarebbero. Basta pensare che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. L'assalto del Trgovski Dom avvenuto il 4 novembre del 1926, nel così detto giorno della vittoria.Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom, un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando intervennero i vigili del fuoco e rimossero l'insegna del Trgovski Dom. Quel luogo non era solo una banca, vi era anche un teatro, vi era anche una libreria, era un punto di riferimento comunitario per gli sloveni e per diverse associazioni prevalentemente slovene. E quel luogo, dopo l'assalto e dopo un decreto prefettizio di requisizione del 1927, diventerà la casa del Fascio. I fascisti, proprio quelli che ne avevano determinato l'inizio della fine con la tipica azione squadristica, nel tempo ove nei locali e nelle scuole e per le vie della città dominava la scritta “ qui si parla solo italiano”, si prodigarono cercando di annientare l'identità slovena. E tutto questo oggi non è ricordato a dovere, no, non lo è, e forse è il caso di valutare seriamente, almeno per il 90° di tale evento, di ricordarlo a dovere.

Poi si dedicano due righe alla resistenza così presentandola: “ La città non fu risparmiata neanche dalla Seconda Guerra Mondiale. Alla battaglia di Gorizia del settembre 1943 fra partigiani titini, soldati della Rsi e tedeschi(...)”. Partigiani titini? E' vero che vi è stato un contributo fondamentale dei partigiani jugoslavi, ma forse dimenticano il ruolo dei partigiani italiani, della Brigata proletaria. E soprattutto si vuole fomentare la divisione tra jugoslavi ed italiani, come se non avessero lottato insieme, eppure è stata nella resistenza che italiani e sloveni hanno ritrovato l'unità, dopo le barbarie fasciste. E vanto d'orgoglio che dovrebbe essere per tutte le città, non si fa neanche cenno, in questa sezione, al fatto che il 14 maggio 1946, la Città di Gorizia è stata insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività partigiana con la seguente motivazione: « Luce di civiltà italiana da secoli lontani; speranza d’eroi che per lei offrirono la vita congiungendola alla Patria nel ciclo conclusivo del Risorgimento; intrepida sempre nella difesa delle sue tradizioni; dava, anche nelle recenti fortunose vicende, col sangue dei suoi figli, la prova del suo indistruttibile patriottismo, segnando di luce gloriosa l’epopea partigiana. Sacra agli Italiani, per la sua incorruttibile fede e per le chiare gesta dei suoi figli, ormai affidate alla storia. Esempio di quanto possano l’animo ed il braccio nella difesa dei vincoli della stirpe e della civiltà, monito alle generazioni future dell’Italia e del mondo. 1848 - 1870; 1915 - 18; 1943 - 47. »


Dunque, dopo neanche due righe dedicate alla resistenza, si parla dell'occupazione nazista, dedicando, a questa, circa tre righe, parlando brevemente di generici lutti e deportazione e di eliminazione nei campi di sterminio della comunità ebraica goriziana. Per arrivare, ovviamente, al periodo, che per come descritto, pare essere stato mille volte peggiore del fascismo e nazismo messi insieme, dei 42 giorni Jugoslavi. Scrivono che questi furono presenti dal 2 maggio al 12 giugno, specificando dopo la fine del secondo conflitto mondiale, e così scrivendo in relazione alla città di Gorizia“ conoscendo altri tragici momenti, con la deportazione e la sparizione, da parte delle truppe jugoslave, di centinaia di cittadini inermi, molti dei quali furono barbaramente trucidati e gettati ancora vivi nelle foibe, profonde cavità di formazione carsica. Il pertinace tentativo del governo comunista jugoslavo di Tito di annettersi Gorizia fu sventato dalla decisa reazione della maggioranza della popolazione, italiana, si riversò in piazza evitando così di finire sotto la dittatura comunista jugoslava e scegliendo con decisione l'appartenenza all'Occidente democratico". Premesso che la seconda guerra mondiale sarebbe finita non il 2 maggio ma il 9 maggio, premesso che i partigiani jugoslavi liberarono Gorizia dall'occupante nazifascista a partire dal primo maggio, si dimentica totalmente l'occupazione delle altre truppe alleate, che durerà fino al '47, si ometteranno le violenze che accadranno per la Gorizia italiana con la complicità e l'omertà delle truppe così dette alleate, e nel mentre si esaspera all'ennesima potenza il periodo dei 42 giorni, riportando elementi che ancora oggi non sono stati provati, che sono stati con cognizione di causa contestati, basta pensare ai tantissimi nomi indicati nella lapide del Parco della Rimembranza che risultano essere indicati erroneamente come deportati, eppure tali nomi sono ancora lì, nonostante molti di loro furono anche totalmente estranei ai fatti di cui a quella lapide. Insomma un pessimo modo di fare storia, fazioso, strumentale e che non onora in modo dignitoso l'essere Gorizia signora e città d'Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…